V per vendetta

Acquista su Ibs.it   Soundtrack V per vendetta   Dvd V per vendetta   Blu-Ray V per vendetta  
Un film di James McTeigue. Con Hugo Weaving, Natalie Portman, Stephen Fry, Stephen Rea, John Hurt.
continua»
Titolo originale V for Vendetta. Fantascienza, durata 120 min. - USA, Germania 2005. uscita venerdì 17 marzo 2006. MYMONETRO V per vendetta * * * - - valutazione media: 3,33 su 245 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Molto più di quanto appaia... Valutazione 4 stelle su cinque

di Un_Virus


Feedback: 0
martedì 6 maggio 2008

Questo film probabilmente può sembrare molto diverso da quello che in realtà è: se infatti si guarda un qualsiasi trailer cinematografico con le sue scene d' azione e di violenza, si può immaginare uno dei classici film carichi di effetti speciali ma poveri, in conclusione, di contenuti, contenuti che poi alla fine distinguono una buona pellicola dalla massa informe delle altre. Non è appunto il caso di V per Vendetta, che pur portando in un certo qual modo la pesante eredità di Matrix, essendo stato sceneggiato dai fratelli Wachowski, riesce a coniugare al suo interno, così come il suo predecessore, numerose scene di lotta, o comunque di azione, che non soffocano tuttavia frammenti profondi e frutto di una riflessione accurata da parte degli sceneggiatori e del regista James McTeigue. Siamo in un futuro più o meno prossimo, nel quale l' Inghilterra è soggiogata da una dittatura neo-nazista che utilizza il terrore per garantire un requisito fondamentale: l' ordine. Chi si oppone, il paladino della giustizia, è in questo caso il misterioso uomo con la maschera che si fa chiamare V e della cui storia si sa ben poco finchè molto lentamente, un tassello dopo l' altro, si svela la sua identità e il suo movente. Forse sarebbe più corretto dire: i moventi, visto che è lui stesso a comunicarci come in realtà le sue prime azioni fossero guidate dalla vendetta, e nient' altro che da quella (“...l' unico motto è vendicarsi..”), fino all' arrivo ad un punto finale nel quale intende agire direttamente contro il potere per il bene comune, per vedere realizzato il suo sogno di libertà in un mondo futuro. Proprio perchè si rende conto che il suo mondo ideale è in realtà un qualcosa di futuro, collabora con Evie, una ragazza che salva non per caso (come sostiene lui stesso) una sera. Anche lei così come il protagonista va incontro ad un processo di maturazione che la porta a disprezzare pian piano la dittatura, e ad affiancare il terrorista anarchico V. Notevole è a mio parere l' ultima scena che mette bene in chiaro un concetto del film, e cioè che V potrebbe essere ciascuno di noi, ovvero che tutti abbiamo il potere di ribellarci contro ciò che non ci sembra giusto, visto che il mondo ci appartiene. Mi sento però obbligato a precisare la mia precedente affermazione, visto che io non utilizzerei mai la violenza per cancellare altra violenza. Il film riesce inoltre a unire idee orginali come un personaggio coperto costantemente da un costante velo di mistero che non si riesce mai a togliere completamente e che ci lascia numerosi punti interrogativi e dubbi anche una volta finito il film, ad idee che di innovativo hanno ben poco, ma che probabilmente sono da considerarsi un qualcosa a metà fra un omaggio, o comunque un gesto di ammirazione, e una semplice idea ritenuta sempre buona per caratterizzare una situazione. Sto parlando del mezzo di controllo usato dal Cancelliere per controllare i suoi cittadini: la televisione. Già, non è una cosa certamente innovativa, anzi è secondo me un chiaro riferimento a George Orwell e al suo “1984” o a “Farheneit 451” di Ray Bradbury, ma non mi sembra sia il caso di demonizzare quello che potrebbe essere definito un plagio; ma è anzi necessario soffermarsi su quello che è veramente il significato: il voler rendere onore a due fra i più famosi scrittori del 900, o comunque a persone che si possono tranquillamente definire molto lungimiranti.

[+] lascia un commento a un_virus »
Sei d'accordo con la recensione di Un_Virus?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
84%
No
16%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
kikka domenica 20 luglio 2008
v per vendetta...film stupendo
100%
No
0%

un film che mi ha lasciata a bocca aperta...nn si può commentare a parole un film così profondo...un idea che è stata portata a termine..un idea diversa dalle altre...non sono i popoli che devono avere paura dei loro governi ma i governi devono avere paura del proprio popolo!!frase magnifica forse una di quelle che in questo film mi ha colpito di più!!

[+] lascia un commento a kikka »
d'accordo?
andersen venerdì 10 ottobre 2008
d'accordo...a metà
100%
No
0%

Condivido alcune delle cose che hai scritto, ma avrei da ridire su altre. Ad esempio, il messaggio di fondo non incoraggia la violenza, anzi...: Evey, per quanto affezionata a V, non esita a definirlo "un mostro" per il suo uso della violenza. Inoltre, alla fine la missione di V riesce solo grazie alla mobilitazione generale della popolazione che, senza violenza, paralizza il sistema. La stessa popolazione era stata sensibilizzata grazie a un atto dimostrativo (l'esplosione dell'Old Bailey) che non aveva causato morti. Perciò c'è da distinguere tra la missione "liberatoria" di V (condivisibile) e il suo ricorso alla violenza (deprecabile).Inoltre nella tua (tra l'altro molto buona) analisi manca il riferimento all'11 settembre e alle molto probabili responsabilità del governo americano, elemento che secondo me è centrale nelle intenzioni degli sceneggiatori (si veda la conversazione tra Finch e Dominic riguardo agli attentati alla St. [+]

[+] lascia un commento a andersen »
d'accordo?
mobius venerdì 10 ottobre 2008
giusto, piu precisazioni
0%
No
0%

Intanto complimenti per aver visto oltre la superficie. Vero anke ke i personaggio cambiano e si sviluppano. La verita e' ke tutto parte dalla vendedda personale di V per la morte di Valery, e suegue poi la lotta per la liberta' intesa come distruzione del sistema generato dagli assassini ke governano. Se ci fai caso poi all'inizio la violenza di V e' quasi cieca, votata alla distruzione; dopo il suo litigio con evey lo stesso V si rende conto di essere un "mostro" generato da coloro contro cui cerca vendetta e decide di morire portandosi dietro tutti i maggiori responsabili del sistema. Credi ke all'inizio lui volesse morire? credi nn volesse vedere i riuslati della sua vendetta? il bello di vendicarsi e' apprezzarne i risultati! lui decide mi morire perche' una volta eliminati i membri del sistema lui sarebbe stato l'ultimo, il prodotto finale di quel sistema corrotto e malato. [+]

[+] lascia un commento a mobius »
d'accordo?
6face lunedì 13 ottobre 2008
dove hai visto v anarchico?
75%
No
25%

mi associo quasi completamente alla tua recensione, se non fosse per il tuo riferimento ad un V anarchico e a un sistema neo-nazista, di certo continuare ad etichettare regimi dittatoriali e oppressivi sempre con gli stessi riferimenti (vedi neo-nazista), oscurano la riflessione sul presente, che credo non così tanto lontana da quanto descritto nel film, per una riferita al passato che ha ormai già dato la sua lezione e dalla quale abbiamo ancora così poco imparato.

[+] lascia un commento a 6face »
d'accordo?
fawkes giovedì 18 marzo 2010
concordo
0%
No
0%

Hai ragione, molti film sono brutti perchè non hanno significato ma sono solo riempiti di effetti speciali e azione

[+] lascia un commento a fawkes »
d'accordo?
V per vendetta | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità