West Side Story

Acquista su Ibs.it   Dvd West Side Story   Blu-Ray West Side Story  
Un film di Steven Spielberg. Con Ansel Elgort, Rachel Zegler, Ariana DeBose, David Alvarez.
continua»
Titolo originale West Side Story. Drammatico, durata 156 min. - USA 2021. - Walt Disney uscita giovedì 23 dicembre 2021. MYMONETRO West Side Story * * * * - valutazione media: 4,45 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
felicity venerdì 13 maggio 2022
film in continuo, perpetuo movimento Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Film dall’anima e dalla densità analogica, West Side Story si apre sulle rovine di un quartiere in piena ristrutturazione “gentrificatrice”, già degradato, popolato di minoranze depauperate (Tony non sta per Anthony, ma per Anton, un polac, come dice sprezzante Bernardo), e prosegue in questo scenario quasi post-apocalittico fino allo scontro nei Magazzini del Sale dove, riprese dall’alto, le due gang di “guerrieri della notte” avanzano proiettando ombre lunghissime. Di qui in avanti, solo la disperazione di coltelli e pistole tirati fuori all’improvviso, di vendette insensate, involontarie e mortali, di amori e vite spezzate. Delle inesauribili guerre tra poveri, tra razze e lingue disgraziatamente non comunicanti, in un ripetersi ossessivo di riflessi la cui armonia si infrange bruscamente, di ombre che rimandano a un passato mai sepolto. [+]

[+] lascia un commento a felicity »
d'accordo?
felicity venerdì 13 maggio 2022
film in continuo, perpetuo movimento Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Film dall’anima e dalla densità analogica, West Side Story si apre sulle rovine di un quartiere in piena ristrutturazione “gentrificatrice”, già degradato, popolato di minoranze depauperate (Tony non sta per Anthony, ma per Anton, un polac, come dice sprezzante Bernardo), e prosegue in questo scenario quasi post-apocalittico fino allo scontro nei Magazzini del Sale dove, riprese dall’alto, le due gang di “guerrieri della notte” avanzano proiettando ombre lunghissime. Di qui in avanti, solo la disperazione di coltelli e pistole tirati fuori all’improvviso, di vendette insensate, involontarie e mortali, di amori e vite spezzate. Delle inesauribili guerre tra poveri, tra razze e lingue disgraziatamente non comunicanti, in un ripetersi ossessivo di riflessi la cui armonia si infrange bruscamente, di ombre che rimandano a un passato mai sepolto. [+]

[+] lascia un commento a felicity »
d'accordo?
bernardino abate mercoledì 9 marzo 2022
un grande film, un grande regista Valutazione 0 stelle su cinque
93%
No
7%

Complimenti al grande regista Steven Spielberg, che ripresenta in veste nuova un classico del grande cinema!

[+] lascia un commento a bernardino abate »
d'accordo?
gianfranco mercoledì 16 febbraio 2022
spielberg al suo meglio Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

Manhattan anni 50.In un quartiere ove è il degrado più assoluto a regnare sovrano,vivono senza meta alcuna due bande di adolescenti appartenenti a nazionalità differenti:una di origine polacca,l'altra,invece,di origine portoricana.La vita di entrambe le due bande è imperniata sulla violenza,attuata come strumento di spraffazione e di controllo sugli altri.In questo clima di continui scontri e di rivalità,è il ballo,tuttavia,a rappresentare per questi giovani l'unico momento di svago ,in cui alcuni di loro possono allontanarsi dal marciume che li circonda,con l'illusione di entrare in un altro mondo,un pò più normale.E sarà proprio il ballo,a far incontrare ed immamorare attraverso un incrocio di sguardi la graziosa portoricana Maria e Tony,un giovane appena uscito di prigione,per aver ucciso  un altro uomo. [+]

[+] lascia un commento a gianfranco »
d'accordo?
giovedì 6 gennaio 2022
clone
36%
No
64%

Premesso che il film del ’61 non è certamente un capolavoro, lo è però confrontato con il mediocre adattamento di Spielberg. Il valore del film di Wise e Robbins – che immagino era presente anche nello spettacolo teatrale – era senz’altro costituito dalle “moderne”, dinamiche coreografie del maestro Jerome Robbins. Coreografie perfettamente integrate all’ambiente sociale e culturale della vicenda. Coreografie dai movimenti nuovi, riadattamento del repertorio classico del balletto cinematografico americano (penso a ballerini e coreografi quale Michael Kidd, il divino Astaire, Gene Kelly). La coreografia è praticamente presente in modo marginale nel remake. Coreografia spesso ripresa male (ad esempio disperdendo i ballerini in mezzo a folle di passanti) e che non ha più l’essenzialità e la pregnanza di quella originale. [+]

[+] lascia un commento a »
d'accordo?
montefalcone antonio mercoledì 5 gennaio 2022
la dichiarazione d’amore di spielberg al musical Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

Ambientato nell’Upper West Side della New York della metà degli anni cinquanta, il musical racconta la rivalità tra due bande di adolescenti di diversa estrazione etnica: gli Sharks, composta da immigrati portoricani, e i Jets, una gang di ragazzi bianchi. In un clima di odio e intolleranza continui, Tony, un ex membro dei Jets, nonché miglior amico del loro capo Riff, si innamora di Maria, la sorella di Bernardo, il leader degli Sharks.  Dunque i Jets bianchi e gli Sharks portoricani, tenuti a battesimo dallo spettacolo di Broadway del ’57 ideato, diretto e coreografato da Robbins, con libretto di Arthur Laurents, musiche di Leonard Bernstein, testi di Stephen Sondheim (recentemente venuto a mancare). [+]

[+] lascia un commento a montefalcone antonio »
d'accordo?
cardclau martedì 4 gennaio 2022
la fugacità deella luce Valutazione 4 stelle su cinque
5%
No
95%

 Non vi nascondo che ero preoccupato prima della proiezione: che la versione di West Side Story di Spielberg potesse turbarmi come la versione originale di Robbins del 1961. Confidavo quindi negli effetti speciali e nell’accelerazione indiavolata di tanta cinematografia moderna nello stemperare il salutare, ma straziante, sbigottimento nel percepire il traboccare delle proprie emozioni di fronte ad un dramma così antico e vero: della potenza e della fugacità della luce, l’amore, fra due esseri umani, di fronte alla dittatura e alla persistenza dell’ombra, l’odio anaffettivo, la distruzione senza pensiero. [+]

[+] lascia un commento a cardclau »
d'accordo?
thomas giovedì 30 dicembre 2021
west side story o grease?
52%
No
48%

West Side Story racconta una vicenda di morte che affonda le radici nell'odio razziale, nella povertà e nell'assenza di futuro per gioventù bruciate.
Racconta di realtà talmente intrise di rabbia e rancore da impedire una normale convivenza, di passioni amorose talmente accese da obliare la morte di un famigliare (Maria trascorre la notte con Tony pur sapendo che le ha appena ammazzato il fratello).
Racconta infine un'America che, nonostante si sia sviluppata grazie al contributo di decine di etnie diverse (il cosiddetto melting pot), tuttavia continua a pagare lo scotto della violenza innescata da integrazioni problematiche se non in alcuni casi impossibili.
Se tutto questo è West Side Story, e se si è voluto portarla nuovamente sugli schermi a distanza di circa sessanta anni, non vi è dubbio che l'occasione doveva essere sfruttata per valorizzare il potenziale "oscuro":che offre la storia e farla diventare grande e coraggioso affresco della Storia. [+]

[+] lascia un commento a thomas »
d'accordo?
stefano musacchio martedì 28 dicembre 2021
capolavoro Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
100%

Perché questo film è un capolavoro?
Perché l'idea è di un certo William Shakespeare.
Perché le musiche di Leonard Bernstein sono immortali. 
Perché è diretto da Spielberg che sa fare il suo mestiere. 
Perché è interpretato da bravi attori che sanno ballare e cantare. 

[+] lascia un commento a stefano musacchio »
d'accordo?
domenica 26 dicembre 2021
il non musical del west side story di spielberg
70%
No
30%

Premesso che il film del ’61 non è certamente un capolavoro, lo è però confrontato con il mediocre adattamento di Spielberg. Il valore del film di Wise e Robbins – che immagino era presente anche nello spettacolo teatrale – era senz’altro costituito dalle “moderne”, dinamiche coreografie del maestro Jerome Robbins. Coreografie perfettamente integrate all’ambiente sociale e culturale della vicenda. Coreografie dai movimenti nuovi, riadattamento del repertorio classico del balletto cinematografico americano (penso a ballerini e coreografi quale Michael Kidd, il divino Astaire, Gene Kelly). La coreografia è praticamente presente in modo marginale nel remake. Coreografia spesso ripresa male (ad esempio disperdendo i ballerini in mezzo a folle di passanti) e che non ha più l’essenzialità e la pregnanza di quella originale. [+]

[+] lascia un commento a »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
West Side Story | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Writers Guild Awards (1)
SAG Awards (2)
Premio Oscar (8)
Producers Guild (1)
NSFC Awards (2)
National Board (2)
Golden Globes (7)
Directors Guild (1)
Critics Choice Award (12)
CDG Awards (1)
BAFTA (7)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità