Frantz

Acquista su Ibs.it   Dvd Frantz   Blu-Ray Frantz  
Un film di François Ozon. Con Pierre Niney, Paula Beer, Ernst Stötzner, Marie Gruber, Johann von Bülow.
continua»
Titolo originale Frantz. Drammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 113 min. - Francia 2016. - Academy Two uscita giovedì 22 settembre 2016. MYMONETRO Frantz * * * 1/2 - valutazione media: 3,78 su 33 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
writer58 domenica 2 ottobre 2016
l'innocente Valutazione 4 stelle su cinque
76%
No
24%

La Germania, nel 1919, è una nazione sconfitta, a cui hanno imposto durissime condizioni di resa, risentita nei confronti del mondo intero, che ha pagato un enorme tributo di sangue durante la prima guerra mondiale. Uno dei caduti è Frantz, un giovane di 24 anni, figlio di un medico che si sente in colpa per aver inviato il figlio al fronte e che detesta tutti i francesi, considerandoli gli assassini del ragazzo. Anche Anna, la ex fidanzata di Frantz, è in lutto: si reca tutti i giorni sulla sua tomba per deporre un mazzo di fiori, ignora le attenzioni di un maturo pretendente, non vuole dimenticare quello che è stato il suo primo amore. In questo scenario di mestizia, perdita e frustrazione s'inserisce un giovane francese, Adrien, che si presenta come amico di Frantz. [+]

[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
kimkiduk martedì 27 settembre 2016
peccato il finale Valutazione 4 stelle su cinque
53%
No
47%

Da "Sotto la sabbia" a "Giovane e bella", passando per il bellissimo "Il tempo che resta" Ozon ha sempre descritto le persone nella loro interiorità e riservatezza.
E' anche vero che dopo la trilogia della morte ha sicuramente variato spesso il suo cinema con film noir (8 donne e mezzo) o di fantasia (Richy) o più di semplice commedia (Potiche).
Qui varia ancora, pur continuando ad analizzare le persone, i loro perchè, i loro segreti.
Stavolta forse assomiglia ad un romanzo da letteratura russa, attraverso la storia d'amore tra Anna e Frantz e la possibile altra storia tra Anna e Adrien.
Ma l'amore resta sempre sommesso, non si incarna, non evolve. [+]

[+] ho (di marilica)
[+] lascia un commento a kimkiduk »
d'accordo?
nalipa mercoledì 26 aprile 2017
eccellente... Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Poetico evocativo, interpretato da ottimi attori!

La giovane Anna si reca ogni giorno sulla tomba del giovane che amava e avrebbe sposato alla fine della guerra. La vicenda si svolge nella Germania del dopo guerra, 1919.

Anna condivide il dolore della perdita con i genitori dell'amato e quando un giorno vede fiori sulla tomba che non ha messo lei incuriosita scopre che li ha lasciati un ragazzo francese, lo avvicina per sapere il perche' del suo gesto. Il francese racconta che era molto amico di Franz, lo aveva conosciuto prima del conflitto a Parigi.  
Anna riesce a far accettare il nuovo amico anche al padre di Franz che in un primo momento non ne vuole sapere di avere un nemico in casa (ogni francese potrebbe essere l'assassino di mio figlio)  dice al ragazzo. [+]

[+] lascia un commento a nalipa »
d'accordo?
robert1948 domenica 19 marzo 2017
un film come quelli di una volta Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

C'è :
-L'orrore della guerra . Senza carneficine di corpi come in alcuni
film americani . Più che nel famoso discorso finale del Colonnello
Kurtz in Apocalisse Now.
-Lo sciocco sciovinismo sia della Francia che della Germania
nell'Europa che fu . Nello scenario della Grande Guerra ;
-Il senso religioso della vita . Il perdono. Il valore della menzogna
quando è finalizzata al bene ;
-L'amore . Lo struggente amore paterno;
-L'arte di Manet ;
-Una splendida fotografia in bianco e nero che a volte si dissolve
nel colore .
E in una trama che non ha nulla a che vedere con un thriller ,
Ozon riesce a creare "suspence"; per un film che si "beve" tutto d'un fiato. [+]

[+] lascia un commento a robert1948 »
d'accordo?
rampante giovedì 12 gennaio 2017
anna Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Un melodramma ricco di umanità, delicato e struggente Quasi mai la guerra tra governi nemici è una guerra tra individui 1919, un villaggio tedesco, Anna piange il suo grande amore Frantz, un ragazzo speciale con la passione per la Francia che le parla di Parigi, le recita poesie francesi ma, la guerra li separa. Anna ogni giorno si reca al cimitero e qui incontra sulla tomba del suo Frantz un misterioso giovane francese, Adrien in visita disperata alla famiglia del giovane tedesco ucciso in trincea. Franzt e Adrien hanno combattuto da avversari la Prima Guerra Mondiale ed Adrien non ha più pace dopo il tragico corpo a corpo con il tedesco. Adrien si presenta come un amico di Parigi venuto a conoscere la famiglia di Frantz ma, quando Anna scopre la terribile verità e tutte le menzogne di Adrien ne è sconvolta. [+]

[+] lascia un commento a rampante »
d'accordo?
fabiofeli lunedì 26 settembre 2016
"questo quadro mi restituisce la gioia di vivere" Valutazione 3 stelle su cinque
50%
No
50%

Corre l’anno 1919 in un villaggio della Germania; una giovane tedesca, Anna (Paula Beer), si reca ogni mattina al cimitero per portare fiori su una tomba. Il sepolcro è quello di un giovane soldato, Frantz, morto nella I Guerra Mondiale e sepolto in terra di Francia in una fossa comune con altri militari tedeschi non identificati. Anna era fidanzata con Frantz ed ora vive come una figlia adottata nella casa dei genitori del ragazzo morto (Ernst Stötzner e Marie Gruber); quando trova alcune rose bianche nel rettangolo di terra sotto la croce, scopre che l’autore del gesto è un giovane francese, Adrien (Pierre Niney) che dice di aver conosciuto Frantz. Anna gli chiede se sono stati amici e la riluttante ammissione di lui la spinge ad invitarlo in casa dei genitori di Frantz per conoscerli e parlare loro degli incontri avuti a Parigi. [+]

[+] lascia un commento a fabiofeli »
d'accordo?
tavololaici lunedì 10 ottobre 2016
il film gentile, immerso nell'orrore Valutazione 0 stelle su cinque
49%
No
51%

Frantz è un flim sull'orrrore della guerra, senza che la guerra appaia quasi mai. Giocato in un elegante bianco e nero, con alcuni saltuari ed emotivi squarci di colore, si aggira per la germania e la francia degli anni post-grande guerra (e la scrittura, ho saputo poi, è degli anni 30), tessendo una storia d'amore toccante, fatta di contraddizioni e dolori. Come sappiamo tutti (vivendo per altro in questo nostro periodo) lo struggente suono del violino non puo' nulla contro la guerra, ma evoca ugualmente bellezza e armonia, cosi come un quadro di Monet conservato al Louvre (e su cui tanta parte del film giocherà le sue contraddizioni)-per quanto solo alla fine ne ne scorgeranno le implicazioni. [+]

[+] lascia un commento a tavololaici »
d'accordo?
francesco2 mercoledì 15 marzo 2017
per un amico in più Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
100%

Ozon è tornato, a dirla male, sul tema del doppio (cos'è, poi?) A dirla, speriamo, meglio,
concentra la propria attenzione sulla coesistenza di due livelli di lettura: quello tra finzione
e realtà era già stato esplorato in "Swimming Pool", ma ha trovato un compimento 
definitivo nel bellissimo "Nella casa". Ma, pensandoci bene, questi erano tentativi più 
espliciti -sic-, : in "Giovane e bella", per esempio,  -la ragazza recitava un ruolo un poco di 
fronte a tutti, forse persino nei confronti di sé stessa.
Senza svelare troppo su questo ultimo lavoro,  "chi mente a chi",è tutt'altro che una 
domanda oziosa. [+]

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?
giulio n. martedì 6 dicembre 2016
in risposta a aldo marchioni Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
100%

 Il cinema postmoderno è interamente stipato di citazioni ed intriso di elementi del passato. Come hai giustamente scritto, Caro Aldo, Il Cielo sopra Berlino di Wenders ne è un valido esempio ma ne potremmo fare altri anche più vecchi, solo per dirne due: Il mago di Oz di Victor Fleming del 1939 e Scala al paradiso di Michael Powell e Emeric Pressburger del 1946 (al quale lo stesso Wenders per il film sopracitato si è molto ispirato). Sono d'accordo quando dici che ci sono dei “Maestri” che inventano tecniche a cui altri si ispirano, l'intero Manierismo italiano riprendeva e si rifaceva a tecniche ed elementi cari ai grandi artisti del passato. [+]

[+] lascia un commento a giulio n. »
d'accordo?
angelo umana martedì 11 ottobre 2016
la menzogna palliativa Valutazione 4 stelle su cinque
49%
No
51%

 Sparagli Piero sparagli ora e dopo un colpo sparagli ancora, fino a che tu non lo vedrai esangue cadere in terra coprire il suo sangue. E mentre gli usi questa premura quello si volta ti vede ha paura ed imbracciata l’artiglieria non ti ricambia la cortesia. Così Fabrizio De André nella Guerra di Piero. Lo aveva già detto, già previsto, così come tanti prima e dopo: nelle guerre, come fa dire in Frantz invece il regista François Ozon, si possono trovare di fronte due ragazzi pacifisti di eserciti diversi, ed uno ha per missione di sparare all’altro. Qui non si tratta di Piero ma di Frantz, tedesco.
 
La ex promessa sposa Anna, bella ed elegante nei vestiti del tempo, va quotidianamente a portargli fiori sulla tomba nel 1919. [+]

[+] lascia un commento a angelo umana »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Frantz | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | kimkiduk
  3° | nalipa
  4° | robert1948
  5° | rampante
  6° | fabiofeli
  7° | tavololaici
  8° | vanessa zarastro
  9° | giulio n.
10° | francesco2
11° | angelo umana
12° | lbavassano
13° | alex2044
14° | domenico astuti
15° | alirusso
16° | gpistoia39
17° | jack38
18° | flyanto
19° | domenico astuti
20° | domenico astuti
21° | giulio n.
22° | maurizio d
Festival di Venezia (1)
Cesar (11)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 22 settembre 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità