È stato il figlio

Acquista su Ibs.it   Dvd È stato il figlio   Blu-Ray È stato il figlio  
Un film di Daniele Ciprì. Con Giuseppe Vitale, Toni Servillo, Giselda Volodi, Alfredo Castro, Fabrizio Falco.
continua»
Drammatico, durata 90 min. - Italia 2012. - Fandango uscita venerdì 14 settembre 2012. MYMONETRO È stato il figlio * * * 1/2 - valutazione media: 3,65 su 65 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
nino pell. domenica 21 ottobre 2012
prezioso esempio di grande cinema italiano Valutazione 5 stelle su cinque
88%
No
12%

E' bello scoprire al Cinema che fortunatamente esistono sempre dei grandi film italiani. In particolar modo, questa pellicola del regista Ciprì ne rappresenta un prezioso esempio. Abile, preciso ed acuto nel descrivere una realtà sociale decadente, fragile ed abbandonata a se stessa, "E' stato un figlio" in realtà è soprattutto un film che richiede un'analisi particolareggiata e riflessiva dei vari personaggi che ne compongono la storia. Ironia e drammaticità, leggerezza e tensione, sono elementi che sembrerebbero in totale dicotomia tra loro, ma che si tengono perfettamente avvinghiati e coesi su di un filo sottile ma perfettamente teso, riuscendo a creare un'atmosfera che sembra sospesa a tratti, ma precisa, perfetta in ogni piccolo particolare. [+]

[+] lascia un commento a nino pell. »
d'accordo?
k. s. stanislavskij giovedì 20 settembre 2012
meravigliosamente grottesco e tragico Valutazione 4 stelle su cinque
71%
No
29%

una storia che ti lascia con un senso acutissimo di vuoto esistenziale e che arriva con forza ed efficacia in modo tragico. questa è la forza di questo film, gosibilissimo nella sua grottesca umanità, ma davvero arriva poi come un pugno nello stomaco. Bravissimi gli attori tutti. menzione speciale alla "nonna" Aurora Quattrocchi, ma tutti veramente bravi e umanissimi nella loro caricaturale disumanità . Toni Servillo l'unico non siculo, crea una maschera di grande efficacia, un pupo siciliano sembra, manovrato dagli eventi "ineluttabili"..ineluttabili per modo dire, ma le loro vite procedono secondo schemi prestabiliti dalla loro degradat condizione sociale , fino alla fine. [+]

[+] lascia un commento a k. s. stanislavskij »
d'accordo?
babagi lunedì 17 settembre 2012
una malafamiglia Valutazione 3 stelle su cinque
60%
No
40%

Chissà se ad averlo saputo, il suo destino, Nicola non se ne sarebbe andato correndo come un pazzo giù per le scale incontro alla sua mercedes per distruggerla, urlando: “ Roba mia vientene con me”. Ma lui al contrario di Mazzarò non si è costruito la sua fortuna e non l’ha accumulata. Nicola Ciraulo vive alla giornata, come può, sventrando vecchie navi in disuso aiutato dal padre e da suo figlio. Sembra una famiglia come tante, una famiglia che potrebbe rispecchiare anche la situazione attuale, poco lavoro, pochi soldi, sacrifici  e problemi di convivenza familiare. La prima parte del film, nonostante immagini, musiche e personaggi alquanto convincenti, non sembra dirci molto di più. [+]

[+] lascia un commento a babagi »
d'accordo?
paologiai mercoledì 26 settembre 2012
una realtà vera Valutazione 4 stelle su cinque
78%
No
22%

Davvero un bel film,caratterizzato dalla solita durezza nella descrizione di una realtà umana desolata ma con uno stile inconfondibile in cui al dramma si uniscono ironia e qualche tratto di comicità,con qualche richiamo alle meravigliose gags di cinico tv. A differenza dei lavori precedenti con Maresco la vicenda è più coinvolgente e la narrazione ha uno svolgimento fluido e coerente. In realtà di famiglie così ne esistono in ogni luogo e i personaggi molto spesso rappresentano aspetti che fanno parte di tutti noi.. Bellissima la fotografia (che ricorda quasi certe finezze estetiche tipiche del cinema giapponese) e davvero bravi tutti gli attori,perfettamente calzanti e credibili nei vari personaggi, giustamente premiati entrambi a Venezia. [+]

[+] lascia un commento a paologiai »
d'accordo?
marbus martedì 16 ottobre 2012
e' stato ciprì Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Come potrebbero essere eventuali pronipoti dei personaggi di  "Brutti sporchi e cattivi " di Ettore Scola? Esattamente come i protagonisti dell'esordio da solista di Daniele Ciprì che, archiviate (anche se non del tutto  ) le trovate folli e disturbanti dei film in bianco e nero e senza donne diretti con Franco Maresco , ci narra una storia - quella della famiglia Ciraulo - contestualizzata ai giorni nostri ma che potrebbe andare bene per qualsiasi epoca, ambientata a Palermo , ma che potrebbe essere ben adatta per ogni città (infatti è girata a Brindisi. e i protagonisti sentono Nino D'Angelo), perchè la storia di una mentalità. [+]

[+] lascia un commento a marbus »
d'accordo?
m.barenghi sabato 15 settembre 2012
la “passione” secondo ciprì Valutazione 5 stelle su cinque
52%
No
48%

Opera stupefacente questo film che a Venezia si è guadagnato una bella decina di minuti di applausi a scena aperta (oltre al premio per la fotografia e per il miglior attore emergente). Difficile definirne il genere, anche se gli stilemi dell’Autore (vi ricordate gli stupendi spot di “cinico TV” che contrappuntavano gli show della Dandini negli anni ’90?) restano fortunatamente ancora quelli: quello di Ciprì si potrebbe definire un cinema “post-neorealista”, anche se il richiamo più netto, anche in senso stilistico e “religioso” è l’”Accattone” di Pasolini. E come in Pasolini, il finale mette in scena una “passione”, strepitosamente contrappuntata dalla corale polifonica di Carlo Crivelli (di cui purtroppo non si trova ancora traccia né accento nei canali informatici abituali): come al solito, purtroppo, l’Innocenza perde e la Malizia paga. [+]

[+] ...e anche... (di bartito)
[+] lascia un commento a m.barenghi »
d'accordo?
pressa catozzo martedì 18 settembre 2012
amara italia Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Il cinema oltre che intrattenere è stato sempre lo specchio dei tempi. Loach Red Ford e tanti altri hanno denunciato crimini e misfatti dei loro paesi. Noi saltiamo sulla sedia, mai parlare per scritto o immagini di quello che è la realtà del nostro ex bel paese che sembra sempre più il nome di un formaggio. Ciprì eredita il pensiero di Pasolini, non lo copia ma va alla ricerca di cosa non funziona e cosa non va nella nostra testa. Per vedere un italia diversa , quella del benessere e dei lustrini bisogna solo accendere la televisione. Un contenitore vuoto anche se questa opera è stata finanziata dalla RAI. Ottima ralizzazione, fotografia montaggio, forse i sottotitoli distraggono dalla drammacità degli eventi. [+]

[+] lascia un commento a pressa catozzo »
d'accordo?
alfi2 domenica 16 settembre 2012
grandissimo servillo Valutazione 3 stelle su cinque
56%
No
44%

Quando vedo un film come questo mi sento preso in giro dai vari Vanzina e Parenti con i loro film e i loro poveri attori. Questo è cinema italiano, un cinema vivo e capace di darti le emozione che alla fine cerchi. La storia è quella di una famiglia di "poveracci" colpiti ancora di più dalla tragedia della morte violenta della figlioletta che diventano "ricchi" per un risarcimento dello stato e che sono a loro volta colpiti dalla sorte con la morte violenta del capofamiglia e dalla vendetta che si ritorce sul figlio. Nella storia ci si legge di tutto, da motivi classici a realtà quotidiane. Non è un film denuncia ma solo un film di sentimento. Grandissimo Servillo, buona la sceneggiatura. Mi aspettavo di più dalla regia. [+]

[+] lascia un commento a alfi2 »
d'accordo?
ctizen k martedì 9 ottobre 2012
daniele ciprì fa centro anche senza maresco Valutazione 5 stelle su cinque
58%
No
42%

Ciprì fa ancora una volta centro anche senza Maresco. In questo film racconta la" piccola" Sicilia, con i suoi problemi e le sue regressioni, un destino tragico e crudele porterà la famiglia Ciraulo alla disperazione. Come in ogn film dell'ex duo troviamo sempre il cinismo e il tragicomico, il film ha un ritmo intenso, attori formidabili come il grande Toni Servillo. Finalmente un film di cui l'Italia e non solo deve andarne fiera

[+] lascia un commento a ctizen k »
d'accordo?
rita branca martedì 24 settembre 2013
poveri anche di buon senso Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

  E’ stato il figlio, film (2012) di Daniele Ciprì con Toni Servillo, Giselda Volodi, Fabrizio Falco, Aurora Quattrocchi, Benedetto Ranelli, Mauro Spitaleri, Piero Misuraca, Alfredo Castro, Alessia Zammitti
 
Intenso film drammatico, dal forte sapore neorealista, ispirato al romanzo omonimo di Roberto Alajmo e ad un fatto di cronaca risalente alla Palermo degli anni settanta, quando  la poverissima famiglia Ciraulo, costituita da padre, madre, il figlio ventenne, Serenella, una bambina intorno agli 8 anni e  vecchi genitori paterni è colpita dalla tragica morte della piccola durante una sparatoria mafiosa, evento che cambia radicalmente la vita di queste creature in lunga attesa del risarcimento predisposto dallo stato. [+]

[+] lascia un commento a rita branca »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
È stato il figlio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | nino pell.
  2° | k. s. stanislavskij
  3° | babagi
  4° | paologiai
  5° | marbus
  6° | m.barenghi
  7° | pressa catozzo
  8° | alfi2
  9° | ctizen k
10° | moulinsky
11° | rita branca
12° | ultimoboyscout
13° | gianleo67
14° | eugenio
15° | puntaraisi
16° | zoom e controzoom
17° | stefanoadm
18° | rob8
19° | fabio1957
20° | maria f.
21° | diomede917
22° | gabriele marolda
23° | carmelap
24° | renato volpone
Rassegna stampa
Curzio Maltese
Festival di Venezia (2)
Nastri d'Argento (3)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 14 settembre 2012
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità