Impiegati

Un film di Pupi Avati. Con Luca Barbareschi, Elena Sofia Ricci, Claudio Botosso, Cesare Barbetti, Gianni Musy.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+16, durata 98 min. - Italia 1984. MYMONETRO Impiegati * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,00/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Luca Barbareschi
Luca Barbareschi (61 anni) 28 Luglio 1956 Interpreta Enrico Silvestri
Elena Sofia Ricci
Elena Sofia Ricci (56 anni) 29 Marzo 1962 Interpreta Annalisa
Claudio Botosso
Claudio Botosso (60 anni) 28 Marzo 1958 Interpreta Luigi Stanzani
Cesare Barbetti
Cesare Barbetti 29 Settembre 1930 Interpreta Il padre di Dario
Gianni Musy
Gianni Musy 3 Agosto 1931 Interpreta Il dottore Pozzi
Raffaele Curi
Raffaele Curi (70 anni) 13 Aprile 1948 Interpreta Alberto
Un dietro le quinte della vita di alcuni impiegati. In questo microcosmo arriva un ingenuo laureato al primo impiego, Luigi, che a poco a poco si inse...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
primo piano
Un efficace spaccato della vita dei giovani d'oggi
    * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING
Locandina Impiegati

Un dietro le quinte della vita di alcuni impiegati. In questo microcosmo arriva un ingenuo laureato al primo impiego, Luigi, che a poco a poco si inserisce a modo suo in questo ambiente ipocrita e fatuo. La morte (suicidio o incidente?) del suo più caro amico lo segna profondamente, ma la banca è aperta tutti i giorni. Pupi Avati ha realizzato con finezza uno spaccato della vita dei giovani d'oggi, guidando al meglio, come sempre, i bravi attori.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
IMPIEGATI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Infinity
* * * - -

Lo yuppismo padano di pupi avati

lunedì 21 marzo 2016 di gianleo67

Assunto dalla filiale bolognese della BNL dove aveva lavorato il padre, il neolaureato Luigi si trova catapultato in un mondo giovane e stimolante ma che, sotto la superficie di rapporti umani accattivanti, cova l'egoismo ed il cinismo di una competizione che si fa beffe del suo carattere mite e arrendevole. La sua convivenza con il giovane coinquilino Dario, studente perdigiorno e apatico, sembra peggiorare di molto le cose. Scritto insieme all'inseparabile fratello Antonio e tratto continua »

Claudio Botosso e Dario Parisini
Com'è che ti va tutto così bene, che sei così accomodante?
Perché non me ne frega niente: non sono queste le cose che contano.
Quali sono?
Cosa?
Le cose che contano.
Non ci sono.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Claudio Botosso e Dario Parisini
Com'è che ti va tutto così bene, che sei così accomodante?
Perché non me ne frega niente: non sono queste le cose che contano.
Quali sono?
Cosa?
Le cose che contano.
Non ci sono.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Dopo quattordici film in costume, tra la fantasia e l’invenzione, Pupi Avati con la sua op. 15, si tiene all’oggi e addirittura tra le “mezze maniche” del mondo impiegatizio. Sempre a Bologna, ma senza spaziare quasi mai all’aperto, nelle sale traslucide e con mobili di metallo cromato di una grande banca, osservando da vicino, molto da vicino, gli impiegati che vi lavorano. Uno solo di una certa età, tutti gli altri sui venticinque anni, ragazzi e ragazze divisi fra la carriera, gli amori (o gli amorazzi), un po’ di vita mondana e la conquista di qualche svago che, per alcuni, possa anche significare un salto di qualità sociale, un avvicinarsi ai modi e ai ritmi di una classe un po’ più su. »

di Stefano Reggiani

Il mondo è sempre più degli impiegati, ma non se ne parla molto, perché sembra che non ci sia nulla da dire e da aggiungere, dopo i vecchi sberleffi di Courteline e i più recenti sarcasmi di Villaggio, dopo le poetiche apprensioni di Olmi (Il posto, 1961). Resta l'idea di una zona opaca e tuttavia fortissima, non più ridicola del resto della società, ma più stabile, capace di rispecchiare i vizi comuni e di frenarne gli eccessi. Pupi Avati, entrando negli uffici di una grande banca, tra gli impiegati a tavolino e non, tra i sacrificati allo sportello, non ha voluto propriamente darci un referto sociologico né un pamphlet di critica maliziosa, ma un rapido, suggestivo ritratto esistenziale, un possibile codice della vita che ordina intorno al lavoro d'ufficio i sentimenti e i desideri. »

Impiegati | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | gianleo67
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità