La ragazza che sapeva troppo

Un film di Colm McCarthy. Con Gemma Arterton, Glenn Close, Paddy Considine, Anamaria Marinca, Dominique Tipper.
continua»
Titolo originale The Girl With All the Gifts. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 111 min. - Gran Bretagna 2016.
   
   
   

Lo scrittore che ne sapeva troppo poco Valutazione 0 stelle su cinque

di laurence316


Feedback: 27050 | altri commenti e recensioni di laurence316
domenica 6 gennaio 2019

E’ probabile che lo sceneggiatore (nonché autore del romanzo originale) si sia convinto di aver creato qualcosa di veramente originale, ed è lecito pensare che le sue intenzioni fossero buone (come dimostra l’interessante incipit). Peccato che il risultato finale si riveli essere un film alquanto deludente.
Era for­se inevitabile che, a seguito della fuga dal complesso, la narrazione si sviluppasse in maniera più convenzio­nale, ma
questo La ragazza che sapeva troppo in più d’un occasione appare tirato troppo per le lunghe, on­divago, girovago, indeciso su dove voler andare a para­re, e certi risvolti narrativi sono fin troppo convenienti (vedi il fatto sorprendente che quando a far rumore sono i protagonisti, nel loro entrare in città, di “affama­ti” ciondolanti se ne attivano pochi, mentre il mugolio terrorizzato di un innocuo cagnetto è sufficiente ad atti­varli tutti insieme come un’orda, togliendo guarda caso rapidamente d’impiccio i protagonisti stessi).

Ma,
come se non bastasse, la trama è in molti aspetti trop­po simi­le a quella di The Last of Us, videogioco targa­to Naughty Dog pubblicato nel 2013 (e quindi uscito pri­ma tanto del romanzo quanto, a maggior ragione, del film): sia per quanto riguarda la protagonista (e la sua particolare natura) e le ambientazioni, sia per quan­to riguarda i dettagli dell’infezione fungina e del suo pro­pagarsi.
E sé è pur sempre vero che tali dettagli ricalca­no quasi alla lettera i reali effetti che il fungo cita­to in un dialogo, l’
Ophiocordyceps unilateralis, produ­ce nelle formiche della specie Camponotus leonardi che infetta, ciò in alcun modo emenda le altre macroscopi­che rassomiglianze con il videogame.

La tanto millantata originalità, dunque, a ben vedere, latita, e l’unico punto nel quale il film prende realmente una strada totalmente autonoma, ovvero nel finale, cor­risponde al momento in cui la narrazione naufraga definitivamente. Perché si tratta di un finale piutto­sto stupido,
affrettato, poco giustificato che apre tutta una serie di macroscopiche inverosimiglianze ([SPOILER: leggere solo dopo aver visto il film] dal punto di vista di Melanie, perché causare la fine an­che di chi si vuole bene, o comunque si tiene in simpatia? Per quanto riguarda la maestra Justineau: perché si presta a fare da insegnante agli appartenenti ad nuova specie che si è sostituita alla sua, con­dannandola all’estinzione? E lei come accidenti dovrebbe fare a sopravvivere non avendo viveri, non potendo uscire per procurarseli o, eventualmente, non potendo fidarsi a mangiarli dato che le spore hanno contaminato ogni cosa? [FINE SPOILER]).

Insomma, se il suo scopo era di suscitare una qual­che sorta di riflessione, se l’intenzione in esso insita era di creare una qualche sorta di allegoria politica, beh, si può tranquillamente affermare che tale intenzione sia fallita miseramente.
Probabilmente lo “
zombie horror” non è il miglior genere per sviluppare profonde riflessioni su temi quali l’umanità, la compassione, l’arroganza del genere umano (ma a voler essere sinceri i film di Romero sono lì a dimo­strare il contrario); o invece, molto, ma molto più probabilmente e semplicemente, lo sceneggiatore non è stato capace di sviluppare appieno in tutte le loro potenzialità i buoni spunti iniziali (dunque, dimostrando di saperne poco della sua stessa storia [per l'appunto, delle potenzialità in essa insite]; dimostrando, in altre parole, scarsa fantasia). Rimanedo in superifice, mai approfondendo adeguatamente (come nel caso della scontro con la dottoressa Caldwell, che porta alla luce l'eterna domanda se sia giusto o giustificabile il sacrificio di uno per il bene di molti).

Comunque, sug­gestive alcune riprese aeree di una Londra post-apocalittica avvinghiata nelle spire della vegetazione e del fungo che va diffondendosi (nella realtà realizzate con droni nella tristemente famosa città fantasma di Pryp"jat', evacuata a seguito del disastro nucleare di Černobyl'). E buone le interpretazioni del cast, che però possono poco per risollevare le sorti dell’opera.

[+] lascia un commento a laurence316 »
Sei d'accordo con la recensione di laurence316?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di laurence316:

Vedi tutti i commenti di laurence316 »
La ragazza che sapeva troppo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies



Pubblico (per gradimento)
  1° | laurence316
  2° | alex62
  3° | liuk!
BAFTA (1)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità