Conversazioni private

Un film di Liv Ullman. Con Max von Sydow, Samuel Froler, Pernilla August, Anita Björk, Vibeke Falk.
continua»
Titolo originale Enskilda Samtal. Drammatico, durata 135' min. - Svezia 1996. MYMONETRO Conversazioni private * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,75/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Max von Sydow
Max von Sydow (85 anni) 10 Aprile 1929 Interpreta Pastore Jacob
Samuel Froler
Samuel Froler (57 anni) 24 Marzo 1957 Interpreta Henrik Bergman
Pernilla August
Pernilla August (56 anni) 13 Febbraio 1958 Interpreta Anna Bergman
Anita Björk
Anita Björk (91 anni) 25 Aprile 1923 Interpreta Karin Åkerblom
Vibeke Falk
Vibeke Falk (96 anni) 27 Settembre 1918 Interpreta Ms. Nylander, la cameriera
Thomas Hanzon
Thomas Hanzon   Interpreta Tomas Egerman
   
   
   
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
il MORANDINI
di Laura, Luisa e Morando Morandini
    * * * 1/2 -

Scritto da Ingmar Bergman come Con le migliori intenzioni (1992) di cui è il seguito, racconta un altro decennio (1924-34) nell'infelice vita coniugale di Henryk Bergman e Anna Akerblom, genitori del regista. È la storia di un adulterio, quello che Anna commette con Thomas, studente di teologia più giovane di lei. Pur tra sconnessioni temporali e qualche taglio rispetto all'edizione televisiva, è diviso in 5 conversazioni (meglio: confessioni, nel titolo originale e nell'accezione luterana della locuzione) con epilogo-prologo nel 1907. A differenza del film precedente, la sceneggiatura di Bergman ha qui un impianto più frammentario e intimista dove si scava in profondità nel groviglio di amore-odio-senso del dovere-rivolta di Anna (P. August, qui protagonista assoluta, doppiata da Cristiana Lionello). Alla sua 3ª regia, L. Ullmann ci ha messo del suo: sensibilità, cura dei particolari, un tocco di femminilità oscuro e potente, quasi come in un processo di osmosi, identificazione, transfert tra regista, interprete e personaggio. Nell'edizione italiana manca la 3ª conversazione tra Anna e sua madre.

Premi e nomination Conversazioni private il MORANDINI
Conversazioni private recensione dal dizionario Farinotti
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
33%
No
67%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Conversazioni private adesso. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Perché Anna (Pernilla August) non ama più suo marito Henrik? Che cosa ha spento in lei ogni traccia di affetto verso il padre dei suoi figli? Restano avvolte nel mistero, per noi spettatori, le ragioni più segrete del disamore della protagonista di Conversazioni private, che Liv Ullman ha tratto da una sceneggiatura di Ingmar Bergman. Un viaggio in cinque stazioni alla scoperta di un’anima sofferente, ribelle, ansiosa di nuovi orizzonti. Primo movimento: Anna incontra per caso il pastore Jacob (Max von Sydow), che tanti anni prima l’aveva preparata per la Cresima. »

Scene di un matrimonio in crisi

di Aldo Garzia Liberazione

La religione protestante non prevede il sacramento della confessione, ma incoraggia un confronto aperto e liberatorio con il pastore. Una confessione faccia a faccia. Una conversazione privata e dolorosa come i cinque dialoghi che compongono l'ossatura di questo primo, straordinario film diretto da Liv Ullmann a partire da una sceneggiatura autobiografica di Ingmar Bergman. Anna (Pernilla August) ed Henrik (Samuel Fröler), genitori "romanzati" di Bergman, tornano sullo schermo a quattro anni da Con le migliori intenzioni di Bille August. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

“Prego Iddio senza fiducia. Bisogna arrangiarsi da soli, per quanto è possibile”. Così termina Lanterna magica (Garzanti), autobiografia scritta da Ingmar Bergman dieci anni fa, alla soglia dei settant’anni. Le aveva annotate sul proprio diario segreto la madre Karin, queste parole insieme disperate e coraggiose, durante il luglio del 1918. Proprio in quell’anno e in quel mese, la mattina del 14, una domenica, aveva dato alla luce Ernst Ingmar, che sarebbe diventato uno dei grandi del Novecento. »

di Marco Lodoli Diario

Il dilemma è questo: la verità va detta o va taciuta? Dobbiamo mantenerci nel calduccio e nella tranquillità della menzogna, oppure sfoderare la spada cormusca della verità e con quella infliggere profonde ferite a chi ci sta di fronte? Perché, sia chiaro, la verità coincide sempre con il dolore, non esiste una verità piacevole, che ci allontani dalla pena. Se qualcuno si siede davanti a noi e guardandoci dritto negli occhi ci dice: «Ho esitato a lungo, ma ora sento che devo assolutamente rivelarti la verità», non c’è dubbio che sta per procurarci un dolore. »

Conversazioni private | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità