I promessi sposi [1]

Acquista su Ibs.it   Dvd I promessi sposi [1]   Blu-Ray I promessi sposi [1]  
   
   
   

Molte omissioni, troppa raffinatezza e alti costi. Valutazione 2 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 65285 | altri commenti e recensioni di Great Steven
lunedý 6 aprile 2015

I PROMESSI SPOSI (IT, 1941) diretto da MARIO CAMERINI. Interpretato da GINO CERVI, DINA SASSOLI, ARMANDO FALCONI, RUGGERO RUGGERI, ENRICO GLORI, CARLO NINCHI, LUIS HURTADO, EVI MALTAGLIATI, GILDA MARCHIò
Dal romanzo, edito in due versioni differenti nel 1827 e successivamente nel 1840 nella ristampa definitiva quale ci è pervenuta oggigiorno, di Alessandro Manzoni, sceneggiato dal regista con Gabriele Baldini e Ivo Perilli e riveduto da Emilio Cecchi e Riccardo Bacchelli. Musiche di Ildebrando Pizzetti. Prodotto dalla Lux a costi esorbitanti, nei quali è stata anche inserita una ricostruzione certosina e minuziosa del Duomo di Milano com’era nella prima metà del diciassettesimo secolo. La trama è nota a chiunque abbia affrontato questo grandioso e stupefacente romanzo storico a scuola, dove è una delle letture obbligate del programma istituzionale: nozze contrastate in Lombardia in un’epoca dove la dominazione spagnola opprimeva la zona settentrionale del nostro paese. I filatori di seta Renzo Tramaglino e Lucia Mondella sono impossibilitati a sposarsi perché il signorotto locale don Rodrigo si invaghisce di lei e cerca di appropriarsene per vincere una scommessa col cugino Attilio. La complicità silenziosa del pauroso curato don Abbondio non fa che complicare la situazione ai due popolani, che però vengono aiutati dalla di lei madre Agnese e soprattutto dal genuino e caritatevole padre Cristoforo, che li aiuta a fuggire dal paese e li mette in salvo. Renzo raggiunge una Milano nel pieno di una tumultuosa protesta per il rincaro dei prezzi del pane, mentre Lucia si rifugia con la madre in un monastero di Monza, sotto la protezione di suor Gertrude. Altre difficoltà arriveranno a turbare la quiete e la ricerca di speranza dei due giovani, tant’è vero che ci sarà da fare i conti con la crudeltà dell’Innominato (potente criminale a cui don Rodrigo si rivolge per chiedergli di rapire Lucia), l’arresto di Renzo perché ritenuto uno dei capi/organizzatori della rivolta milanese, imbrogli, carestie e anche il sopraggiungere della peste, che decimerà una larga parte della popolazione regionale. Renzo e Lucia si rincontrano al lazzaretto di Milano, dove lei è sciolta dal voto di castità grazie a Padre Cristoforo. G. Cervi aveva quarant’anni quando interpretò il giovanissimo filatore di seta dal carattere irruento e focoso, e D. Sassosi diciannove meno di lui nella medesima epoca, ma il discorso dell’età è esclusivamente secondario in rapporto alle altre mancanze che vanno necessariamente imputate a questa riduzione: numerose lacune nello svolgimento narrativo, personaggi importanti omessi o non approfonditi, semplificazione del discorso religioso e della dialettica veicolante la storia nella pagina scritta e, non ultima, un’insistenza sul lato drammatico della vicenda che trascura i momenti più leggeri, le riflessioni più intime e le discese negli anfratti più enigmatici e misteriosi. L’intenzione di farne un pamphlet di seconda categoria le cui parti risultino attaccate con la saliva dei telefoni bianchi appare evidente proprio in virtù della virata eccessiva verso una tragicità programmatica che ha due torti: privilegiare una violenza che poi non viene opportunamente eseguita in tutta la sua spietatezza e coinvolgere emotivamente lo spettatore mettendolo in empatia con gli sfortunati protagonisti ma evitando con vigliacca precisione di creare il necessario pathos e fomentare la tensione e la suspense. Effettivamente abbiamo a che fare con un adattamento raffinato ma povero di sensi, un po’ troppo raffreddato e catalizzato in un difficile equilibrismo che manca di nerbo. Tra le interpretazioni più efficaci, spiccano L. Hurtado nelle vesti di fra Cristoforo, E. Maltagliati nel ruolo della monaca di Monza, C. Ninchi come il redento Innominato e R. Ruggeri nella parte del benevolo e saggio cardinale Federigo Borromeo. Camerini ha saputo fare di meglio, in altre occasioni, e in ben diversi contesti.

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
I promessi sposi [1] | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | great steven
Rassegna stampa
Mario Gromo
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità