L'atelier

Acquista su Ibs.it   Dvd L'atelier   Blu-Ray L'atelier  
Un film di Laurent Cantet. Con Marina Fo´s, Matthieu Lucci, Warda Rammach, Issam Talbi, Florian Beaujean.
continua»
Titolo originale L'atelier. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 114 min. - Francia 2017. - Teodora Film uscita giovedý 7 giugno 2018. MYMONETRO L'atelier * * * - - valutazione media: 3,24 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Cognome e nome: Chauvin Antoine Valutazione 3 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 34038 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
lunedý 6 agosto 2018

L’Atelier” èun film interessante che però cambia registro sul finale passando da film impegnato di rappresentazione del sociale a uno psicologico.
Siamo a La Ciotat, una località di 35.000 abitanti sulla costa mediterranea vicino a Marsiglia, dove c’era un enorme cantiere navale che dava ricchezza a tutta la zona e che fu chiuso verso la fine degli anni Settanta. Dopo lunghe battaglie operaie, La Ciotat non si è ancora ripresa economicamente dopo tanti anni e oggi è prevalentemente porto turistico con officine per riparazioni navali per le unità da diporto. Al centro della zona c’è ancora un bacino di carenaggio di 200 per 60 metri.
La cittadina è famosa tra i cinéphilesanche per un’altra ragione: i fratelli Lumière immortalarono l’arrivo del treno proprio nella stazione ferroviaria di La Ciotat.
In “L’Atelier” Olivia Dejazet (interpretata da Maria Foïs) è una famosa scrittrice di gialli che tiene un atelier di scrittura con dei ragazzi locali: un gruppo multietnico e variegato.
Come spesso in questo genere di film - “La classe” dello stesso Laurent Cantet del 2008, “Monsieur Lazhar” di Philippe Falardeau del 2011, ma anche “Una volta nella vita” di Marie-Castille Mention-Schaar del 2016 - l’obiettivo è proprio quello di imparare a cooperare e a costruire in modo collettivo confrontandosi, in modo da creare un’identità collettiva al di là delle differenze. Il pretesto del film è quello di scrivere insieme un romanzo giallo che presenti quindi un omicidio e che sia ambientato proprio in quella zona.
Nel laboratorio di scrittura, naturalmente si creano delle difficoltà, dovute alle differenze culturali e religiose o a diverse opinioni politiche. Comunque a quell’età il rapporto tra giovani è sempre piuttosto delicato. Uno dei ragazzi (ben interpretato da Matthieu Lucci) si chiama Antoine Chauvin (un cognome a caso?) ed è un ragazzo solitario, introverso e scontroso che, con le sue ritrosie e fragilità, rappresenta un campione di permeabilità a slogan razzisti. Antoine è inquieto, si nasconde da tutti, forse anche da se stesso. I soli amici che riesce ad avere è un gruppetto di sbandati di estrema destra dove circola molta provocazione ed esibizione.
Anche se non c’è nessuna relazione, il personaggio di Antoine mi ha evocato quello rappresentato nel film “Cognome e nome: Lacombe Lucien”, diretto da Louis Malle nel 1974 e interpretato da Pierre Blaise, che narra le vicende di un giovanissimo contadino che diventa collaborazionista nel sud-ovest della Francia nel 1944. Il contesto storico e ambientale è molto diverso in  “L’Atelier” la realtà rappresentata non è disagiata, è monotona e la radicalizzazione sembra costituire una valvola di sfogo dalla noia.
Nel nostro film Laurent Cantet sottolinea l’intrigo psicologico che diventa emergente: quello tra Olivia e Antoine, il quale provoca continuamente gli altri con posizioni violente, e perfino la tutor animatrice dell’atelier. Leggerà avanti a tutti un brano di un suo giallo accusandola di usare parole vuote senza capire fino in fondo la matrice della violenza. C’è una forte attrazione tra i due ma c’è anche repulsione.
Quest’ultima parte del film gioca molto sull’ambiguità: Olivia, lo maltratta ma poi gli chiede scusa, lo cerca, lo coinvolge in un nuovo giallo. Non si sa bene se i cerchi materiale umano per il suo nuovo romanzo o intenda realmente aiutarlo avendo compreso i suoi livelli di sofferenza?
I film di Laurent Cantet parlano di piccole storie del quotidiano; le protagoniste sono fabbriche in sciopero o scuole multiculturali nella banlieu, tutti luoghi di classi sociali meno favorite dalla sorte. Non solo ma Laurent Cantent e i suoi attori, spesso non professionisti, lavorano assieme per plasmare la sceneggiatura per rendere più veritieri i personaggi.
Con “L’Atelier” Maria Foïs ha ottenuto il Premio Cèsar 2018 per la migliore attrice, e il regista Laurent Cantet, il premio della giuria Un Certain Regard 2017.

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
L'atelier | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | vanessa zarastro
  2░ | flyanto
  3░ | michelino
  4░ | flyanto
Rassegna stampa
Serge Kaganski
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 7 giugno 2018
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 22 giugno
Cosa sarÓ
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità