Luci nella notte

Acquista su Ibs.it   Dvd Luci nella notte   Blu-Ray Luci nella notte  
Un film di CÚdric Kahn. Con Carole Bouquet, Jean-Pierre Darroussin, Eric Moreau, Vincent Deniard, Paul Charline.
continua»
Titolo originale Feux rouges. Thriller, durata 106 min. - Francia 2004. - Bim Distribuzione uscita venerdý 6 maggio 2005. MYMONETRO Luci nella notte * * 1/2 - - valutazione media: 2,80 su 14 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il caldo, la coda, la birra... Valutazione 4 stelle su cinque

di


Feedback: 7234 | altri commenti e recensioni di
venerdý 22 febbraio 2019

Interessante e, gran lavoro per Cedric Kahn, qua alle prese con un road-movie arricchito da una invidiabile suspence generata dall'inquietante avventura di due coniugi, in affrettata partenza per le ferie estive. Si inizia a Parigi. Antoine esce dall'ufficio, prende la metropolitana e si reca in un bistrot per aspettare Helene, la moglie che lavora in uno studio legale. Lei però tarda e lui beve una birra. L'attesa si prolunga e Antoine comincia a irritarsi, è agosto e fa molto caldo: beve un'altra birra poi, esasperato, ha un diverbio piuttosto marcato con Helene al telefono e le birre... diventano tre! Poi finalmente arriva la moglie e vanno a casa: lei vuole fare una doccia per poi preparare i bagagli. Lui invece esce dicendo che vuole controllare la vettura: ma in realtà la berlina Rover neppure la apre, si reca nel bar vicino e beve un doppio whisky. Poi fanno una cena fredda e partono. Fuori Parigi trovano subito coda e Antoine decide di uscire dall'autostrada per viaggiare su strada normale. Devono recarsi a prendere i bambini, in colonia estiva, per poi continuare il viaggio delle vacanze nel sud della Francia. Al primo bar Antoine si ferma e beve un altro doppio whisky: quando risale in macchina l'atmosfera si è guastata. Complice l'alcool, lui insulta neppure troppo convinto Helene e poco dopo si ferma ancora in un'area di sosta: quando ritorna Helene non c'è e sul sedile ha lasciato un biglietto scrivendo che continuerà il viaggio in treno. Antoine si reca in stazione e ha la conferma che il treno è appena partito, dunque riparte in auto sperando di trovare la mattina dopo la moglie all'hotel che hanno prenotato. Nella sosta seguente Antoine esce completamente di binario, nel senso che "attacca bottone" senza motivo con un giovane cupo ed introverso, e gli racconta pure i suoi problemi personali. Poi gli dà un passaggio, pur sapendo dalla radio che nella zona è appena fuggito di prigione un pericoloso criminale. Durante il viaggio ci sono dei battibecchi e il giovanotto con la sua arroganza prende il sopravvento su Antoine, che diventa debole ed arrendevole. Poi la situazione precipita: lui capisce che il giovanotto è l'evaso e con un attrezzo lo colpisce infinite volte sul volto: lo crede morto, invece se lo trova davanti all'auto, barcollante e sanguinante. A questo punto c'è uno buco (voluto) di sceneggiatura: Antoine si ritrova con la vettura guasta con una ruota a terra. Un contadino gli dà un passaggio sul trattore fino in paese per trovare un meccanico: mentre la vettura viene riparata Antoine cerca la moglie al telefono, ma non la trova in hotel e non è neppure andata a prendere i bambini. Dove è finita? La ragazza del bar gli permette di fare un numero illimitato di telefonate e alla fine viene a sapere che Helene è in ospedale: è stata derubata e violentata sul treno dal criminale appena evaso, lo stesso al quale Antoine ha poi dato un passaggio. Si trova poi il corpo sfigurato del malvivente, ucciso da una macchina che lo ha schiacciato più volte. Tutto è chiaro: nel "buco" creato dal regista Antoine ha investito più volte l'evaso, per poi trovarsi in stato confusionale sul ciglio della strada con una gomma a terra. Alla fine dunque, "tutto è bene quello che finisce bene", ma quello che finisce meglio di tutti è lo spettatore, che certo non ha bisogno di un caffè per vedere questo film. Jean-Pierre Darroussin è strepitoso: regge tutto sulle sue spalle, anche se Carole Bouquet (un pò in ombra) e "l'evaso" Vincent Deniard lo aiutano non poco. Cedric Kahn dimostra di possedere il controllo assoluto della situazione: la scelta di ambientare il viaggio di notte è fondamentale, creando una situazione di inquietudine e paura che cresce ogni minuto. Un bel film da vedere subito, da soli e, possibilmente, di notte... - di "Joss" -



[+] lascia un commento a »
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di :

Vedi tutti i commenti di »
Luci nella notte | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Mattia Nicoletti
Pubblico (per gradimento)
  1░ | medz
  2░ | francesco2
  3░ |
  4░ | gianleo67
  5░ | philippe
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdý 6 maggio 2005
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedý 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedý 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledý 9 settembre
Fantasy Island
martedý 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledý 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedý 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledý 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico Ŕ per se...
giovedý 6 agosto
Last Christmas
Georgetown
Queen & Slim
mercoledý 5 agosto
Alice e il sindaco
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità