Mean Creek

Film 2005 | Drammatico 87 min.

Anno2005
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata87 minuti
Regia diJacob Aaron Estes
AttoriRory Culkin, Ryan Kelley, Scott Mechlowicz, Trevor Morgan, Josh Peck, Carly Schroeder .
Uscitavenerdì 19 agosto 2005
MYmonetro 3,00 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jacob Aaron Estes. Un film con Rory Culkin, Ryan Kelley, Scott Mechlowicz, Trevor Morgan, Josh Peck, Carly Schroeder. Genere Drammatico - USA, 2005, durata 87 minuti. Uscita cinema venerdì 19 agosto 2005 - MYmonetro 3,00 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Mean Creek
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Durante una gita una comitiva di ragazzi viene sopraffatta da eventi naturali. I giovani si troveranno a fare i conti con il senso di amicizia e di responsabilità. In Italia al Box Office Mean Creek ha incassato 48,4 mila euro .

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO SÌ
Sotto lo strato superficiale, ognuno di noi ha un segreto..
Recensione di Giovanni Idili
Recensione di Giovanni Idili

Timido e minuto, Sam è vittima dell'attacco immotivato dell'arrogante Georgie, bullo della scuola. In seguito al pestaggio, Rocky, fratello maggiore di Sam, escogiterà insieme ad altri due amici un piano per punire ed umiliare il corpulento bullo: con la scusa di un falso compleanno, il gruppo inviterà Georgie a fare una gita, nel corso della quale dovrebbe consumarsi la vendetta. Resosi conto che Georgie è in realtà un ragazzo solo e disadattato, Sam chiederà al fratello Rocky di abortire il piano, ma saranno le dinamiche del gruppo a determinare gli eventi, tra pulsioni adolescenziali e dolorosa acquisizione del senso di responsabilità.
Regista e sceneggiatore qui al suo primo lungometraggio, Jacob Aron Estes sviluppa con piglio realista e notevole sensibilità un racconto incentrato sul tema della crescita. Partendo da un concept interessante, vera e propria catarsi adolescenziale, l'opera vorrebbe dipingere sfumature capaci di sublimare in arte la funzione comunicativa (con echi dell'ultimo Van Sant), effetto non sempre ottenuto a causa di una condotta a tratti indecisa tra documentarismo e fiction. Nell'economia dell'opera l'estromissione della componente adulta è un'arma a doppio taglio, capace quando ben dosata di rafforzare la focalizzazione, ma di attenuarne la potenza espressiva in caso contrario, per un risultato finale comunque di sicuro interesse.

Sei d'accordo con Giovanni Idili?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

C'era una volta Stand by me di Rainer, tratto da Stephen King: anche in quest' ottimo melodramma rurale per teenager dell' Oregon appare il gusto del clan, il gruppo di ragazzini che senza volerlo commette un delitto e si trova a crescere improvvisamente. Un film americano indipendente e anche inquietante, invitato a tutti i festival, in cui le diverse psicopatologie (arriva anche un giovane allevato [...] Vai alla recensione »

Antonio Mustara
Tv Sorrisi e Canzoni

Trama: Oregon. George , un ragazzo sovrappeso e manesco, si diverte a tormentare il giovane Sam, gracile e timido. Per insegnargli una lezione e vendicare così le umiliazioni subite da Sam, George diventa la vittima di uno scherzo crudele e dalle tragiche conseguenze, organizzato da Rocky, fratello maggiore di Sam, e dai suoi amici Clyde, Marty e Millie.

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Sam chiede a suo fratello Rocky di difenderlo dalle continue prepotenze di George. Per vendicarsi i due fratelli organizzano una gita in barca anche con altri compagni di scuola e ben presto si accorgono che il povero George cerca solo un po' di amicizia. Film sul mondo degli adolescenti nordamericani, senza buoni e cattivi, ha vinto il premio «Humanitas» perchè esplora con onestà i cambiamenti che [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Ciak

Un ragazzino timido viene strapazzato quotidianamente dal gradasso manesco della scuola. Quando il fratello più grandicello della vittima viene a sapere la cosa decide di organizzare una piccola vendetta per umiliare il prepotente. Ecco quindi un gruppetto di ragazzini sulla barca, lungo le acque sporche che scorrono vicino alla cittadina dell’Oregon teatro della vicenda, lì si consumerà la yendetta. [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Sam (Rory Culkin) è un liceale più maturo della sua età. Ma è anche mingherlino. Il bullo George lo picchia a scuola. Sam escogita una vendetta: invitare il nemico a una gita sul fiume con altri suoi complici e fargli la festa. Sarebbe un piano perfetto se durante la gita George non si dimostrasse un simpaticone dal cuore d’oro e se Rocky, il fratello più grande di Sam, non volesse comunque portare [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
Vanity Fair

Tormentato da un bulletto, Sam chiede aiuto al fratello maggiore e ai suoi amici per dargli una lezione. Idea portiamo il prepotente George a fare una gita in barca e umiliamolo gettandolo nudo nell’acqua. Nulla va come previsto. Quando Sam capisce che, in realtà, i bullo è un ragazzo simpatico e infelice, cerca di annullare il piano, ma ormai è troppo tardi.

Mauro Gervasini
Film TV

Per punire il buffo ciccione della scuola, un eterogeneo gruppo di ragazzi (dai due protagonisti poco più che bambini fino a un sedicenne “ribelle senza causa” stile Matt Dillon) organizza durante una gita sul fiume uno scherzo feroce, che puntualmente finisce male. Mean Creek è marchiato a fuoco dal Sundance, più che un festival uno stile radical-snob.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati