Godland - Nella terra di Dio

Un film di Hlynur Palmason. Con Elliott Crosset Hove, Ingvar Eggert Sigur­sson, Victoria Carmen Sonne, Jacob Lohmann.
continua»
Titolo originale Vanskabte Land. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 143 min. - Danimarca, Islanda, Francia, Svezia 2022. - Movies Inspired uscita giovedý 5 gennaio 2023. MYMONETRO Godland - Nella terra di Dio * * * 1/2 - valutazione media: 3,68 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Imitare Dreyer e Bergman non vuol dire essere grandi autori

di johnny1988


Feedback: 4495 | altri commenti e recensioni di johnny1988
venerdý 6 gennaio 2023

Due ore e mezza che si concentrano tutte sullo stesso concetto: l'insuperabilitÓ dei pregiudizi e delle barriere culturali.

Se Bergman si confrontava deluso con il mutismo divino a un livello testuale e intellettuale profondi, se Dreyer accoglieva Kierkegaard nella sua crisi di fede con Ordet, lo stesso pare provarci il regista islandese Hlynur Pßlmason con il suo terzo film, che prende anche spunto dalle scenografie primitive di Lezioni di Piano.

Le sette lastre fotografiche rinvenute che ritraggono la costa sud orientale dell'Islanda per la prima volta nel XIX secolo per mano di un missionario luterano danese sono la matrice di una storia semplice, quasi parabolica, di un prete che attraversa mezza isola con l'obiettivo di documentare la natura del luogo e i suoi abitanti prima di far erigere la nuova parrocchia.
Questo a costo della vita del suo interprete e a rischio della sua stessa.
La fascinazione "turistica" lascia presto il posto alla frustrazione dell'inadeguatezza dello smilzo prete rispetto all'inospitalitÓ della natura, che per quanto bella e seducente, non si lascia abitare facilmente.
E sono il rapporto dialettico e il contrasto che ne sfociano a far perdere definitivamente nel pastore la coscienza morale e spirituale di cui dovrebbe investirsi. Tanto da dimenticare il principio fondamentale della sua fede, ossia la riconoscenza, a partire da quella che dovrebbe provare come minimo verso la guida locale che non solo gli salva la vita e tollera la sua arroganza, ma che gli costruisce pure il santuario. E l'ingratitudine, il vero cuore del film, anticipata nel racconto di apertura, Ŕ la chiave di una catena eliminatoria, in cui sono gli uomini a giustiziarsi a vicenda e dove Dio non ha voce in capitolo, guarda caso proprio negli anni in cui, proprio in Danimarca, qualcuno osava profetizzarne la dipartita.

Va sicuramente elogiata l'impostazione estetica costruita su lunghi piani sequenza, panoramiche asettiche e onnicomprensive, l'alternanza di ellissi e prolissitÓ oltre il sopportabile, in ossequio a una Natura che si fa personaggio attante e che stringe gli abitanti, grazie anche a un formato di vecchio tipo come i 4:3, ma l'eccessiva durata tende a smarrire il focus centrale, ossia la regressione di un uomo di culto e civilizzato in contrasto con un mondo ai suoi antipodi e a lui ostile, e a cui non riesce, per inettitudine o orgoglio, ad accedervi ma solo a nutrirsene parassitariamente, a favore di un compiacimento di fondo, per cui l'autore sta attento sia a riflettere sull'umanitÓ sia ad elevarsi, senza sintesi e senza umiltÓ, all'altezza dei suoi maestri.
Con una rigiditÓ di fondo a cui fa in parte da specchio il prete, fotografo ottuso al punto da non essere in grado di cogliere l'originalitÓ delle pose suggerite dai suoi stessi soggetti.

[+] lascia un commento a johnny1988 »
athos martedý 10 gennaio 2023
clap clap
0%
No
0%

Un bellissimo limpido commento

[+] lascia un commento a athos »
d'accordo?
antonio montefalcone lunedý 23 gennaio 2023
la lotta impari tra l''uomo e la natura selvaggia
100%
No
0%

Pálmason, al suo terzo lungometraggio dopo ''A White White Day'', utilizza il formato 4:3 e le riprese in 35 mm per creare un''atmosfera di trappola a cielo aperto. Il protagonista di questa pellicola, il prete Lucas, immerso in una nuova realtÓ geografica/culturale, si troverÓ senza pi¨ punti di riferimento morali e i primi piani riveleranno a poco a poco un perenne conflitto tra le proprie aspirazioni e la durezza della realtÓ in cui ha deciso di calarsi e documentare.
Un film sull''insuperabilitÓ delle barriere culturali, e, soprattutto, sull''inconciliabilitÓ tra il mondo istintuale e quello intellettuale. Attraverso il viaggio esplorativo di un prete si scende nell''abisso del fallimento di un percorso di Fede all''interno di un microcosmo ostile, selvaggio, e nel cuore dell''uomo scisso al tempo stesso tra luce e tenebra. [+]

[+] lascia un commento a antonio montefalcone »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di johnny1988:

Vedi tutti i commenti di johnny1988 »
Godland - Nella terra di Dio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
European Film Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità