Adieu Au Langage - Addio al linguaggio

Un film di Jean-Luc Godard. Con Kamel Abdeli, Héloise Godet, Zoé Bruneau, Richard Chevallier, Jessica Erickson.
continua»
Titolo originale Adieu Au Langage. Drammatico, durata 70 min. - Svizzera 2014. - Bim Distribuzione uscita giovedì 20 novembre 2014. MYMONETRO Adieu Au Langage - Addio al linguaggio * * * 1/2 - valutazione media: 3,67 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
cinemacinema sabato 2 febbraio 2019
godard è sempre godard Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Magari non è il suo film più bello, magari non è il suo film più nuovo,
magari non tutto è comprensibile... ma avercene film così esteticamente emozionanti
e così fuori dagli schemi!
Cinema come coraggio!

[+] lascia un commento a cinemacinema »
d'accordo?
giorgia1971 domenica 11 dicembre 2016
ah dieux oh langage Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

  "Non sono un genio,sono un autista di alto livello"
"Cosa diranno di questo film? Diranno che non hanno capito niente. [+]

[+] lascia un commento a giorgia1971 »
d'accordo?
giorgia1971 giovedì 8 dicembre 2016
ah dieux. Valutazione 0 stelle su cinque
100%
No
0%

 "Non sono un genio,sono un autista di alto livello"
"Cosa diranno di questo film? Diranno che non hanno capito niente.Non voglio paragonarmi a loro ma dicevano la stessa cosa dell'ultimo Beethoven o il primo Picasso" 
J-L Godard
ADIEU AU LANGAGE . [+]

[+] lascia un commento a giorgia1971 »
d'accordo?
francesco2 venerdì 16 gennaio 2015
critici e cinefili Valutazione 0 stelle su cinque
50%
No
50%

(Almeno?) il nuovo film di Godard ci pone di fronte ad un interrogativo, cioé la differenza tra la categoria del cinefilo e quella del critico.

Il primo , forse inevitabilmente o quasi, è attratto da  esperimenti nuovi, volti ad affrontare problemi complessi con un linguaggio criptico ed affascinante: il secondo, invece,

dovrebbe forse essere liberato dal dogma della "Sperimentazione  atutti i costi", valutando con un approccio meno "Di ricerca", ma forse anche più maturo, i risultati concreti di

un'opera.

Le considerazioni di chi scrive, il quale dai sedici ai diciotto è stato a sua volta un cinefilo, sono scisse -O forse no- dal fatto che Godard, da esponente della "Nouvelle vague",

è stato a sua volta rappresentante di ALMENO una delle due categorie indicate, nel senso che vari esponenti della "nouvelle vague" sono stati a loro volta, prima di tutto, dei

teorici del cinema. [+]

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?
bruno cortona domenica 7 dicembre 2014
addio al linguaggio, o a godard? Valutazione 1 stelle su cinque
73%
No
27%

 Una piccola premessa: amo i film del primo Godard, come i più famosi "Bande a part" e "À bout de souffle", per citarne due dei più famosi; ammetto però di non conoscere i suoi film più recenti e di essere arrivato quindi alla visione di "Adieu au langage" in maniera assolutamente ingenua, portato da amici in un piovoso venerdì sera. Il film di Godard è frutto di una ricerca artistica molto accurata e questo si percepisce e si nota. Una "pellicola" sperimentale, che utilizza il 3D per distorcere (facendoci decisamente sanguinare gli occhi), un montaggio che volutamente de-struttura così come la fotografia (alcuni frames sono notevoli) e i dialoghi, intrisi di citazioni di molti e noti filosofi e scrittori occidentali. [+]

[+] non credo proprio alla tua storiella (di giorgia1971)
[+] lascia un commento a bruno cortona »
d'accordo?
bruno cortona sabato 6 dicembre 2014
addio al linguaggio, o a godard? Valutazione 1 stelle su cinque
54%
No
46%

Una piccola premessa: amo i film del primo Godard, come i più famosi "Bande a part" e "À bout de souffle", per citarne due dei più famosi; ammetto però di non conoscere i suoi film più recenti e di essere arrivato quindi alla visione di "Adieu au langage" in maniera assolutamente ingenua, portato da amici in un piovoso venerdì sera. Il film di Godard è frutto di una ricerca artistica molto accurata e questo si percepisce e si nota. Una "pellicola" sperimentale, che utilizza il 3D per distorcere (facendoci decisamente sanguinare gli occhi), un montaggio che volutamente de-struttura così come la fotografia (alcuni frames sono notevoli) e i dialoghi, intrisi di citazioni di molti e noti filosofi e scrittori occidentali. [+]

[+] lascia un commento a bruno cortona »
d'accordo?
fabiofeli giovedì 27 novembre 2014
bambini no, un cane sì Valutazione 4 stelle su cinque
88%
No
13%

Il pensiero iniziale dello spettatore è: ”Bene, Jean-Luc, anche stavolta l’hai combinata grossa. Come al solito ci hai cacciato in un labirinto con molte false uscite.”

Il film è diviso da scritte in sezioni, e queste sono divise in capitoli, secondo il consueto stile del cineasta francese. Ne sortisce una conferenza dove si parla a ruota libera di Natura, Metafora, Linguaggio. Le riflessioni si alternano con citazioni filosofiche, matematiche, cinematografiche, letterarie, politiche, artistiche - Solgenitsin, Ellul, Monet, Dirac, Mary Shelley, Van Vogt, Nicolas De Stael, Mao, Jack London, Fritz Lang, solo per citare alcuni autori – intrecciandosi e sostenendosi le une alle altre. [+]

[+] lascia un commento a fabiofeli »
d'accordo?
Adieu Au Langage - Addio al linguaggio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | fabiofeli
  2° | bruno cortona
  3° | giorgia1971
  4° | giorgia1971
  5° | bruno cortona
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Sito italiano
Uscita nelle sale
giovedì 20 novembre 2014
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità