Salvo

Acquista su Ibs.it   Dvd Salvo   Blu-Ray Salvo  
Un film di Fabio Grassadonia, Antonio Piazza. Con Saleh Bakri, Sara Serraiocco, Luigi Lo Cascio, Giuditta Perriera, Mario Pupella.
continua»
Drammatico, durata 104 min. - Italia, Francia 2012. - Lucky Red uscita giovedì 27 giugno 2013. MYMONETRO Salvo * * * 1/2 - valutazione media: 3,27 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
fabiofeli lunedì 1 luglio 2013
una storia di mafia per parlare di sentimenti Valutazione 4 stelle su cinque
61%
No
39%

Salvo (Saleh Bacri) è un killer mafioso spietato. Deve uccidere un componente di un clan avversario, ma nella casa di questi c’è la sorella cieca, Rita (Sara Serraiocco). Nell’attesa dell’avversario Salvo spia le mosse della ragazza. L’esecuzione avviene fuori campo e il successivo contatto di Salvo con Rita, terrorizzata, origina un avvenimento imprevisto: la ragazza cieca, quasi miracolosamente, comincia confusamente a vedere attraverso le dita di Salvo premute sul suo volto. Prima solo luci ed ombre, poi sempre più chiaramente. Salvo non ha cuore di uccidere anche Rita: la rinchiude dentro la casa, un capannone industriale abbandonato, e riferisce al capo-clan (Mario Pupella) di aver eliminato tutti e due. [+]

[+] mafia? (di angelo umana)
[+] lascia un commento a fabiofeli »
d'accordo?
xoting giovedì 4 luglio 2013
le parole possono essere ridondanti Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

Forse non lo dovremmo chiamare film, almeno per il concetto che ne abbiamo avuto fino ad oggi. Salvo oltrepassa una nuova frontiera del racconto dove i dialoghi sono sostituiti dai sospiri e dall’ansia degli stessi spettatori. Salvo ti catapulta in un luogo, una storia, un modo di vivere il tempo e il territorio, quel territorio, dove la legge non è scritta ma è inesorabile ed indiscutibile. La durezza spietata del protagonista che è costretto a mimare il suo stesso personaggio perché non potrebbe fare altrimenti ri scopre vulnerabile quando la compassione si dimostra più forte di lui e lo porterà alla conseguenze etreme. La vecchia contrapposizione del bene e del male, vista con ruoli che si scambiano fino a fare apparire giuste le carezze verso l’assassino del proprio fratello, è qui rinnovata ancora una volta ma senza retorica e tutta intera nella sua crudezza. [+]

[+] lascia un commento a xoting »
d'accordo?
sherkat mercoledì 7 maggio 2014
cinema o tecnica cinematografica? Valutazione 1 stelle su cinque
67%
No
33%

Al di lá del pubblico appassionato ed esperto, esiste purtroppo il pubblico e basta. Quel pubblico, cioè, che va al cinema per assistere a qualcosa di interessante, magari proprio in base alle recensioni della critica "illuminata". La locandina di "Salvo" promette un film d'azione prodotto da registi esordienti e interpretato da attori sconosciuti. Il valore aggiunto è quello della critica più che positiva unita a premiazioni prestigiose come il Grand Prix de la Semaine de la Critique del Festival di Cannes. Il risultato è invece quello di un film esasperatamente lento, non privo di tecnicismi di pregio, ma pur sempre molto, molto lento. Il pubblico ordinario, quello non composto da aspiranti cineasti né da allievi di fotografia cinematografica, sarà deluso da una trama ordinaria, da un soggetto per nulla originale e da un cast di attori sfingei, mutacici e rigidi. [+]

[+] lascia un commento a sherkat »
d'accordo?
giovanna giovedì 11 luglio 2013
sotto il coccodrillo (lacoste) batte un cuore Valutazione 3 stelle su cinque
56%
No
44%

La Mafia come cecità, come squallore di vita, afasia sentimentale, voglia di libertà da schemi opprimenti. Ma anche difficoltà ad eluderne i meccanismi, subalternità ai ruoli, denuncia di colpevole connivenze. Il titolo suggerisce un protagonista, in realtà la narrazione prevede un’intera microsocietà imprigionata in stereotipi di violenza, sopraffazione, miseria intellettuale, attraverso una storia che nella sua inverosimiglianza parla di voglia di libertà, di riscatto, di tenerezza. Film di forti contrasti di genere, di sentimenti, di luci. In una Palermo da mezzogiornodifuoco, un agguato mafioso si consuma nella polvere e nel sangue, Salvo, pitbull in forma umana di un locale padrino, con vezzi alla Marlon Brando, nel concludere la mattanza giornaliera, finisce nella casa dell’ultima vittima, la cui sorella cieca, Rita, assiste impotente al brutale assassinio. [+]

[+] lascia un commento a giovanna »
d'accordo?
angelo umana venerdì 19 luglio 2013
"arriverà" l'amore? Valutazione 4 stelle su cinque
42%
No
58%

 La bella canzone dei Modà e Emma, “Arriverà”, di un amore perduto e poi ritrovato, è presente in varie fasi del film e diventa, oltreché un filo conduttore, qualcosa di intimo, privato dei due protagonisti Rita e Salvo. Lui è il killer di un’organizzazione criminale, un “cleaner” - ma non così clean come Jean Reno in Léon – che compie missioni omicide su incarico del suo boss, vive in incognito in Sicilia (per quanto in quell’isola si possa vivere in incognito), in località segreta e accudito di tutto punto da due camerieri, freddo e di poche parole, votato unicamente a quel mestiere. Cinico e solo non dispone nemmeno della doppia vita che conduceva un’altra recente esecutrice, “Miele”. [+]

[+] lascia un commento a angelo umana »
d'accordo?
diomede917 martedì 9 luglio 2013
salvo è sano Valutazione 3 stelle su cinque
31%
No
69%

Strano il destino che unisce i due film italiani che hanno aperto e chiuso questa stagione cinematografica entrambe due opere prime sofferte, entrambi vincitori virtuali dei festival ai cui hanno partecipato ed entrambi parlano di due destini che si incrociano nello sfondo malavitoso dell’Italia del sud……è questo quello che unisce Salvo con L’intervallo…..
Nel caso specifico la storia produttiva di Salvo è decisamente travagliata, prima una menzione speciale ai Solinas poi trasformata nel corto Rita e infine grazie a una questua produttiva ecco arrivare sugli schermi Salvo.
Il protagonista che da il titolo al film è un killer della mafia che dopo una mattanza nei confronti di un clan rivale non riesce ad uccidere la sorella cieca del capo…. [+]

[+] lascia un commento a diomede917 »
d'accordo?
flyanto lunedì 1 luglio 2013
quando due anime sole si incontrano Valutazione 3 stelle su cinque
24%
No
76%

 Film in cui si narra di un killer affiliato alla mafia, di nome appunto Salvo, il quale nel corso di una sparatoria avvenuta come regolamento di conti, uccide un boss che ha una sorella cieca. La ragazza vive praticamente segregata in casa e completamente isolata dal resto del mondo esterno e, morto il fratello, rimane in balia di se stessa. Il killer Salvo comprende ciò e ne rimane profondamente colpito a tal punto che, andando contro tutto e tutti, decide di prendersi cura di lei come un fratello maggiore e salvarla dal suo destino di morte certa. Ovviamente l'epilogo sarà altamente drammatico ma almeno egli sarà riuscito nel suo intento con l'aggiunta anche di un consistente "rivolgimento" nel corso dell'intera vicenda. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
Salvo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | fabiofeli
  2° | xoting
  3° | sherkat
  4° | giovanna
  5° | angelo umana
  6° | diomede917
  7° | flyanto
Nastri d'Argento (7)
David di Donatello (5)


Articoli & News
Link esterni
Facebook
Twitter
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 27 giugno 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità