Il cacciatore di aquiloni

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Il cacciatore di aquiloni   Dvd Il cacciatore di aquiloni   Blu-Ray Il cacciatore di aquiloni  
Un film di Marc Forster. Con Khalid Abdalla, Homayoun Ershadi, Shaun Toub, Atossa Leoni, Saïd Taghmaoui.
continua»
Titolo originale The Kite Runner. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 131 min. - USA 2007. - Filmauro uscita venerdì 28 marzo 2008. MYMONETRO Il cacciatore di aquiloni * * 1/2 - - valutazione media: 2,91 su 249 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
eleonora domenica 6 aprile 2008
se la vita potesse essere una gara di aquiloni Valutazione 3 stelle su cinque
88%
No
12%

Ispirato all’omonimo primo romanzo di Khaled Hosseini , il film è ambientato in Afghanistan ma girato nella Cina occidentale e in lingua persiana. Le scene si svolgono sempre inserite in ambientazioni suggestive, di strade polverose e di mercati arabi colmi di cibi speziati. Ben girato, la cinepresa si muove vorticando in questo caleidoscopio di rumori e colori, tra i vapori e i fumi odorosi del kebab e accrescendo il contrasto con la Kabul devastata dalla guerra, quando ormai siamo nell’anno 2000 ed è nelle mani dei talebani. Gli effetti, gli arabeschi che gli aquiloni, nelle competizioni fra bambini che animano la Kabul coperta di neve, sono suggestivi, così come l’animazione e quel brivido d’entusiasmo che fa tremare tutta la città. [+]

[+] lascia un commento a eleonora »
d'accordo?
giulia lunedì 31 marzo 2008
il privilegio di essere occidentali Valutazione 3 stelle su cinque
79%
No
21%

Non dev'essere facile ricavare una pellicola da uno dei più grandi successi letterari degli ultimi anni. Il peso dell'eredità è forte, e il regista Marc Forster se ne fa capo diligentemente. Fatta questa piccola, ma doverosa, premessa non resta che recensire uno dei più attesi film dell'anno, merito, ripetiamo, del forte eco del successo planetario del romanzo di Khaled Hosseini, una commovente e sorprendente storia di amicizia. Essendo gli spettatori già stati in gran parte lettori dello splendido romanzo, sapranno bene quanto le pagine di Hosseini trasudino forti emozioni ad ogni sillaba, quanto la storia appassioni ad ogni voltata di pagina. Perciò non rimproveriamo il regista se in alcune parti risulta carente di emotività e ricordiamoci sempre il pesante fardello dell'autorità letteraria che incombe sopra la pellicola. [+]

[+] lascia un commento a giulia »
d'accordo?
andrea lunedì 31 marzo 2008
gli aquiloni volano alto, ma non troppo Valutazione 3 stelle su cinque
72%
No
28%

Due ragazzi sono legati da una forte amicizia nella Kabul anni Settanta, e partecipano a delle grandi gare con gli aquiloni. Amir è il figlio di un ricco afgano, Hassan è il figlio del suo servo. Il primo faticherà a sopportare il rapporto di passiva "inferiorità" da parte del suo amico, e colpito dal senso di colpa - che però non viene reso benissimo - farà in modo che lasci la sua casa. Trent'anni dopo, gli aquiloni non volano più su Kabul, gli alberi in città sono stati spezzati, e Amir, emigrato negli Stati Uniti, scopre che Hassan, ormai ucciso dai talebani, era suo fratello. C'è un solo modo per redimersi: recuperare il figlio dell'amico, prigioniero di un vecchio nemico della sua infanzia. [+]

[+] bravo! (di reiver)
[+] complimenti andrea (di lilli)
[+] meglio lumet (di gabriella)
[+] per lilli e reiver (di andrea)
[+] è vero (di lilli)
[+] complimenti (di maryluu)
[+] per maryluu (di andrea)
[+] ottimo andrea (di luc)
[+] per luc (di andrea)
[+] andrea er copione del web (di andrix)
[+] andrix, io non so chi tu sia (di andrea)
[+] per andrix er mega copy (di maryluu)
[+] per andrix (di reiver)
[+] do- re- ciak-gulp (di lilli)
[+] a volte... (di luc)
[+] grande "qualcuno volò"... (di andrea)
[+] ho partorito.. (di luc)
[+] condivido (di carmen)
[+] ciao andrea (di giulia)
[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
iris martedì 1 aprile 2008
oltre ogni aspettativa Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Rarissimo esempio di come da un buon libro si possa trarre un magnifico film. Merito di questo miracolo cinematografico è una sceneggiatura che mette molto bene in evidenza i temi portanti della narrazione letteraria sfrondandola dai particolari che avrebbero avuto un sapore diverso se resi visivamente. La classe dell'impianto è impreziosita da una regia asciutta, essenziale ma molto elaborata dove serviva, cioè nella resa della Kabul in festa, teatro di una gara che acquista un significato simbolico, tanto simbolico da chiudere la pellicola. Notevole è infine la bravura di tutti, essa è la linfa di questo albero di alto fusto, aggraziato e maestoso. Un esempio da seguire.

[+] rarissimo? (di paolo ottomano)
[+] lascia un commento a iris »
d'accordo?
hymne martedì 29 aprile 2008
troppo approssimativo. Valutazione 2 stelle su cinque
55%
No
45%

Grandissimo il romanzo, scadente il film. E il libro avrebbe meritato ben altro sul grande schermo. Avrebbe meritato tanto per cominciare una regia più convinta, prima che convincente, probabilmente più avvezza ad un certo tipo di "materiale". Qui c'è poco, non c'è sentimento, non c'è contatto, non c'è ricerca, non c'è lavoro, approccio, legame. E' tutto freddo, quei tre abbracci sembrano fatti per dovere di copione, a parte qualche rara punta, sembra uno scorrere finto, che resta fuori da te, al contrario di quel che così fortemente ti suscitano le pagine del romanzo. Nel libro sei dentro la vicenda dall'inizio alla fine, dal primo capitolo all'ultima frase, ininterrottamente. Purtroppo questo non succede nel frettoloso film di Forster. [+]

[+] ...libro stupendo.. (di pumba)
[+] lascia un commento a hymne »
d'accordo?
ashfaq1993 sabato 15 agosto 2015
un film istruttivo ma.... Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

vi chiedo prima di tutto di valutare il film per cio che è, e di non associare il suo "VALORE" complessivo con il libro! sappiamo tutti benissimo che un libro non potrà essere mai superato da un film. quindi ora vi dico cio che penso del film. Il film, con tutto il mio rispetto, non mi è sembrato un gran che. ora mi spiego meglio il motivo: é veramente un operazione complicata riprodurre un libro in versione video, perchè ad esempio è difficile riprodurre il paesaggio e l'ambiente ma sopratutto i personaggi descritti dal libro, ognuno di noi possiede un suo immaginario e metterlo in comune a tutti non è alquanto facile. Ovviamente bisogna sempre fare i conti con i taglia/elimina scene. Ma ora esprimo il vero motivo del mio giudizio. [+]

[+] lascia un commento a ashfaq1993 »
d'accordo?
andrej martedì 29 aprile 2008
un film forte ed intenso,pur con qualche eccesso. Valutazione 4 stelle su cinque
48%
No
52%

Confesso che il film mi ha sorpreso positivamente: temevo infatti trattarsi di una pellicola lenta, pesante, intrisa di sentimentalismi ruffiani e di propaganda e invece devo dire che ho visto un film forte ed intenso, interessante e coinvolgente, con un buon ritmo narrativo e pochissimi cali di tensione. Buona la descrizione psicologica dei personaggi, buoni i dialoghi e la recitazione. Qualche sbavatura, forse, nella seconda parte, quando probabilmente si calca un pò la mano nell’”antipatizzare” i nemici ideologici: possibile che l’unico soldato russo che compare nel film sia un violentatore di donne e che l’unico mullah talebano che si vede sia un perverso pedofilo, violentatore sistematico di bambine e bambini orfani? Intendiamoci. [+]

[+] il cacciatore di aquiloni (di krudelia37@yahoo.it)
[+] lascia un commento a andrej »
d'accordo?
lafcadio giovedì 24 aprile 2008
la "verità" di hosseini Valutazione 1 stelle su cinque
41%
No
59%

La coscienza a ritroso. Troppo comodo. Amir, col pretesto (ma occorreva questo per riflettere sul passato?)d'una lettera ricevuta, dopo anni, da Hassan motiva il suo viaggio verso la sua terra d'origine. E, in questo viaggio,trovare l'opportunità d'un riscatto personale. Pure, le azioni compiute avevano lasciato tracce ben marcate: i due tradimenti commessi ai danni dell'amico nel passato hanno cambiato l'intero percorso di vita ad Hassan. Primo:il mancato intervento per tentare di difenderlo dall'atto di violenza del tedesco-afgano allora ragazzo;secondo:il suo silenzio e l'aver tramato, mettendo in cattiva luce agli occhi di suo padre il padre di Hassan perché entrambi, padre e figlio,per la fiducia venuta meno, fossero costretti a lasciare la loro casa in cui erano a servizio. [+]

[+] caro lafcadio, (di iris)
[+] x la gentile iris (di lafcadio)
[+] a lafcadio (di matilde)
[+] lascia un commento a lafcadio »
d'accordo?
jos_d giovedì 12 novembre 2009
forte, intenso e fedele al libro da cui è tratto Valutazione 4 stelle su cinque
22%
No
78%

Praticamente ogni qual volta un romanziere riesca a fare arricchire il proprio editore, ad Hollywood c’è qualche produttore pronto a cogliere la palla al balzo per realizzare un nuovo film dal successo (economico) pressoché garantito; tuttavia, se il risultato è un lavoro eccellente come questo, allora ogni considerazione circa l’opportunismo hollywoodiano passa decisamente in secondo piano. Kabul, anni settanta. Amir (Zekeria Ebrahimi) e Hassan (Ahmad Khan Mahmidzada) sono due giovanissimi, inseparabili, amici; eppure sono molto diversi fra loro, sia caratterialmente, ma soprattutto per posizione sociale. Amir infatti viene da una famiglia agiata di etnia Pashtun, mentre Hassan è l’umile figlio di un servo Hazara. [+]

[+] lascia un commento a jos_d »
d'accordo?
gfloriano venerdì 11 luglio 2008
la storia di un'amicizia profonda Valutazione 5 stelle su cinque
24%
No
76%

Regia: Marc Foster Con: Khalid Abdalla, Atossa Leoni, Shaun Toub, Homayoun Ershadi Trama: nell’Afganistan di fine anni settanta, la vita segue antichi rituali, non disdegnando la modernità, le tradizioni sono profondamente radicate, mentre comunisti e talebani sono entità ancora embrionali. Hassan e Amir sono amici per la pelle con una gran passione per gli aquiloni. Proprio nel momento più bello, la gara annuale di aquiloni a Kabul, la violenza entra nella vita dei due amici in modo brutale spezzando la magia e l’innocenza dell’infanzia. Da quel momento nulla è più come prima, da lì ad un anno inizia l’invasione sovietica, i ragazzi si separano seguendo due percorsi diversissimi fino a……. [+]

[+] lascia un commento a gfloriano »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Il cacciatore di aquiloni | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Golden Globes (2)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità