Il mio domani

Acquista su Ibs.it   Dvd Il mio domani   Blu-Ray Il mio domani  
Un film di Marina Spada. Con Claudia Gerini, Raffaele Pisu, Claudia Coli, Paolo Pierobon, Lino Guanciale.
continua»
Drammatico, durata 88 min. - Italia 2011. - Iris Film Distribution uscita venerdì 4 novembre 2011. MYMONETRO Il mio domani * * 1/2 - - valutazione media: 2,94 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
cicciuzzo domenica 25 febbraio 2018
delusione Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Troppi silenzi per un film che sostanzialmente rappresenta uno spot dell'audi inframezzato da qualche fotografia di Milano. Fiaccante e soporifero quasi quanto il gran premio  post prandiale della domenica. Queste prove artistiche di cinematografia puntano sul "non detto"  perché hanno tropp o poco da dire e molto da esibire.

[+] lascia un commento a cicciuzzo »
d'accordo?
filippo catani mercoledì 10 aprile 2013
una donna troppo sola Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Milano. Una brillante donna in carriera si alterna tra l'ufficio, il grande attaccamento che ha per il padre ed è l'amante del suo capo. Nel tempo libero segue un corso di fotografia ma soprattutto si prende a cuore la situazione del suo nipote adolescente con diversi problemi.
Va sicuramente fatto un grande plauso a Claudia Gerini che si cala anima e corpo in un ruolo per niente facile; una donna che pare ottenere grandi successi in azienda ma che non riesce a stringere legami personali fatta eccezione per quello che la lega al vecchio padre malato. Una Milano cupa con i suoi cantieri aperti dove la donna si aggira da sola e fa affidamento sulla pseudorelazione con il suo capo che ovviamente è sposato e non intende lasciare la moglie e costringe la donna ad essere vista nei ritagli di tempo. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
gianleo67 domenica 30 dicembre 2012
quello che le donne non dicono Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Monica è una giovane donna single che vive e lavora a Milano per un'azienda di formazione professionale per aziende in ristrutturazione. Ha una relazione con il suo capo ed un papà solo e malandato che vive in una casa nella campagna della bassa padana. Quando il padre muore è costretta a fare i conti con il suo passato per ricostruire la sua identità personale e professionale. Racconto intimo e privato che si staglia nella dimensione pubblica di una scenografia urbana che fa da sfondo ad una routine in cui, più che il senso del tempo riempito dalle occupazioni dell'impegno lavorativo o dal disimpegno dello 'svago artistico' (la fotografia) conta il senso di vuoto, di incompletezza e di assenza nella vita di una protagonista femminile così brava a teorizzare e trasmettere ai propri allievi quelle strategie aziendali che trasformano il vuoto e l'assenza in opportunità di cambiamento e di rinnovamento che lei stessa tuttavia non riesce a declinare nel privato di relazioni affettive precarie (l'amante) o legate ad un passato di dolorore costrizioni (il padre) e di abbandono (la madre). [+]

[+] lascia un commento a gianleo67 »
d'accordo?
minnie martedì 27 marzo 2012
la solitudine della donna che lavora Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

Ho davvero amato questo film, avrei voluto rivederlo subito dopo la prima visione, il 25 marzo al teatro Petruzzelli di Bari per il Bif&est festival in cui Marina Spada è in concorso. La regista è straordinaria nel dare un ritratto a tutto tondo della donna di oggi che lavora, divisa fra incombenze lavorative sgradevoli - in pratica Monica deve convincere i lavoratori di una ditta che il loro licenziamento sia giusto, un tema trattato anche con Masotti nell'Aria salata - e un privato disastroso, fra un padre che non si ha il tempo di accudire come si vorrebbe e un fidanzato-amante clandestino che è tutto meno che presente e partecipe. Monica, la protagonista spledidamente interpretata da Claudia Gerini, deve trovarsi a sua volta con un rimbrotto da parte dei capi per dire basta e dimettersi. [+]

[+] lascia un commento a minnie »
d'accordo?
minnie lunedì 26 marzo 2012
la solitudine della donan in carriera Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

Bari, 26 marzo 2012 
Grazie a Felice Laudadio che dirige il BFestival di quest'anno, ho potuto ripesacre e in concorso questo magnifico film! Grazie Marina Spada! Tu sì che capisci le difficoltà delle donne in carriera, di chi si trova a fronteggiare uomini vigliacchi e affetti familiari che non si possono coltivare come si vorrebbe...una bravissima a Claudia Gerini che con questa figura di Monica, consulente aziendale di fatto strumentalizzata dall'azienda e che ha la forza di cambiare vita e lavoro (con un cambiamento estetico, di abiti sempre più raffinati, che solo una donna molto sensibile come la Spada poteva rendere manifesto) annuncia una svolta nella sua carriera, possiamo pensare a lei anche come a una donna normale, che lavora, che soffre la solitudine, che mostra sullo schermo le contraddizioni di una vita secondo i canoni, lavorare lavorare e poi? Bravissimi tutti, davvero, anche i personaggi minori, Raffaele Pisu ovviamente e tutti, strepitose le seuqenze sulla Grecia e il finale con il sax di "E se domani". [+]

[+] lascia un commento a minnie »
d'accordo?
abela giovedì 12 gennaio 2012
il vuoto come crinale tra voragine e origine Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

L’ultimo film di Marina Spada, “Il mio domani”, con un’intensa Claudia Gerini, è un morso alla carne e all’anima. La solitudine. Di una donna, ma non solo. Il vuoto come crinale tra voragine e origine, risucchio e germoglio. Perdersi e centrarsi. L’amore, quello del dono. Quello della propria scelta di libertà e responsabilità a fronte della distanza, della viltà, della perdita di legami, della giungla metropolitana. Un film che, come la carta leggera quando tagliuzza la pelle, incide, e può far sanguinare. Ottima, ancora una volta la fotografia. La poetessa Antonia Pozzi, in questa Milano guardata da occhi di donna, non manca nel film della Spada, che cita, in chiusura, i primi versi di “Domani” (da cui probabilmente è tratto il titolo di questo lavoro). [+]

[+] lascia un commento a abela »
d'accordo?
venbe giovedì 24 novembre 2011
film immobile Valutazione 0 stelle su cinque
100%
No
0%

Molto generosa la recensione di Marzia Gandolfi per un film sempre immobile, che inizia con ritmo inesistente, narrazione piatta e situazioni ripetitive fino alla noia. Un'occasione perduta, visto che lo spunto narrativo e la complessità del personaggio  avrebbero potuto dare forti slanci alla storia e permettere importanti approfondimenti. Ma tutto viene appena sfiorato e subito lasciato, senza coglierne le peculiarità e le profonde opportunità. Alla fine, la cosa più bella del film è la locandina.

[+] lascia un commento a venbe »
d'accordo?
renato volpone mercoledì 23 novembre 2011
l'essenza del dolore Valutazione 4 stelle su cinque
90%
No
10%

Bellissimo film che racconta il dolore di una donna in carriera nella sua solitudine. L'essenziale della vita quotidiana, il padre malato, i problemi di famiglia, la realtà del mondo del lavoro. Lei insegna a vivere e lottare ai lavoratori, a lasciare le paure per conquistare il potere. Ma un lavoratore la chiama "cavallo di troia", le butta in faccia la realtà della "tabula rasa" dei posti di lavoro. E poi un amante, un collega, che la ignora e la vuole lasciare. E lei, come solo le donne sanno fare, gli dà tutto il suo amore e la sua speranza. Rifiuta perfino un ragazzo giovane e bello che l'adora, per poi ritrovarsi sola, rifiutata anche dal resto della famiglia che le rinfaccia lontani rancori e che l'abbandona nella sua solitudine dorata. [+]

[+] il film e' avvincente? (di enrico lo vecchio)
[+] lascia un commento a renato volpone »
d'accordo?
flyanto giovedì 10 novembre 2011
una via di rinascita da una vita grigia Valutazione 3 stelle su cinque
88%
No
13%

Film sull' immobile e solitaria vita quotidiana di una donna manager che dopo varie delusioni familiari e sentimentali riesce a trovare una via d'uscita al suo stato di crisi. Molto brava Claudia Gerini nel suo ruolo drammatico, lontano questa volta dalle solite sue interpretazioni comiche e parecchio suggestive le immagini che riflettono una Milano assettica e grigia.

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
brian77 lunedì 7 novembre 2011
allarme Valutazione 2 stelle su cinque
50%
No
50%

Quando per parlare di un film si tira fuori la Poesia, e per di più con la P maiuscola, vuol dire che siamo messi proprio male...  Questo non è cinema, è Poesia, dicevano i tromboni di una volta: e noi cinefili li prendevamo selvaggiamente in giro. 

[+] lascia un commento a brian77 »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Il mio domani | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | renato volpone
  2° | filippo catani
  3° | flyanto
  4° | gianleo67
Nastri d'Argento (1)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 4 novembre 2011
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità