Via Castellana Bandiera

Acquista su Ibs.it   Dvd Via Castellana Bandiera   Blu-Ray Via Castellana Bandiera  
Un film di Emma Dante. Con Emma Dante, Alba Rohrwacher, Elena Cotta, Renato Malfatti, Dario Casarolo, Carmine Maringola.
continua»
Drammatico, durata 94 min. - Italia, Svizzera 2013. - CinecittÓ Luce uscita giovedý 19 settembre 2013. MYMONETRO Via Castellana Bandiera * * 1/2 - - valutazione media: 2,97 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

il lato oscuro di noi Valutazione 4 stelle su cinque

di angelo umana


Feedback: 108692 | altri commenti e recensioni di angelo umana
lunedý 23 settembre 2013

 Succede, a volte succede, che carichi del proprio fardello di tensioni e preoccupazioni, si affrontino situazioni o incontri non previsti reagendo in modo insospettabile, perfino inconsulto. Così avviene nel caso di Rosa (Emma Dante, regista e protagonista) e di Samira (Elena Cotta). La prima è tornata di malavoglia a Palermo, al volante della sua Multipla, per condurre a una festa di nozze la sua giovane compagna Clara (Alba Rohrwacher). E’ tesa perché le torna davanti il suo difficile rapporto con la madre, che risiede in quella città, e per i momenti di stanca usuali nelle coppie. L’anziana e silenziosa Samira guida invece la sua Punto riportando a casa dalla spiaggia la sua famiglia acquisita e farraginosa, che forse mal sopporta, i cui elementi di “punta” sono il volgare genero – un magnifico e assolutamente credibile nella sue “macchiette” siciliane Renato Malfatti - e il nipote 16enne, l’unico per cui lei provi un sincero affetto. L’abbiamo vista ad inizio film visitare la tomba di sua figlia, morta giovane a 38 anni, lutto che le ha provocato un vuoto tremendo, il silenzio in cui è immersa e forse un senso di allontanamento dal resto del genere umano, fatto salvo il rapporto col nipote. Nel cimitero ciba dei cani che sembrano abituati a quell’appuntamento e si distende sul marmo della tomba come ad abbracciare la sua figliola.
 
Le due auto si fronteggiano in senso opposto nell’angusta Via Castellana Bandiera, un fatale appuntamento, nessuna delle due vuole fare marcia indietro e risolvere la “singolar tenzone”, apparentemente una contesa come ne avvengono nelle nostre città dove vige la legge (o il diritto) del più forte, o del più cocciuto o di chi “ha le corna più dure” (riflessione di Rosa). Queste due donne affrontano così la situazione, ne fanno una guerra psicologica da un giorno e una notte, il genero e gli uomini della strada ne fanno invece un fatto cruento e parolaio, come è dato vedere a volte nella realtà.
 
La strada diventa un parlamento dove ogni abitante ha la soluzione giusta, finché tutti se ne vanno a cenare e poi a dormire, non prima di essersi inventati una riffa su quale delle due donne cederà per prima: è una foto fedele delle nostre periferie, il gioco, le fazioni, i traffici. Restano nelle loro auto le due donne che hanno intrapreso la sfida, il duello di nervi. Alcune inserzioni della regista fanno supporre che in fondo le due abbiano trovato un’occasione per ripensare a sé stesse, una pausa, un accordo per sostare: Samira fa l’occhiolino a Rosa che la fronteggia da dietro il suo parabrezza, sembra dire “ci risolviamo ora da sole la nostra disputa” ma quell’occhiolino si direbbe pure una mutua intesa. Rosa dal canto suo lampeggia con gli abbaglianti quando vede l’anziana Samira appisolarsi sul volante, preoccupata che non stia bene.
 
Se però per Rosa è chiaro che quella pausa-duello è volta ad accertare chi “ha le corna più dure”, uno spirito di rivalsa originato dalle sue tensioni dovute all’odiato viaggio e ai rapporti con sua madre, per Samira si può pensare ad un desiderio di morte, si chiude dentro l’auto, in fondo detesta il mondo che ha attorno e si ricongiungerebbe volentieri a sua figlia nell’aldilà (vedasi l’abbraccio alla tomba). La tensione di Rosa si stempera nell’abbraccio notturno a Clara, distese a dormire nella Multipla, mentre per Samira si compie il dramma, forse voluto, forse ineluttabile.
 
Una canzone siciliana sui titoli di coda, “Com’è sula sta’ strata” (Come è sola questa strada), dice “Cu avia di moriri, murìu, cu avìa di chiangiri, chiangìu, cu avìa di partiri, partìu”: a ciascuno il suo, le cose vanno come devono andare, tutto si compie o del fatalismo siciliano.

[+] lascia un commento a angelo umana »
Sei d'accordo con la recensione di angelo umana?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
56%
No
44%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di angelo umana:

Vedi tutti i commenti di angelo umana »
Via Castellana Bandiera | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Venezia (1)
Nastri d'Argento (5)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Facebook
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 19 settembre 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 25 maggio
Roubaix, Une LumiŔre
martedý 11 maggio
Favolacce
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledý 28 aprile
La prima donna
martedý 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità