Panic Room

Acquista su Ibs.it   Dvd Panic Room   Blu-Ray Panic Room  
Un film di David Fincher. Con Jodie Foster, Forest Whitaker, Jared Leto, Kristen Stewart Thriller, durata 100 min. - USA 2002. MYMONETRO Panic Room * * * - - valutazione media: 3,08 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,08/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Quando un rifugio può diventare una trappola. Un'ottima Jodie Foster in un thriller claustrofobico che rende omaggio a Hitchcock, e mette in scena una delle nostre più ataviche paure.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Thriller claustrofobico girato con perizia che tiene incollati alla sedia gli spettatori giostrando un perfetto congegno ad orologeria
Nelly Baiamonte     * * * - -

Per Meg Altman (Jodie Foster) e sua figlia Sarah è la prima notte nella nuova casa: papà se n'è andato con una modella, ma ha lasciato loro sufficienti soldi per comprarsi una magnifica palazzina ai confini di Central Park. Quattro piani, giardino, un'infinità di camere da letto e, come optional, una "panic room", ossia una camera blindata inespugnabile dove ci si può rinchiudere in caso di necessità, osservando il resto della casa attraverso dei monitor. Ed è lì che si rifugiano costernate le due donne quando, nel cuore della notte, scoprono che in casa sono penetrati tre rapinatori. Peccato che ciò che essi cercano si trovi proprio in quella stanza: ma loro non possono entrarci e Meg e Sarah non possono uscirne. Inizia così un sottile e perverso gioco del gatto col topo, dove la panic room, dapprima sicuro rifugio, si trasforma in una trappola infernale: la ragazzina infatti soffre di diabete, ma le iniezioni di insulina si trovano al piano di sopra... Thriller claustrofobico, è girato con estrema perizia da David Fincher, che, come un maestro di scacchi, tiene incollati alla sedia gli spettatori giostrando un perfetto congegno ad orologeria.

Premi e nomination Panic Room MYmovies
Primo Weekend Usa: $ 30.057.000
Incasso Totale* Usa: $ 30.057.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 31 marzo 2002
Sei d'accordo con la recensione di Nelly Baiamonte?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * - -

Rigore filologico o citazione?

mercoledì 24 maggio 2006 di Francesco Picerno

Film per più fazioni: i rigorosi della logica e quelli affascinati dal senso visivo, dal suspense e dalle citazioni oppure i cultori della sceneggiatura e quelli del respiro cinematografico. Poniamoci in una posizione mediana: Il film di Fincher è un capolavoro a livello visivo: i titoli di coda, il piano sequenza con tanto di incursione nel manico della tazzina (splendido), l'atmosfera thriller-horror, la bellezza e la tensione, il gioco di percezione degli schermi. Dall'altra parte però continua »

* * * - -

Poteva andare meglio...

lunedì 2 giugno 2008 di Bevete la grappa di Pino

Atteso al varco dopo "Fight Club", Fincher sembra ridurre le proprie ambizioni e tornare ad un classico film di genere: ma non rinuncia al suo ipertecnicismo ( scenografie di Arthur Max, come in "Seven", fotografia prima di Darius Khondji, sempre come in "Seven" e poi di Conrad W.Hall) e alla sua "poetica" della tensione, costantemente prolungata in modo da sfiancare lo spettatore. Ma l'operazione regge bene solo nella prima parte, fino all'uccisione di uno dei tre cattivi, e poi scivola in eccessive continua »

* * * - -

Finalmente

lunedì 27 maggio 2002 di Tiziana

“Panic Room” segna un apparente cambio di rotta nella filmografia di Fincher, che con i suoi significanti titoli di testa ci indica immediatamente che ciò a cui stiamo per assistere è cinema: lo sguardo del regista passa attraverso le serrature delle porte per smaterializzarsi nei muri, tagliandoli come fossero burro, Jodie Foster ha la possibilità di dimostrare tutto il suo talento, nel ruolo di una donna fragile per la separazione appena avvenuta, ma fortissima nel proteggere la figlia; insomma, continua »

* * * * -

Panic room.

domenica 7 giugno 2009 di Paolo Ciarpaglini

Ottimo thriller, girato interamente con maestria all'interno di un appartamento da sogno. Grandissimo, immenso Whitacker. Forse l'unica vera vittima del dramma. Il malloppo, ben 22 milioni di dollari, sono infatti nascosti all'interno di una stanza blindata, che la sua ditta installa. La casa doveva essere vuota, ma la Foster, appena divorziata, disgraziatamente occupa l'appartamento con qualche giorno di anticipo assieme alla figlioletta adolescente diabetica. Whitacher appena vede che la casa continua »

sarah altman (kristen Stewart)
No. Scusami tu, cercavo di non dirtelo:Ho fame e ho le vertigini.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Panic Room

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 23 ottobre 2002

Cover Dvd Panic Room A partire da mercoledì 23 ottobre 2002 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Panic Room di David Fincher con Jodie Foster, Forest Whitaker, Jared Leto, Kristen Stewart. Distribuito da Sony Pictures Home Entertainment, il dvd è in lingue e audio italiano, DTS 5.1 - italiano, Dolby Digital 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1, e sottotitolato in italiano - inglese. Su internet Panic room è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Panic Room

di Alessandra Venezia Panorama

È tempo di cambiamenti per Meg Altman (Jodle Foster). Dopo il divorzio dal marito, ricco industriale farmaceutico, è in cerca di una nuova casa per lei e la figlia Sarah (Kristen Stewart). La trova nel cuore di Manhattan e non appena ne varca la soglia è amore a prima vista: tre piani, stanze eleganti, ascensore interno e una stanza segreta, la panic room. È una camera blindata, fornita di linea telefonica indipendente, dentro la quale, in caso di necessità, ci si può nascondere osservando ogni angolo dell’abitazione attraverso un circuito di telecamere collegate ai monitor, Era stato l’eccentrico magnate che abitava la casa prima dell’arrivo di Meg a costruirla. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Era una notte buia e tempestosa... Come nel romanzo (sempre solo iniziato) del bracchetto-filosofo Snoopy, anche nel film Panic Room di David Fincher ci si immaginano tenebre da tregenda. In quel di Manhattan piove e tira vento, con i bagliori dei lampi che illuminano a sprazzi la scena del delitto. Scena ben fornita di sponsor, ovviamente: se ne contano almeno quattro, dalle sigarette al whisky di marca, tutti bene in vista nei pressi dell’obiettivo. Ma questo, forse, è il meno: fa parte della mercificazione universale, universalmente accettata come "naturale", da produttori e pubblico. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

L’idea è promettente: raccontare la paura, o meglio quella sua forma diffusa nell’immaginario che induce uomini e donne a fuggire dalla dimensione pubblica per chiudersi sempre più nella precaria sicurezza dell’isolamento domestico. E poi ancora: raccontare come questo isolamento si trasformi in una prigione essa stessa angosciante, essa stessa causa di paura ulteriore. Ma non sempre a una buona idea segue un film altrettanto buono, come dimostra Panic Room (Usa, 2002, 112’). Quando leggo una sceneggiatura, assicura David Fincher, mi metto dalla parte del pubblico e, da lì, faccio di tutto per migliorarla. »

di Paolo Boschi Scanner

Pericolo, oscurità e claustrofobia: sono gli ingredienti vincenti di Panic Room di David Fincher, un regista che in passato ha dimostrato di trovarsi decisamente a proprio agio con il genere thriller (vedere in merito Seven e The Game). La storia affonda le sue radici narrative in una delle preoccupazioni più pressanti ed attuali negli Stati Uniti, ovvero l'ossessione per la sicurezza della casa, per la protezione delle mura domestiche da aggressioni da parte di criminali. In particolare il dettaglio architettonico che crea la situazione di maggior tensione drammatica nel plot è la presenza, nel prestigioso immobile a tre piani (con ascensore) acquistato dalla giovane divorziata Meg Altman, della cosiddetta panic room, una stanza blindata costruita per offrire rifugio ai proprietari nel caso in cui eventuali malintenzionati riescano a penetrare nelle loro abitazioni: il locale è dotato di un circuito interno di video con otto telecamere per seguire i movimenti degli intrusi, di generi alimentari di sussistenza e di una linea telefonica protetta per avvertire le forze dell'ordine, un luogo insomma che sulla carta potrebbe offrire asilo per circa un mese. »

Panic Room | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | francesco picerno
  2° | tiziana
  3° | bevete la grappa di pino
  4° | paolo ciarpaglini
  5° | luigi chierico
  6° | paride86
  7° | stego
  8° | fabal
Rassegna stampa
Roberto Escobar
Luigi Paini
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità