Il Sacrificio del Cervo Sacro

Un film di Yorgos Lanthimos. Con Colin Farrell, Nicole Kidman, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic.
continua»
Titolo originale The Killing of a Sacred Deer. Drammatico, durata 109 min. - Gran Bretagna, USA 2017. - Lucky Red uscita giovedý 28 giugno 2018. MYMONETRO Il Sacrificio del Cervo Sacro * * 1/2 - - valutazione media: 2,95 su 39 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Tragedia onirica di un io adolescente Valutazione 4 stelle su cinque

di carloalberto


Feedback: 2665 | altri commenti e recensioni di carloalberto
mercoledý 4 luglio 2018

Yorgos Lanthimos  ci fa viaggiare nelle paure e nei desideri inconsci di un adolescente, mettendo in scena il dramma dell’io diviso tra il senso di colpa per il desiderio incestuoso della madre e della morte del padre e la paura di essere ucciso o castrato dal padre. Le inquadrature dal basso e dall’alto, le riprese dal di fuori, fuori della stanza d’ospedale, fuori della villa, l’obiettivo posto fuori da dove accade il dramma e che dal di fuori guarda dentro, riproducono la dinamica dell’immaginazione onirica ed il suo tipico senso di estraniamento e di angoscia, per cui chi sogna assiste come spettatore impotente a quello che avviene essendone al contempo il protagonista. Utilizzando, come Kubrick la musica suggestiva di György Ligeti (2001: Odissea nello spazio), Lanthimos assume come punto di vista privilegiato il vissuto onirico di un sedicenne per rappresentarne soggettivamente il superamento del conflitto edipico con il padre, il cervo sacro, ucciso nel sogno, al posto di quello reale, come per l’Ifigenia di Euripide, per accedere all’età adulta. Nel sogno si realizzano, mediante il meccanismo della sostituzione, i desideri repressi del protagonista. Il padre reale, probabilmente ubriacone e autoritario, con pochi soldi e senza fortuna, viene sostituito da un chirurgo di successo, che ne conserva però alcuni tratti reali, l’alcolismo e la violenza. Con questo padre immaginario ha un rapporto affettuoso, fatto di regali reciproci ed abbracci, ma, come nella realtà, anche conflittuale. Conflitto che, attraverso crescenti incomprensioni, si drammatizza in uno scontro violento e sanguinoso, fatto di punizioni corporali, inflitte dal padre, ricambiate con punizioni psicologiche dal figlio. Altra sostituzione avviene con il padre idealizzato, il chirurgo che, nel sogno, è incestuosamente desiderato dalla madre.
Una famiglia normale, padre(Colin Farrell), madre (Nicole Kidman) e figlia adolescente seduti ad un tavolo di un anonimo pub, la ragazzina mangia patatine fritte e vi spruzza sopra del ketchup, entra un ragazzo, si siede al bancone e mangiando qualcosa inizia ad osservare la famiglia. La ragazza, uscendo dal locale, si volta e, per un attimo, lancia uno sguardo ammiccante ed insieme innocente al ragazzo seduto al bancone(Barry Keoghan). E’ la sequenza finale e da quel punto inizia il racconto ovvero il viaggio nella psiche di un adolescente. Il colore intenso del ketchup spruzzato sulle patatine richiama il rosso vivo del sangue, nella prima inquadratura, di un’operazione a cuore aperto, sulle note dello Stabat mater di Schubert, dopo una scena di buio totale che apre il film e simboleggia la fase preonirica. Come in un sogno, si ricostruisce a ritroso tutta la storia e, allora, dall’immagine dell’operazione a cuore aperto nascono le altre rappresentazioni: il padre della ragazza è chirurgo, la famiglia ricca vive in una bellissima casa, la moglie si offre nel talamo, fingendosi anestetizzata sul tavolo operatorio, come soltanto può immaginare l’eros ingenuo di un adolescente. Senza accorgercene, da subito, sin dalla prima scena, siamo immersi nel sogno, nella rappresentazione tragica del suo mondo interiore. Il ragazzo vorrebbe vivere in quella famiglia, vi soggiorna come ospite, vive quelle atmosfere familiari, che gli risultano estranee ed al contempo rinviano nell’inconscio alla sua famiglia reale, al rapporto conflittuale col padre. Il padre sarà punito e, obbligato a scegliere un membro della propria famiglia da sacrificare, ucciderà il figlio. Nel meccanismo onirico della sostituzione, il protagonista si rappresenta duplicemente nel padre idealizzato, il chirurgo che ha ucciso per errore il padre reale, e in suo figlio. Quindi, quando il chirurgo uccide il figlio, simbolicamente è rappresentata l’eliminazione dell’io adolescenziale da parte dell’io adulto. Così è superato il conflitto edipico. Tornando alla scena finale, il ragazzo entrato nel bar come adolescente, ricambia, ora, lo sguardo della ragazza come uomo. Nello spazio di tempo di qualche minuto, che per noi spettatori è durato quasi due ore, si è svolto il dramma dell’io e la sua trasformazione.

[+] lascia un commento a carloalberto »
Sei d'accordo con la recensione di carloalberto?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
59%
No
41%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
eles giovedý 5 luglio 2018
grazie della spiegazione
0%
No
0%

Non del tutto, ma adesso l'ho compreso: un sogno, ok, tutto pi¨ plausibile!

[+] lascia un commento a eles »
d'accordo?
tom87 sabato 7 luglio 2018
un riflesso lucidamente spietato dei nostri tempi
100%
No
0%

"Il sacrificio del cervo sacro" Ŕ una storia di riflessione sulle persone, dove emerge un gioco ambiguo di vite intrecciate tra colpa ed espiazione, paura e angoscia, violenza sadica e inumanitÓ dilagante. Il riferimento del titolo alla tragedia greca di Euripide 'Ifigenia in Aulide', svela il senso di un film carico d'inquietudine e sospensione, che mette in scena la prigionia della famiglia borghese dentro una razionalitÓ estrema, fredda e anaffettiva, incapace di accettare l'irruenza del sacro e dell'irrazionale nella propria esistenza. Il cinema estremo, provocatorio e disturbante del regista greco, rifiuta l'empatia per abbracciare un'osservazione gelida e distaccata della realtÓ, degli uomini e dei loro comportamenti. [+]

[+] lascia un commento a tom87 »
d'accordo?
francesco2 sabato 7 luglio 2018
in altre parole......
0%
No
0%

..........secondo questa spiegazione, il film sarebbe tutto un sogno?

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di carloalberto:

Vedi tutti i commenti di carloalberto »
Il Sacrificio del Cervo Sacro | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | carloalberto
  2░ |
  3░ | carlosantoni
  4░ | samanta
  5░ | anamorfo
  6░ | martinside
  7░ | mauridal
  8░ | fabio
  9░ | no_data
10░ | paul
11░ | giacomoricci
12░ | jackmalone
13░ | flyanto
14░ |
15░ | gianleo67
16░ | francesco2
17░ | ashtray_bliss
18░ | johnny1988
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Video recensione
la video recensione
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedý 28 giugno 2018
Distribuzione
Il film Ŕ oggi distribuito in 1 sala cinematografica:
Showtime
  1 | Lazio
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità