Alex Cross

Acquista su Ibs.it   Dvd Alex Cross   Blu-Ray Alex Cross  
Un film di Rob Cohen. Con Tyler Perry, Edward Burns, Matthew Fox, Jean Reno, Carmen Ejogo.
continua»
Thriller, Ratings: Kids+13, durata 102 min. - USA 2012. - 01 Distribution uscita giovedý 18 luglio 2013. MYMONETRO Alex Cross * 1/2 - - - valutazione media: 1,89 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Alex Cross (2013) Valutazione 2 stelle su cinque

di ilmengoli


Feedback: 705 | altri commenti e recensioni di ilmengoli
venerdý 26 luglio 2013

"Alex Cross" di Rob Cohen sembra tanto una presa in giro. Esso è un thriller più adatto alla televisione che al cinema. Il film infatti presenta tratti canonici di una delle tante serie tv americane come "CSI", "Criminal Minds", "Law and Order" e fallisce malamente invece nel portare al cinema una storia non degna del cinema, scritta male, banale, molto superficiale e, soprattutto, totalmente irrealistica.
 
"Alex Cross" ha avuto anche grossi problemi legati alla scelta degli attori. Non si motiva la scelta di Tyler Perry come attore a discapito del fenomenale Morgan Freeman, interprete del dottor Cross nei precedenti due film ("Il collezionista", "Nella morsa del ragno"). L'attore afroamericano, apprezzato moltissimo negli Stati Uniti per la creazione della matriarca Madea, da lui spesso anche interpretata, è quasi del tutto sconosciuto nel resto del mondo, o almeno qui in Europa. Quindi mi sorge spontaneo il dubbio che questo film fosse indirizzato a un pubblico esclusivamente americano (anche per il tipo di storia), anche per rilanciare Perry come attore, ma che poi, tra una lite e un'altra in fase di produzione, si sia poi optato per farlo uscire anche in Europa, pur sapendo che il film non sarebbe piaciuto né alla critica né al pubblico, con misere entrate al box office (anche perché, almeno qui in Europa, contemporaneamente ad "Alex Cross", sono usciti il film di Michael Bay e la commedia apatowiana "Facciamola finita", prodotti sicuramente migliori di questo). L'autolesionismo americano mi sorprende sempre.
 
Ma ciò che più di tutto rende il film scadente è, come sopra accennato, la storia. La trama infatti sembra scritta da un bambino più che da uno sceneggiatore pagato (e anche bene). Lo script è di bassissima qualità e, più che un film o una serie tv, mi ha ricordato un videogioco per giovani appassionati di playstation. Tutto è molto prevedibile e banale e, proprio come in un videogioco, pare che il film stesso dia indicazioni su come capire una cosa prima che possa effettivamente accadere, privando lo spettatore di una qualsiasi forma di suspense e tensione narrativa. Non ci servono le istruzioni Cohen!
 
Già dalle prime tre scene si può valutare la qualità del film. Infatti ci viene presentato, in maniera isterica e frenetica, il detective/dottore Alex Cross in tre situazioni completamente diverse l'una dall'altra. Si inizia difatti con un Cross dinamico, si prosegue con un Cross altruista nei confronti di una carcerata e si finisce con uno padre di famiglia, che assiste la figlia nel suonare il piano, e tutto questo nell'arco di nemmeno cinque minuti. Non si può presentare così frettolosamente un personaggio e, soprattutto, non lo si può fare con tre situazioni completamente diverse ma una seguente all'altra. È un procedimento infantile e confusionario, e sembra partorito da uno sceneggiatore del tutto inesperto e acerbo.
 
Conclusi questi primi cinque minuti, si passa subito al concreto e ci viene immediatamente mostrato il villain del film, magro e muscoloso, che, sotto richiesta di un anonimo, si offre volontario per un incontro di box contro il campione dei pesi massimi di quella particolare arena. Lo speaker annuncia il suo nome (da combattimento), il Macellaio di Sligo, interpretato da un Matthew Fox mai visto così prima d'ora. L'attore americano ha perso moltissimi chili per questo ruolo e il suo corpo é terrificante in quanto muscoloso e scarno al tempo stesso. Il personaggio da lui interpretato è squilibrato e lo eccita il dolore carnale, lo diletta, e Matthew Fox con la faccia così magra e spigolosa é il non plus ultra della pazzia, violenta e carnefice. Inoltre, con questo cranio pelato e lucido, mi ha ricordato moltissimo il John Doe di Kevin Spacey in "Seven", anch'egli un diabolico pazzo schizofrenico. Piccola parentesi: mi ha un po' infastidito un errore grossolano nella prima scena di lotta in cui è palese che i due combattenti stanno in realtà fingendo di scazzottarsi, rendendo di conseguenza tutta la scena abbastanza ridicola.
 
Il Macellaio di Sligo viene poi ribattezzato dai poliziotti Picasso poiché lascia su ogni scena del delitto un suo disegno a carboncino, simile a quelli cubisti del noto pittore spagnolo, in cui è contenuto un piccolo indizio per il luogo o la vittima del prossimo omicidio (autolesionista il ragazzo!). Alex Cross e il suo team, composto dalla molto affiatata coppia Thomas (Edward Burns) e Monica (Rachel Nichols), vengono dunque ingaggiati da
Giles Mercier (Jean Reno), ricco proprietario di una multinazionale a Detroit, prossima vittima designata di Picasso. Tentando di proteggerlo, Alex e Thomas ciò che a loro è più caro al mondo e, spinti da una cieca sete di vendetta e giustizia privata, metteranno a repentaglio la loro vita pur di scovare e uccidere questo brutale serial killer.
 
Parlavo prima di un problema legato agli attori che ora approfondisco. Per quanto riguarda Tyler Perry non c'é male se non fosse che è un po' troppo sovrappeso e ciò si fa sentire sin dai primi secondi, troppo ansimante nella sequenza dell'inseguimento. Matthew Fox è fantastico, nulla da dire, poi così magro è ancora più credibile. Mentre è orrendo, dal punto di vista estetico, Jean Reno, versione balenottera azzurra. Non lo avevo mai visto così grasso, ed è raccapricciante vedere la sua enorme pancia stretta nella orsa di una camicia bianca e di un gilet blu forse un po' troppo attillati. Rob Cohen, ma che gli hai fatto a sto povero Cristo? Infine ci si poteva risparmiare lo stereotipo sulle guardie tedesche che, in una battuta fatta peraltro da una delle guardie tedesche, vengono etichettate come le più efficienti e punitive (chiaro riferimento al periodo nazista). Nel cast compare anche il mitico John C. McGinley nel ruolo di un poliziotto un po' troppo tonto e all'antica. Noi lo preferiamo come "Dottor Cox" in Scrubs, non è vero?
 
"Alex Cross" è un thriller blando che inizia e finisce male, con un colpo di scena mal scritturato e loffio. Nel film regna la superficialità, servita e riverita dall'irrealismo e dalla banalità. Tyler Perry non è malaccio (snche se Morgan Freeman era meglio), mentre Matthew Fox è il vero valore aggiunto del film che se no di buono ha solo il ritmo, abbastanza veloce.

[+] lascia un commento a ilmengoli »
Sei d'accordo con la recensione di ilmengoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
62%
No
38%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di ilmengoli:

Alex Cross | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | donni romani
  2░ | ilmengoli
  3░ | ernestodemaio
  4░ | vincenzo iennaco
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 18 luglio 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità