Lettere di uno sconosciuto

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Lettere di uno sconosciuto   Dvd Lettere di uno sconosciuto   Blu-Ray Lettere di uno sconosciuto  
Un film di Zhang Yimou. Con Li Gong, Dao Ming Chen, Huiwen Zhang, Guo Tao, Peiqi Liu.
continua»
Titolo originale Coming Home. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 111 min. - Cina 2014. - Lucky Red uscita giovedì 26 marzo 2015. MYMONETRO Lettere di uno sconosciuto * * 1/2 - - valutazione media: 2,93 su 17 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

La Cina torna ad essere vicina Valutazione 4 stelle su cinque

di Silvano Bersani


Feedback: 2448 | altri commenti e recensioni di Silvano Bersani
lunedì 30 marzo 2015

Rimaniamo sempre affascinati dinnanzi all'opera del genio artistico di Zhang. Conseguenza di quella sottile ansia che ci porta ad esplorare l'universo parallelo, ma infine mai così distante, di una cultura e di una civiltà che solo la geografia colloca apparentemente dall'altra parte del mondo.
Zhang, giova ricordarlo, arriva, anzi esplode sugli schermi europei in virtù di opere come Lanterne Rosse o Hero o La Foresta dei pugnali volanti o come l'epico La Città Proibita, vero fiume in piena tanta è la materia che lui mette dentro la pellicola, vera festa per gli occhi e astuto gioco tra la simmetrica geometria della sceneggiatura e della composizione formale dell'immagine.
Poi talvolta dismette il fulgore di quelle immagini epiche e si ritira in opere intimiste o minimaliste, quasi in deferente omaggio alla cifra narrativa della nouvelle vague, e sembra apparentemente un altro quando propone opere come Mille miglia lontano o come quest'ultimo Lettere di uno sconosciuto, leggera e struggente meditazione sul dolore umano. Ma solo  apparentemente un altro, perchè è sempre sua la mano che mette in scena in un sottile gioco di simmetrie incrociate i tre personaggi di questa triade dolorosa, personaggi talvolta rigidi o quasi ingabbiati nel loro ruolo, ma è evidente che in questo aspetto Zhang ci mette dentro tutta la tradizione del teatro del suo paese, e i personaggi medesimi sono quasi maschere di una tragica commedia dell'arte, e dunque archetipi. Sicuramente qualcuno dirà che questoa estenuata ricerca di rigore formale nella sceneggiatura è un difetto. A noi invece non dispiace affatto.
Il tema del film è semplicissimo: la Storia (quella con la maiuscola) commette tanti errori e chi paga per questi errori sono le persone, gli individui. E gli individui giocano le proprie carte nella dimensione esistenziale degli affetti famigliari. E' dunque così distante la poetica di Zhang dalla nostra sensibilità? Dei protagonisti il film racconta l'epilogo, la dolorosa e paziente ricerca di una catarsi sempre più rattrappita  e interiorizzata. Ma non ci sfugge, nel sottile gioco dei contrasti, il ruggito forte e potente di ruoli e di vicende pregresse ben più eclatanti. In questo aspetto la materia narrativa, apparentemente sepolta nella cifra minimalista dell'immagine, è veramente tanta. 
Il film, lo intuirà chi ha avuto la pazienza di leggere sino qui, è veramente piaciuto. Abbiamo apprezzato il tono perentorio e lucido del giudizio del regista sulla Storia (in questo caso si parla della Rivoluzione Culturale delle Guardie Rosse del Presidente Mao), forse mai così definitivo come in questa occasione, e ci siamo commossi per il dolore del Padre (ancora maiuscolo, perchè lui certo e un archetipo, ma è potente l'identificazione dell'autore con questo personaggio), che richiamando su di se ogni colpa tenta di ricucire con devozione e pazienza il residuato di ciò che se non può più essere la famiglia che gli è stata negata, almeno ne è la dolorosa rappresentazione.

[+] lascia un commento a silvano bersani »
Sei d'accordo con la recensione di Silvano Bersani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
antonio montefalcone giovedì 2 aprile 2015
il commovente “ritorno a casa” di zhang yimou
100%
No
0%

Zhang Yimou, uno dei più grandi maestri del cinema asiatico ritorna alle sue origini. Quest’ultima sua opera è, infatti, un melodramma intimista con al centro un racconto dalla forte delicatezza emotiva, tutta sensazioni e sentimenti, e sullo sfondo un travagliato periodo storico cinese, quello della Rivoluzione Culturale. Il film ridiscute i traumi causati da quest’ultima sui cittadini e fa i conti col difficile passato politico della Repubblica Popolare. Lo fa attraverso una padronanza rigorosa degli strumenti narrativi e stilistici; una messinscena sobria, diretta, essenziale; e una solida impalcatura estetica chiaroscurale. La dolorosa storia dei due protagonisti (un bravo Chen Daoming e Gong Li, in un’interpretazione in sottrazione, intensa nel disegnare una donna vittima della Storia) è giusta metafora del doloroso contesto socio-politico che ha relegato nell’oblio un passato in cui le persone sono state padrone della propria esistenza. [+]

[+] lascia un commento a antonio montefalcone »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Silvano Bersani:

Vedi tutti i commenti di Silvano Bersani »
Lettere di uno sconosciuto | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | flyanto
  2° | silvano bersani
  3° | nanni
  4° | goldy
  5° | luigi chierico
  6° | luigi chierico
  7° | fabiofeli
  8° | gabrielebaldin
  9° | stefano manferlotti
10° | filippo catani
Asian Film Awards (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità