Vittoria e Abdul

Acquista su Ibs.it   Dvd Vittoria e Abdul   Blu-Ray Vittoria e Abdul  
Un film di Stephen Frears. Con Judi Dench, Ali Fazal, Eddie Izzard, Adeel Akhtar, Tim Pigott-Smith, Olivia Williams.
continua»
Titolo originale Victoria and Abdul. Biografico, Ratings: Kids+13, durata 149 min. - USA, Gran Bretagna 2017. - Universal Pictures uscita giovedì 26 ottobre 2017. MYMONETRO Vittoria e Abdul * * 1/2 - - valutazione media: 2,70 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
nellosisilini lunedì 13 agosto 2018
abdul..., esperienza e altresì vittoria. Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

sembra una storia degli ambienti 'musulmani', altrettanto
di cui se ne parla spesso in tv, con gli esodi e le molte
barche di telenotiziari e quotidiani, il nomadismo è d'attualità,
tipo le storie che non danno replica, nessuno... può
dunque dire se sia un film incredibile, la vittoria di
abdul..., però è in realtà, e altresì non un classico action.

[+] lascia un commento a nellosisilini »
d'accordo?
seiken77 lunedì 26 febbraio 2018
richiede molta umiltá e intelligenza Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

Un film ispirato a una storia vera che è stata resa pubblica solo pochi anni fa, ma che è accaduta circa un secolo fa. Un film che viene comunque realizzato con un indirizzo político, mediatico e massonico, ove si vuole forzare lo spettatore all'accettazione della comunitá musulmana, fino ad oggi presentata dai media mondiali come pericolosa, e fanatica di una religione. Ecco però che l'eccezione fa la regola: Abdul, vuole rompere questa ideología tuttavia, viene presentato fino alla metà del film e nelle descrizioni come un indiano, probabilmente per rendere piu'attraente lo stesso film. In realtá è un musulmano, e si scoprirá piu'avanti, e che deve attraversare il mondo per scoprire la bellezza di una donna, una bellezza interiore che come egli stesso dice, nemmeno in sua moglie ha visto, moglie coperta da velo nero integrale, completamente assente e nascosta come vuole l'assenza di cultura musulmana. [+]

[+] lascia un commento a seiken77 »
d'accordo?
elicann lunedì 12 febbraio 2018
credo di essere soprattutto indignata Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
0%

Grandissima delusione dove salvo solo il talento e la bravura di questa infaticabile interprete, ma per ciò che riguarda il resto , meglio stendere un velo pietoso. Delusione, noia e fatica a reggere il film fino alla fine.
Dal regista di "Philomena" ( tanto per citarne uno con la Dench), mi aspettavo qualcosa di meno manipolatore verso la tolleranza della religione mussulmana. L'insolita amicizia tra la regina Vittoria e il suo "Munshi", un servitore indiano venuto inizialmente a consegnare un omaggio a sua maestà e divenuto poi sempre più intimo fino a stabilire un saldo legame affettivo basato sulla fiducia e sulla confidenza reciproca, è stato manipolato per far passare altro. [+]

[+] non sono d'accordo (di giadalucia)
[+] lascia un commento a elicann »
d'accordo?
elicann mercoledì 31 gennaio 2018
il messaggio è chiaro e mascherato da altro Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

Sembra una bella favoletta, un film storico in cui si racconta e si rappresenta  appunto un fatto storico accaduto nel 1901 e guarda caso scoperto nel 2010?!!! La Regina Victoria era rappresentante della Chiesa Anglicana e quindi difensora della fede di Dio. Non possiamo sapere con certezza cosa si siano detti con quest'uomo o cosa si sia addirittura pensato e fare volutamente un film in cui deve passare il messaggio mussulmano è sessista e di una violenza tale che gli spettatori dovrebbero essere informati prima di scegliere di vedere questo film. In punto di morte il messaggio non può essere che tutti tornato ad Allah nel giardino ... ma che tutti tornato a Dio, nostro Padre celeste. [+]

[+] lascia un commento a elicann »
d'accordo?
gabriella mercoledì 10 gennaio 2018
vittoria e vittoria Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

 Diamo a Judy quel che è di Judy, perchè è giusto riconoscerne il talento e la bravura di questa infaticabile 

interprete, però per ciò che riguarda il resto , meglio stendere un velo pietoso, non mi vengono in mente altre
definizioni, tanta è stata la delusione, la noia e la fatica a reggere il film fino alla fine.
Dal regista di "Philomena" ( tanto per citarne uno con la Dench), mi aspettavo qualcosa di più originale, 
di più innovativo,l'insolita amicizia tra la regina Vittoria e il suo "Munshi", un servitore indiano venuto 
inizialmente a consegnare un omaggio a sua maestà e divenuto poi sempre più intimo fino a stabilire un saldo 
legame affettivo basato sulla fiducia e sulla confidenza reciproca, poteva essere trattato con più coraggio
e intraprendenza. [+]

[+] lascia un commento a gabriella »
d'accordo?
samanta martedì 14 novembre 2017
quando l'inghilterra non conosceva il suo impero Valutazione 3 stelle su cinque
87%
No
13%

Vittoria e Abdul è un film uscito in Italia attualmente. La produzione è mista Ingese e USA, la regia è di Stephen Frears un regista inglese che ha un notevole curriculum cinematografico con al suo atttivo  films come The Queen e Florence. Il film che è tratto dal libro omonimo di uno scrittore indiano Shrabani Basu attualmente giornalista del Times, narra una storia reale: le vicende in un indiano alla corte della Regina Vittoria dal 1887 al 1901.
La trama: Abdul Karim (Alì Farzal) è un impegato come scrivano nella prigione di Agra e viene scelto insieme ad un compagno a portare alla Regina Vittoria in occasione del suo giubileo 50 anni di regno una moneta particolare come omaggio dell'impero indiano di cui Vittoria (Judi Dench che impersona per la seconda volta la regina) è Imperatrice. [+]

[+] lascia un commento a samanta »
d'accordo?
namla lunedì 13 novembre 2017
delicato e colorato Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

il film è molto carino! tocca delicate corde di sentimenti che, al di là di  frasi e  parole recitate, si esprimono nei gesti e negli sguardi... la fotografia è davvero significativa e i due protagonisti comunicano con gli sguardi. Ho trovato gli attori bravissimi e coinvolgenti, le scene pittoriche e rilassanti Sembra di essere proiettati in un'altra realtà, quasi onirica se non fosse per gli umanissimi sentimenti dei personaggi. Ottimo momento di svago, senza troppi scombussolamenti, che ora ci fa sorridere ora commuovere sempre con intelligenza e gentilezza...

[+] lascia un commento a namla »
d'accordo?
domenica 12 novembre 2017
orribile propaganda contro la regina e il mondo cattolico e indiano, una vergogna Valutazione 1 stelle su cinque
33%
No
67%

Questo film è un orribile propaganda contro tutto quello che riguarda la casa reale inglese e i valori del mondo cattolico e indiano. Un'assurda valorizzazione sole ed esclusiva dei valori musulmani. Film lento e malfatto. Sconsiglio vivamente di vederlo e' una gran perdita di tempo

[+] hai assolutamente ragione (di elicann)
[+] lascia un commento a »
d'accordo?
maramaldo mercoledì 8 novembre 2017
una favola bella Valutazione 4 stelle su cinque
25%
No
75%

Soggetto da opera buffa, tema di musical. Curiose coincidenze. Avete visto Il Palazzo del Vicerè: quattro inservienti indù, in candidi paludamenti, portano via dalla residenza britannica di Delhi come fosse un feretro un imponente busto marmoreo dell'ex-Imperatrice. L'espressione arcigna e disgustata del simbolo del potere che oppresse per trecento anni non è dissimile da quella con cui imperversa per tutto il film Judi Dench. Sempre a suo agio l'Oscar nei panni di donna letale, al potere, cui uno sprazzo di umanità non arriva tutti i giorni. Per me, gli occhietti di ghiaccio che rilasciano "licenza di uccidere" son sempre quelli di M, l'unica femmina al mondo capace di mettere in riga James Bond. [+]

[+] lascia un commento a maramaldo »
d'accordo?
flyanto giovedì 2 novembre 2017
un'impensabile amicizia Valutazione 3 stelle su cinque
38%
No
63%

 "Vittoria e Abdul" è un film in cui si racconta la profonda 'amicizia, nonchè il reciproco e sincero rispetto, tra la Regina d'Inghilterra Vittoria (a suo tempo Imperatrice dell'India conquistata) ed un suo devoto servitore indiano di nome, appunto, Abdul. Una storia vera che il regista Stephen Frears ha portato sullo schermo in forma molto romanzata e, quasi, ideale, ma assai piacevole a guardarsi. Ciò che più preme a Frears, infatti, al di là della veridicità vera e propria è presentare soprattutto il carattere "bizzarro" di questa regina che, sfidando le convenzioni dell'epoca e, in particolare, del suo elevato rango sociale, la portò a notare e ad apprezzare le doti naturali, unite ad alla sua'indole molto affabile, dolce e soprattutto sincera, di un suo servitore indiano, sollevando, appunto, conseguenti disapprovazioni e lamentele, quando non tentativi di ostruzionismo vero e proprio, da parte dei suoi diretti collaboratori e dei suoi familiari stessi. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Vittoria e Abdul | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | ruger357mgm
  2° | samanta
  3° | maurizio.meres
  4° | gabriella
  5° | seiken77
  6° | elicann
  7° |
  8° | maramaldo
  9° | flyanto
10° | starfish11
SAG Awards (1)
Premio Oscar (2)
Golden Globes (1)
European Film Awards (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 26 ottobre 2017
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità