Il nome del figlio

Acquista su Ibs.it   Dvd Il nome del figlio   Blu-Ray Il nome del figlio  
Un film di Francesca Archibugi. Con Alessandro Gassman, Micaela Ramazzotti, Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Rocco Papaleo.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+16, durata 94 min. - Italia 2015. - Lucky Red uscita giovedý 22 gennaio 2015. MYMONETRO Il nome del figlio * * * - - valutazione media: 3,09 su 79 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La borghesia posticcia dell'ultima Archibugi Valutazione 2 stelle su cinque

di gianleo67


Feedback: 59658 | altri commenti e recensioni di gianleo67
venerdý 18 settembre 2015

Quando l'agente immobiliare Paolo Pontecorvo,  rampollo di una prestigiosa famiglia di partigiani ebrei, comunica durante una cena a casa del cognato Sandro e della sorella Betta che il nome scelto per il suo primogenito sarà Bettino, innesca una accesa discussione politica, culturale e personale che finisce per coinvolgere anche Simona, moglie di Paolo ed il loro comune amico Claudio. La scelta del nome si rivelerà una boutade ma anche l'occasione per disseppellire antichi rancori e nuove recriminazioni che metteranno inevitabilmente gli uni contro gli altri. Almeno finchè la nascita inaspettata di una di una bambina non rimetterà le cose a posto e riporterà l'armonia in famiglia.
Piece teatrale (Le Prénom di  Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte già adattata per il grande schermo dagli stessi autori nel 2012 ne la 'Cena tra amici') trasposta nelle forme di una tragicommedia da camera, richiama il gusto della Archibugi per il valore dell infanzia come luogo da cui si originano sentimenti e relazioni capaci di perdurare nel tempo,  ma anche del senso di una inevitabile trasformazione che stravolge le vite di protagonisti capaci di scoprirsi sconosciuti non solo gli uni agli altri ma persino a se stessi. Se il film francese brillava per il solito funanbolismo verbale e la leggerezza di toni sempre sopra le righe, la Archibugi vira verso l'artificiosità  di un dramma che vuole richiamare la trasversalità del pregiudizio sociale e culturale e di un pensiero (dominante?) radical chic capacissimo di guardare i difetti degli altri ma totalmente miope quando si tratta di vedere i propri, avvitandosi su di una struttura verbosa e volubile in cui abbondano il doppio senso ed il colpo di scena senza costrutto; solo per dirci che nessuno ha ragione ma neppure torto e ritrovare la quiete dopo una tempesta che richiama vecchi mestieranti di Hollywood che sapevano per filo e per segno come si scriveva una commedia senza prendere veloci appunti su di un tovagliolo di carta.
Quello che fa difetto al film, più che gli evidenti limiti di una messa in scena in cui la delega agli attori soverchia le loro reali capacità, è lo stucchevole punto di vista di chi inquadra le dinamiche di una resa dei conti socio-culturale (nell'ordine: i rampolli dell'aristocrazia borghese di sinistra, l'intellettuale imbucato di umili origini, il figlio della servitù diventato amante e confidente ed infine il trofeo sessuale di un sottoproletariato urbano in cerca di un improbabile riscatto culturale) dal punto di vista di un ceto sociale fasullo e vanesio che esiste solo nella accomodante immaginazione dell'autrice. Attori bravissimi, per carità, ma prigionieri di ruoli e di luoghi comuni che non saranno quelli insopportabili di Muccino e della Comencini, ma che odorano di fuffa lontano un miglio e che finiscono per vomitarsi addosso le rispettive insoddisfazione umane e professionali come da copione per chiedersi scusa un minuto dopo come se nulla fosse successo. Verrebbe da dire, nella geometrica implacabilità della trama, che l'operazione è perfettamente riuscita ma il paziente è immancabilmente morto, o meglio è nato (stato?) il figlio che poi speriamo sempre che sia femmina. Insomma si cita Pontecorvo (sotto le mentite spoglie di un ex eroe della resistenza comunista diventato regista, pardon deputato) ma si pensa a Monicelli e nel dubbio si scimmiotta Bergman. Forse era meglio provvedere a qualcosa di più  originale ed emotivamente credibile senza dover necessariamente irritare lo spettatore con tutte queste moine e giri di parole in grado solo di fargli la testa come un pallone: tra la Critica della Ragion Pratica e Lucio Dalla, si sa, il passo è breve ed i panni sporchi si lavano sempre e solo in famiglia. Nastri d'Argenti 2015 per Gassman come migliore attore protagonista e per la Ramazzotti come miglior attrice non protagonista.

[+] lascia un commento a gianleo67 »
Sei d'accordo con la recensione di gianleo67?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di gianleo67:

Vedi tutti i commenti di gianleo67 »
Il nome del figlio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | sergio dal maso
  2░ | francysig
  3░ | sir gient
  4░ | giusen
  5░ | alisubi85
  6░ | mauritaz
  7░ | alex2044
  8░ | lbavassano
  9░ | gianleo67
10░ | marce84
11░ | asfissio
12░ | nico_lrn
13░ | antonietta dambrosio
14░ | nanni
15░ | sabrina lanzillotti
16░ | maurizio meres
17░ | ralphscott
18░ | raffele
19░ | giampituo
20░ | rita branca
21░ | antonietta dambrosio
22░ | laloli
23░ | filippo catani
24░ | captain sensible
25░ | achab50
26░ | midnight
27░ | alessandro vanin
28░ | macangel70
29░ | paolo salvaro
30░ | anty_capp
31░ | dhany coraucci
32░ | shaque
33░ | no_data
34░ | maria f.
35░ | flyanto
36░ | romifran
37░ | angelagr
Nastri d'Argento (5)
Globi d'oro (2)
David di Donatello (4)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 22 gennaio 2015
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità