Uncle Frank

Un film di Alan Ball. Con Paul Bettany, Sophia Lillis, Peter Macdissi, Judy Greer, Steve Zahn.
continua»
Drammatico, - USA 2020. MYMONETRO Uncle Frank * * - - - valutazione media: 2,34 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La profonda America degli anni 60 e 70 Valutazione 3 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 34038 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
lunedý 30 novembre 2020

Sembra quasi impossibile che solo cinquant’anni fa negli Stati Uniti gli omosessuali potessero finire

in galera. Erano considerati dei pervertiti che peccavano contro Dio, così almeno nella Carolina del Sud a Creekville, un piccolissimo centro cattolico abitato prevalente ente da bianchi. Siamo all’inizio negli anni ’70 e Beth Bledsoe (interpretata da Sophie Lillis) lì non aveva mai conosciuto un omosessuale o se anche fosse successo lei non lo aveva saputo. È nata e cresciuta a Creekville e, tra i vari membri della famiglia, ha una particolare simpatia verso lo zio (interpretato da Paul Bettany) che vede raramente, solo alle feste familiari, perché vive a New York dove insegna. È un intellettuale gentile e garbato, le suggerisce e talvolta le presta dei libri da leggere come, ad esempio Madame Bovary. Cerca di spingerla verso una sua autonomia e autodeterminazione. «Sarai la persona che tu decidi di essere o quella che tutti gli altri ti dicono di essere? La scelta spetta a te, soltanto a te» le dice lo zio Frank.
Così lei lascia la Carolina del Sud e va a studiare al New York college dove scoprirà, quasi casualmente, che lo zio invece di dividere l’appartamento con un roommate lo divide con Willy (Peter Macdissi), suo partner decennale, essendo entrambi gay.
Un certo giorno muore d’improvviso il pater familias (padre di Frank e nonno di Beth). Il lutto familiare farà tornare a Creekville Frank e Beth in macchina insieme (la madre di Beth non voleva lei prendesse l’aereo!) mentre Wally - non dandosi per vinto per essere stato lasciato a New York  -prenderà un’auto in affitto e li seguirà, per colmare di attenzioni il compagno in un momento difficile. In tal modo, dal momento in cui partono per tornare a casa ed essere presenti al funerale, il film diventa un road movie. Durante il percorso si intensifica il rapporto tra zio e nipote. Beth incuriosita si fa raccontare un po' di dettagli dell’omosessualità dello zio: «quando se ne è accorto? A che età il primo rapporto?» e così via.
Una volta arrivati nella cittadina vanno tutti e tre a dormire in albergo. Poi zio e nipote si dirigono verso la veglia funebre da cui, ovviamente, è escluso Willy. Nessuno deve sapere dell’omosessualità di Frank. Così attraverso vari flash back, si viene a sapere che il padre di Frank (interpretato da Stephen Root) lo aveva scoperto ragazzino, in atteggiamento intimo, con Sam il suo amichetto e compagno di scuola. Da lì un dictat: «Se vi scopro ancora insieme vi uccido tutti e due». Tanto era grave il peccato! Frank all’epoca ubbidì e lasciò l’amichetto “pervertito” e “finocchio”, il quale, per disperazione, si uccise buttandosi nel lago e lasciandogli una lettera scritta.
Questo è il vero dramma di Frank che si sente a tutt’oggi responsabile della morte di Sam, mentre da allora ha nutrito un sentimento contrastante nei confronti del proprio padre accusatore, in fondo, il vero responsabile di questa morte.
Attraverso vari colpi di scena che non voglio narrare sarà ritrovata una sorta di equilibrio che consentirà una rappacificazione di Frank e Beth con l’ambiente, con il luogo fisico dove entrambi sono nati e cresciuti.
Frank in fondo costituisce un simbolo, rappresenta tutti coloro che hanno dovuto, e devono ancora dire, il falso per essere accettati, coloro che hanno dovuto costruirsi un’immagine falsa per presentarsi al mondo, costretti ad indossare un abito diverso dal proprio.
Lo sceneggiatore e regista Allan Ball, era stato premiato nel 2000 con l’Oscar alla sceneggiatura per “American Beauty” di Sam Mendes, qui si cimenta anche nella regia. È inoltre un ottimo autore di serie tv come “True Blood” e “Six Feet Under”.
La storia può essere considerata per certi versi autobiografica perché anche Allan Ball viene da un paese del profondo sud (Atlanta, Georgia) e anche lui è stato cresciuto da genitori conservatori. Ball è inoltre un sostenitore della battaglia LGBTQ in quanto omosessuale dichiarato.
Il film è garbato, i sentimenti sono contenuti ed espressi per lo più nel volto del protagonista in una sua ottima prova attoriale. I colori sono chiari, luminosi, la natura predominante, nella fotografia intensa ma discreta di Khalid Mohtaseb.

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
Uncle Frank | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | vanessa zarastro
  2░ | fabio 3121
  3░ | jonnylogan
Writers Guild Awards (1)
Satellite Awards (1)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
domenica 21 febbraio
The Night Manager
giovedý 18 febbraio
The Good Fight
venerdý 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità