Sound of Metal

Un film di Darius Marder. Con Olivia Cooke, Riz Ahmed, Mathieu Amalric, Lauren Ridloff, William Xifaras.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 130 min. - Belgio, USA 2019. MYMONETRO Sound of Metal * * * - - valutazione media: 3,27 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L''assordante rumore del silenzio. Valutazione 4 stelle su cinque

di Ashtray_Bliss


Feedback: 29209 | altri commenti e recensioni di Ashtray_Bliss
giovedì 17 dicembre 2020

Potente, travolgente, intimo. Questi sono i primi aggettivi che mi vengono in mente per descrivere il primo lungometraggio di D. Marder con protagonista un Riz Ahmed in ottima forma; un attore camaleontico dal talento innato che qui presta il suo volto e il suo corpo per l'occasione ricoperto di tatuaggi al personaggio di Ruben. Ruben è un batterista di un duo noise-punk che forma assieme alla sua ragazza, Lou. I due giovani girano per gli States col loro van tenendo concerti che gli permettono di sbarcare il lunario e proseguire il loro stile di vita, che ricorda un nomadismo bohemien. 
Ma questa non è una storia sentimentale di due giovani che vivono di musica e per la musica, bensì il ritratto molto accurato e verosimile di un uomo che perde tutto. Ruben soffre infatti di improvvisi cali dell'udito e ad un certo punto succede l'inimmaginabile; il suo udito svanisce definitivamente. Ogni suono, rumore e distorsione che lo accompagnava sino all'attimo prima svanisce nel silenzio più profondo, abissale, spaventoso e immobile. Il silenzio apportato dalla condizione di sordità, nella quale il protagonista precipita senza alcun preavviso, senza possibilità di riemergere e recuperare la sua capacità uditiva. Si delinea cosi un'immediata frattura tra passato, presente e futuro del giovane musicista il quale nonostante i tentativi di restare ancorato alla realtà che conosce, alla vita che conduce, comprende di essere posto davanti ad un bivio: accettare la sua condizione oppure risprofondare nel caos totale dal quale proveniva.
Lo smarrimento, la confusione, la rabbia e lo sgomento sono tutte emozioni che vengono perfettamente trasmesse e comunicate al pubblico grazie all'intensità espressiva ed interpretativa di un Riz Ahmed, evidentemente coinvolto nel progetto; non a caso l'attore ha imparato egli stesso la lingua dei segni americana per potersi calare meglio nel ruolo, assai impegnativo di Ruben. 
E noi spettatori veniamo a nostra volta coinvolti in questo turbinio di emozioni, in questo caotico labirinto dove domina il panico, la paura, il disorientamento emotivo e psichico del protagonista, e ciò accade specialmente grazie all'uso magistrale del sound design. Il comparto sonoro infatti è in questo caso una delle colonne portanti della pellicola, al pari della regia e delle interpretazioni, in grado di trascinare lo spettatore all'interno di questo mondo, di questa condizione a noi cosi estranea e spaventosa che rappresenta la normalità e la quotidianità di moltissime persone attorno a noi le quali superano abilmente tale barriera, smettendo di concepirla in termini di "handicap", un termine oltremodo orribile per definire qualsivoglia condizione che devia dalla norma.
Questo è anche ciò che Ruben proverà a capire e accettare quando verrà ammesso all'interno di una comunità isolata di sordi, ex tossici, capitanati da un veterano di guerra il quale farà da mentore al giovane, iscrivendolo ai corsi del gruppo e tentando di fargli accettare la sua condizione senza percepirla come un ostacolo. Ma il film pone anche l'attenzione sulle ripercussioni, inevitabili, che un tale cambiamento -repentino, invasivo, inaspettato- ha sulla sfera sentimentale per la coppia Lou e Ruben. I due sono infatti uniti da un legame di amore forte nonchè da complicità e amicizia. Eppure qualcosa è destinato a incrinarsi tra loro. La distanza fisica e la nuova condizione di Ruben determinano anzitutto la fine della loro band e un drastico cambiamento dello stile di vita della ragazza, e della sua percezione del mondo. Molto rappresentativa è in tal senso la scena finale in cui Lou, d'impeto e nervosamente, incomincia a grattarsi e ferirsi il braccio non appena Ruben le confessa di voler riprendere la vita on the road. Una scena molto potente, emotivamente struggente ed emblematica del percorso che ognuno dei due è destinato a seguire. Un percorso separato, indipendente, diverso. 
Ma sopratutto, Sound of Metal, è uno sguardo accurato, intimo e delicato sulla resilienza e resistenza umana che si trova a dover affrontare situazioni impreviste, inaspettate, profondamente alienanti ed emotivamente devastanti. Attraverso un personaggio che vive avvolto dal rumore potente e frastornante della musica punk, conducendo uno stile di vita sregolato e anarchico si assiste al cambiamento di rotta e crescita interiore di un uomo che deve salvarsi da solo, mettendo in ordine i pezzi della propria esistenza, sostituendo il caos con schemi di vita abituali, precisi, ordinati. Mentre s'addentra in un mondo in precedenza a lui estraneo e accettando, forse per la prima volta, se stesso esattamente per come è.
Una considerazione che nel corso del film viene espressa soltanto in fondo, con la sequenza conclusiva della pellicola, in cui il protagonista, ormai consapevole del fatto che la sua vita precedente non potrà mai tornare, si toglie gli apparecchi uditivi di supporto, entrando volontariamente ormai, e di fatto, in un mondo dominato dal silenzio più assoluto e assordante. Un silenzio che tuttavia lo accoglie permettendogli di riconsiderare le scelte di vita e i progetti futuri, liberandolo definitivamente dall'illusione che lo teneva prigioniero. L'illusione di poter tornare indietro, riprendere la sua vita come se nulla fosse mai successo. 
Non è certamente un lieto fine quello del film di Marder. E' un finale amaro, disilluso, nichilista per certi versi ma indubbiamente liberatorio e catartico
Un film che funziona su tutti i livelli, dunque, e che si avvale di una regia solida, che segue uno schema documentaristico per raccontare una storia di profonda solitudine, smarrimento, confusione, crisi esistenziale ma forse alla fine del tunnel c'è una luce che indica l'inizio di un nuovo percorso, lontano dall'autodistruzione del passato, dai trascorsi intrinsecamente punk di un tempo, che indicano -presumibilmente ma non è dato saperlo- l'inizio di un nuovo capitolo; un percorso di accettazione ed elevazione personale che inizia col rifiutarsi di tornare indietro, alla normalità, di tornare nel mondo dei suoni e dei rumori che caratterizzavano il prima, inclusa sopratutto Louise.
Non a caso il suono prodotto dagli impianti acustici di Ruben è ovattato, distorto, gracchiante, incapace di restituirgli serenità ma, al contrario, amplificando il suo tormento, la sua inquietudine e la certezza di essere ormai un estraneo, una comparsa all'interno di un mondo che non gli appartiene più. 
Bravissimo, come già sottolineato, Riz Ahmed, che restituisce un ritratto emotivamente coinvolgente di un uomo che deve affrontare una tragedia personale, provando a rimettere insieme i pezzi della sua vita ed evitando di andare, definitivamente, a fondo. Molto brava anche Olivia Cooke, convincente nel ruolo di artista tormentata e fidanzata premurosa che cerca di aiutare e sostenere il partner, fino al momento in cui i loro destini smettono di essere incrociati, ed egli stessa elimina quei comportamenti nocivi ed autodistruttivi che la caratterizzavano. 
Un film incisivo sul cambiamento e le conseguenze, devastanti o meno, che esso apporta. Ma anche sulla crescita interiore, sull'accettarsi e accettare gli altri a prescindere delle condizioni che li caratterizzano. Il saper cogliere e vedere oltre la disabilità e magari sfruttarla per ricominciare da capo, per ripartire da zero. Coinvolgente e apprezzabile. Voto: 3,5/5. 

Ps. Sullo stesso argomento, consiglio liberamente il film ucraino The Tribe (2014). Un'immersione pura nel silenzio e nella sordità, ma altresì nella violenza, con un film ruvido e penetrante, sconvolgente e incisivo sotto ogni aspetto.

[+] lascia un commento a ashtray_bliss »
Sei d'accordo con la recensione di Ashtray_Bliss?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
88%
No
13%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Ashtray_Bliss:

Vedi tutti i commenti di Ashtray_Bliss »
Sound of Metal | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Writers Guild Awards (1)
Satellite Awards (6)
SAG Awards (1)
Premio Oscar (8)
Producers Guild (1)
NSFC Awards (3)
National Board (3)
Spirit Awards (6)
Golden Globes (1)
Directors Guild (2)
Critics Choice Award (6)
BAFTA (6)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Favolacce
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità