Le sorelle Macaluso

Un film di Emma Dante. Con Alissa Maria Orlando, Laura Giordani, Rosalba Bologna, Susanna Piraino, Serena Barone.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 94 min. - Italia 2020. - Teodora Film uscita giovedì 10 settembre 2020. MYMONETRO Le sorelle Macaluso * * * - - valutazione media: 3,15 su 25 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Teatro tragico e retorica Valutazione 2 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 34038 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
lunedì 14 settembre 2020

Emma Dante, nota drammaturga siciliana, si cimenta nella trasposizione di una pièce teatrale da lei scritta nel 2014, scrivendo la sceneggiatura con Giorgio Vasta ed Elena Stancanelli. La regista è alla seconda esperienza cinematografica dopo sette anni dalla prima con “Via Castellana Bandiera”. I suoi testi teatrali raccontano sempre una vita quotidiana fatta di fatica per la sopravvivenza e in cui c'è poco spazio per l'amore, invece c’è la violenza e il dolore. A mio avviso, il passaggio dall’opera teatrale a film è poco convincente.
In “Le sorelle Macaluso” - presentato in concorso al Festival di Venezia 2020 - sono rappresentati tre momenti della vita di cinque sorelle (erano sette nella pièce): l’adolescenza, l’adultità e la vecchiaia. Con questa storia Emma Dante sottolinea un mondo in cui la sfera del maschile è oscurata se non del tutto assente. Vari sono i flash-back e visioni immaginarie che ripresentano più volte alcune scene come, ad esempio, quella in cui la sorellina più piccola Antonella osserva in bagno Pinuccia mentre si mette il rossetto e vuole metterselo anche lei. Nonostante lo schema sia semplice, si fatica un po' a riconoscere le sorelle interpretate da attrici diverse nelle varie età, anche perché spesso sono poco somiglianti, a parte Katia che è la sorella cicciona e rimane tale fino alla fine.
Il plot è chiuso su se stesso le ragazze allevano colombe in uno squallidissimo appartamento ubicato all’ultimo piano di un edificio nella periferia palermitana che diventa teatro dell’invecchiamento, del senso di colpa e della morte. Dalla gioiosa vitalità delle prime sequenze si passa subito alla post-tragedia con urla e dai piatti rotti, una tipica declinazione dei contrasti familiari nei film italiani.
Il testo, che avrebbe meritato degli approfondimenti, rimane una maschera di dolore sui volti sempre più rugosi delle sorelle sopravvissute. Tra gli svolazzi di colombe nel cielo e le scene ripetute, il film trabocca di dettagli. La regista inquadra ogni minuzia dal servizio buono di piatti alla vasca da bagno, dal letto trasformabile in divano al rossetto, dalle paste con il kiwi al pupo siciliano appeso…tutto diventa soggetto di primissimi piani. Non ci risparmia neanche i particolari raccapriccianti come il vomito o le scarnificazioni degli animali nel laboratorio dove lavora Maria adulta. La parte migliore del film è sicuramente quello della giovinezza spensierata nonostante la povertà e lo squallore. Garbata è la scena di un timido bacio lesbico tra Maria e un’amichetta, nell’arena vicino al mare. Bella è la descrizione del percorso che le cinque sorelle fanno insieme per arrivare ad essere adiacenti ai bagni Charleston, lo stabilimento balneare liberty di Mondello. Purtroppo finirà in tragedia sullo sfondo di Punta Raisi, per una volta stranamente più allusa che descritta.
Il protagonista del film sembra essere proprio l’appartamento dove vivono le ragazze dove però la regista non ci fa mai entrare veramente. Infatti, o le immagini sono troppo di dettaglio o il punto di vista è irrealistico come le varie riprese zenitali, specialmente quelle della vasca da bagno.
L’insistenza dei tempi lenti riduce il film a poche diapositive, splendide inquadrature ma di una pleonastica fissità snervante. Alcuni critici affermano che “Le sorelle Macaluso” è un film che sarebbe piaciuto molto al regista russo Andrei Tarkovsky, che cercava di fossilizzare sulla pellicola lo scorrere del tempo, la presenza del tempo, l'essenza stessa della vita.
Ottima la scelta delle musiche da Erik Satie Gymnopédies (già utilizzato da Louis Malle nel film “Fuoco fatuo” del 1963) alle varie canzoni tra le quali emerge la voce di Gianna Nannini.

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
65%
No
35%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
Le sorelle Macaluso | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedì 10 settembre 2020
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 153 sale cinematografiche:
Showtime
  1 | Basilicata
  1 | Calabria
  7 | Campania
22 | Emilia Romagna
  2 | Friuli Venezia Giulia
  7 | Lazio
  5 | Liguria
26 | Lombardia
13 | Marche
11 | Piemonte
  6 | Puglia
  4 | Sardegna
  5 | Sicilia
22 | Toscana
  1 | Trentino Alto Adige
  6 | Umbria
13 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità