L'eclisse

Un film di Michelangelo Antonioni. Con Monica Vitti, Francisco Rabal, Alain Delon, Louis Seigner, Lilla Brignone.
continua»
Drammatico, b/n durata 125 min. - Italia 1962. MYMONETRO L'eclisse * * * * - valutazione media: 4,10 su 18 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Antonioni:idee e non solo alienazione Valutazione 5 stelle su cinque

di M.D.C


Feedback: 5829 | altri commenti e recensioni di M.D.C
giovedì 29 settembre 2011

Volti, superfici, silenzi e, secondo i detrattori, un'aura di glaciale e nobilissima noia. Ma, nonostante i tentativi di imbrigliarli, i film di Antonioni sfuggono incontrollati alle definizioni e forse, proprio per questa ragione, ne hanno ricevute innumerevoli: alienazione, incomunicabilità, estetica del disincanto... Se il vuoto, un'assenza opprimente che si dilata in modo minaccioso, ha un peso evidente nelle storie(e non solo nelle immagini) del regista lo hanno altrettanto le idee, le intuizioni di un osservatore che con una sensibilità fuori dal comune è in grado di registrare le contraddizioni della modernità, proiettandole in un futuro imprecisato. E' il caso de l'Eclisse,anno 1962, ma potrebbe essere(perchè no?)il prossimo 2012. Il contrasto tra sentimenti precari e denaro, vera forza motrice delle azioni, conduce ad una dissoluzione dell'individuo che sembra combaciare alla perfezione con la nostra epoca.L'apertura de l'Eclisse è su Vittoria/Monica Vitti che, all'alba, si separa dal fidanzato letterato Francisco Rabal. In cerca della madre per raccontarle tutto, la protagonista finisce col non dire niente per la disattenzione della donna assorbita dalle oscillazioni della borsa. Attirata da un giovane speculatore, un Alain Delon tutto scatti e gesti(che conducono dove?), Vittoria cede alle sbrigative lusinghe dell'uomo, solo in apparenza meno problematico del precedente, intrecciando con lui una breve relazione che non condurrà da nessuna parte. Se si è troppo simili non ci si capisce più ma anche se si è troppo diversi le differenze, inesorabili, vengono a galla. Lungo la narrazione Antonioni, con i suoi valenti sceneggiatori, semina tracce, spunti e trovate folgoranti:la vicina di casa nativa del Kenya prigioniera in un appartamento che, come una macchina del tempo, proietta un segmento del continente africano nello scenario lunare dell'Eur(se di africa si parla molto oggigiorno allora Antonioni è stato uno dei primi a farlo), la danza tribale di Vittoria mascherata da indigena(un tocco di macabro umorismo), il momento del crollo in borsa con la Vitti che segue uno sconosciuto, che ha perduto una cifra consistente, cercando di decifrare le sue reazioni senza riuscire davvero a comprenderle. La morte di un ubriaco a bordo dell'auto sottratta al vanesio Delon che si limita a lamentarsi per i danni alla carrozzeria. Segni, trovate che con il vertiginoso finale compongono il quadro di un mondo indecifrabile, allo sbando e sul punto di collassare(è solo questione di tempo?). Su tutte, una battuta in particolare, per la sua attualità, da i brividi: "Ecco cosa fa davvero paura a mia madre, la miseria", dice Vittoria. "Quella fa paura a tutti", si limita a sentenziare il superficiale Piero/Delon. Miseria non solo materiale ma soprattutto morale, è davvero questo il destino dell'uomo? Antonioni come tutti i cineasti di rango si limita a esprimere dubbi, a sollevare interrogativi incorniciandoli in immagini di vertiginosa bellezza. Il messaggio de l'Eclisse, che sembra lanciato da una radio dimenticata che continua a trasmettere da un avamposto sperduto,è suggerito attraverso idee folgoranti che mostrano il vero volto di una società che smarrita la sua umanità si avvia su una pericolosa china autodistruttiva. E in questo scenario anche i sentimenti, ammesso che siano abbastanza forti, non possono nulla. Matteo De Chiara

[+] lascia un commento a m.d.c »
Sei d'accordo con la recensione di M.D.C?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
96%
No
4%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
m.d.c martedì 11 ottobre 2011
errata corrige
100%
No
0%

leggere dà i brividi

[+] lascia un commento a m.d.c »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di M.D.C:

Vedi tutti i commenti di M.D.C »
L'eclisse | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | m.d.c
  2° | fedeleto
  3° | greatsteven
Rassegna stampa
Gian Luigi Rondi
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità