Gli spietati

Acquista su Ibs.it   Dvd Gli spietati   Blu-Ray Gli spietati  
Un film di Clint Eastwood. Con Morgan Freeman, Gene Hackman, Richard Harris, Clint Eastwood, Frances Fisher.
continua»
Titolo originale Unforgiven. Western, durata 122 min. - USA 1992. MYMONETRO Gli spietati * * * - - valutazione media: 3,09 su 104 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La relatività della morte Valutazione 4 stelle su cinque

di Paolo Assandri


Feedback: 1177 | altri commenti e recensioni di Paolo Assandri
sabato 11 febbraio 2012


Non aveva fatto niente per meritarsi di morire, niente che mi ricordassi quando mi passò la sbronza”;
Tutti ce la meritiamo, Kid.”;
I meriti non c’entrano in queste cose.”.Così parla Will Munny, l’eroe forse più immortale della filmografia di Clint Eastwood. Nello stesso film, nell’arco di pochi giorni, la sua opinione sulla morte, o meglio, sull’inflizione della morte al nemico, subisce questi cambiamenti repentini. Questo non perché il protagonista sia realmente schizofrenico, ma perché, Unforgiven è un film che traccia, ripercorre e descrive più linee coincidenti del western, deformandole e reinventandole. Will Munny è il protagonista di un western arcaico, che precede la normalizzazione del genere, fatto di pura e primitiva violenza vendicativa (nel finale), di un western revisionista dall’incipit all’excipit, saltando la sequenza noir di Big Whiskey, che tende a rivalutare l’importanza della vita umana e a demonizzare la violenza e il duello, descrivendolo per quello che è: un omicidio e, in ultimo, di un meta western, che tende continuamente a raccontare se stesso: Munny e Ned che evocano il passato, così come Little Bill e Bob l’inglese tramite l’inserimento parodico di Beuchamp, scrittore di memorie e di menzogne. Le linee si sovrappongono e si compenetrano, ma restano in fin dei conti distinte. È l’ultimo western diretto dal regista, il quale comunque non abbandonerà mai definitivamente il genere, riprendendolo fino al recente Gran Torino in forma inedita e autoriflessiva. Il gene della vendetta che, assieme a quello della natura spettrale dei personaggi, è il gene dominante dell’opera estwoodiana, ha in questo film la propria consacrazione. È un film sulla vendetta più di Mystic River, più di Pale Rider, più di Gran Torino perché a differenza di questi ultimi, Unforgiven, non cerca giustificazioni oneste al piacere esplicito della stessa. Se Jimmy in qualche modo deve uccidere Dave, perché la giustizia latita e perché il suo codice malavitoso non gli consente altra scelta, se Kowalski decide addirittura di trasformare una vendetta in un sacrificio – suicidio che possa in qualche modo riscattare un’intera comunità, se non un’intera società, e se il cavaliere vendicatore di Pale Rider tramite la vendetta ottiene la libertà dei bravi abitanti di Carbon Canyon, Will Munny si vendica per pura abitudine, per un piacere quasi estetico che la morte provoca in quelli come lui che hanno vissuto di morte (anche a livello economico, essendo un cacciatore di taglie) e che dalla morte, se non mascherandosi (fede, astinenza da alcol), non riescono a fare a meno.
Come detto, il punto di vista di Clint trascende il classico (preclassicità) o lo rivisita; è inutile dire che il suo stile rimane aderente a quell’economia di mezzi estetici che tentano in ogni modo di favorire la storia alla narrazione. La sua linea, che da Bird in avanti si farà sempre più netta, è quella di un autore che né vuole consegnarsi del tutto al postmoderno citazionista che diventerà il pane di autori come Tarantino, né tuttavia da questa linea vuole rimanere escluso, perseverando esclusivamente su quella strada che la critica di tutto il mondo ha tracciato con una matita da Griffith a Ford e da Ford a lui. Il suo cinema si fa sempre maggiormente un cinema autonomo, che privilegia il film al regista, la storia allo stile, l’intento narrativo all’intento autoriale e che si pone in mezzo e al di sopra delle correnti preponderanti classica, postclassica e di genere.

[+] lascia un commento a paolo assandri »
Sei d'accordo con la recensione di Paolo Assandri?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Paolo Assandri:

Gli spietati | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | greg
  2° | weach
  3° | weach
  4° | danilodac
  5° | weach
  6° | weach
  7° | laurentius87
  8° | fedson
  9° | il cinefilo
10° | paolo assandri
11° | dave san
12° | gianpaolo
13° | strzelecki
14° | great steven
15° | filippo catani
16° | domenico rizzi
17° | rmarci 05
18° | tomdoniphon
19° | jacopo b98
20° | dal mio punto di vista
21° | fabio 3121
22° | carloalberto
23° | fabio
24° | cinephilo
25° | elgatoloco
26° | elgatoloco
27° | spartacus1952
28° | tony montana
29° | dutchman
30° | alessio
31° | nino mavi
32° | virgy dreamer
33° | hal 9000
34° | eastwood
35° | emanuele81
36° | giovanni75
37° | the man of steel
Rassegna stampa
Paolo Boschi
Premio Oscar (17)
Golden Globes (6)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità