I figli del fiume giallo

Un film di Jia Zhangke. Con Zhao Tao, Liao Fan, Zheng Xu, Casper Liang, Feng Xiaogang.
continua»
Titolo originale Jianghu ernŘ. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 141 min. - Cina, Francia, Giappone 2018. - Cinema uscita giovedý 9 maggio 2019. MYMONETRO I figli del fiume giallo * * * - - valutazione media: 3,37 su 21 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La Cina Ŕ pi¨ vicina Valutazione 4 stelle su cinque

di Maramaldo


Feedback: 6966 | altri commenti e recensioni di Maramaldo
sabato 11 maggio 2019

ma non v'è traccia del Celeste Impero. Ripensandoci e ripensandosi Jia Zhangke confeziona un lavoro che, come tutte le belle scritture orientali, si presta a così tante letture fino a stimolare le esegesi più esoteriche. Tentando anch'io un'intellettualizione, lo paragonerei ad un fugato a due voci con corale. Questo, in realtà, fittizio in quanto il monolito ex-proletario vi si è sgretolato in individualità atomizzate, squallide e senza speranza, detriti che dànno luogo ad una "ndrangheta" dello Shanxi, galantomismo e iattanza, sostanzialmente un  loscame senza arte nè parte, malpagatori scannati dai debiti.
Colpa del capitalismo, della nefasta influenza dell'Occidente, dichiara e dimostra Jia. Tralasciamo la presenza invasiva della tecnologia che di cinese non ha nulla tranne la manifattura in loco. Nella sua requisitoria - è quella la voce prima - Jia , da buon cinese, si diverte con qualche perfidia. Indugia sulla sacca di mazze da golf del giovane funzionario che lascia l'ufficio, sicuramente il figlio di qualcuno che a suo tempo vide la fame mentre ora ettari di buon terreno vengono sacrificati ad un trastullo di ricchi. Peggiore è l'episodio della ladra ove si denuncia la carenza di un'etica nei fideismi d'importazione.
Frantumi di umanità, non vige più quello spirito di unità e di abnegazione, neppure un coordinamento organizzato per trovare il quale bisogna recarsi nelle carceri, queste sì modello, conquista di una democrazia severa anche se, a dir vero, non proprio funzionali ad una rieducazione, un po' come le nostre con in più l'ora di ginnastica. Qiao, infatti, ne esce più gaglioffa di prima.
Voce seconda, la principale e più convincente, Qiao (Zhao Tao, splendida e intensa, vale molto di più di tutta la menata socio-antropologica). Cinese la vuole il marito. Vi s'ingegna con bozzetti folkloristici e facendole accendere ogni tanto bastoncini d'incenso. Non ci casca nessuno. Creatura universale è, uno dei tanti universi di cui "siamo prigionieri". Donna forte e prepotente, aliena da scrupoli ma generosa, non si rassegna all'idea di aver dato il suo cuore (tutte ne hanno uno) ad un essere inconsistente come Bin (Liao Fan). Una "tigre di carta" come dice il vecchio padre nel suo ultimo e patetico comizio radiofonico. Degna di un poeta l'espressione, la usò Mao per definire l'America.
Affabulazioni d'altri tempi. Oggi non c'è più il Celeste Impero. Accantonato il progetto di una dominazione culturale accarezzato da una moltitudine che si è sempre ritenuta elitaria: "Bisogna bruciare al massimo per diventarte i bianchi più puri".
Secondo Jia, forse è meglio contentarsi di essere tra le prime potenze economiche. Innegabili alcuni aspetti positivi: pasti abbondanti; eleganza da boutique con sigaretta accesa tra le dita inguantate; libertà ai giovani in discoteca di fibrillare ai motivi internazionali di successo; artisti che rendono omaggio ai trapassati con le spinte pelviche da Ballando con le Stelle...



[+] lascia un commento a maramaldo »
Sei d'accordo con la recensione di Maramaldo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
54%
No
46%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
antonio montefalcone venerdý 17 maggio 2019
l'eterno scontro tra il mondo e gli individui
100%
No
0%

'Ash Is Purest White' – 'I figli del fiume giallo' Ŕ il nuovo film del regista cinese Jia Zhang-ke, Leone d'Oro con 'Still Life'. Esattamente come la sua precedente opera, anche qui c'Ŕ un affresco storico-sociale nella Cina di ieri e di oggi, la ripartizione in tre epoche, e personaggi vittime di errori e profondi cambiamenti.
La sceneggiatura utilizza la love story per riflettere sull'evoluzione dei codici d'onore al mutare del contesto e la messinscena Ŕ di un realismo cupo e amaro, pregno di atmosfere crepuscolari che riflettono la dolente relazione tra i due protagonisti e le trasformazioni economico-sociali del paese. E qui, come sottolinea il titolo allegoricamente, 'la cenere Ŕ veramente pi¨ pura del bianco'. [+]

[+] lascia un commento a antonio montefalcone »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Maramaldo:

Vedi tutti i commenti di Maramaldo »
I figli del fiume giallo | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedý 9 maggio 2019
Distribuzione
Il film Ŕ oggi distribuito in 34 sale cinematografiche:
Showtime
  3 | Campania
  4 | Emilia Romagna
  1 | Friuli Venezia Giulia
  5 | Lazio
  2 | Liguria
  6 | Lombardia
  1 | Marche
  3 | Piemonte
  1 | Puglia
  2 | Sicilia
  3 | Toscana
  1 | Trentino Alto Adige
  2 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità