Alla ricerca di Vivian Maier

Un film di John Maloof, Charlie Siskel. Con John Maloof, Mary Ellen Mark, Phil Donahue, Vivian Maier Titolo originale Finding Vivian Maier. Documentario, durata 84 min. - USA 2013. - Wanted uscita giovedì 17 aprile 2014.
   
   
   

Vivian Maier: artista sconosciuta Valutazione 4 stelle su cinque

di mericol


Feedback: 4226 | altri commenti e recensioni di mericol
venerdì 30 gennaio 2015

 John Maloof, con una precedente esperienza al mercato delle pulci, ha acquisito sufficiente fiuto per scovare tesori nascosti. Ad una asta, per 380 dollari, si aggiudica un numero enorme di scatoloni appartenuti ad una certa Vivian Maier. C’è di tutto, fotografie in primo luogo, e poi negativi,rullini mai sviluppati, anche oggetti del tutto inutili, e altri magari utili come rimborsi mai riscossi.
Perché tante foto e tra le foto tanti bambini? Si accerta che era una babysitter,aveva lavorato a Chicago presso numerose famiglie e  scattava continuamente foto,spesso ai bambini. Ma nessuno aveva mai visto le sue opere.
Le persone che in vari periodi l’avevano assunta, sedute attorno a John Maloof che le interroga, esprimono giudizi disparati. Era: paradossale,o coraggiosa,o misteriosa,o eccentrica,o riservata? Non mi ero mai accorta che faceva fotografie afferma una. Scattava fotografie in continuazione ribatteva l’altra. Questa stessa persona era convinta che nell’ultima fase della vita fosse pazza.
Con assoluta certezza le fotografie erano state tutte scattate da Lei Vivian, trasportando la macchina a tracollo, con l’obiettivo a livello dell’addome, che duplicava il suo “occhio obiettivo” ponendo interesse per tutte le cose o le persone che la circondavano: bambini ,vecchi mal messi,manichini nudi.
Ha fotografato cinicamente un bambino investito da una auto, Ha portato un piccolo a lei affidato in un mattatoio fotografando, perché scoprisse la morte. Portava interesse fotografico persino al contenuto dei cassonetti dei rifiuti. Perché lavorare tanto senza che nessuno veda?. La sua storia avrebbe potuto essere quella di una giornalista. Ma per conto di chi se mai ha avuto rapporti professionali con giornali di qualsiasi tipo? Dava nome falso. Forse nascondeva l’impossibile desiderio di essere qualcun altro. Nel 1959 aveva viaggiato in mezzo mondo Ha dichiarato alcune volte :”Sono una sorta di spia”.
Si può concludere che il mistero che la circonda è più interessante delle opere?
 
Le opere che nessun Museo ha voluto accettare sono state giudicate interessanti e belle da un pubblico numeroso  accorso nelle mostre realizzate nelle grandi metropoli del mondo, New York, Los Angeles, Londra. Così sembrano anche a noi osservandole attraverso il documentario di Maloof. Ha voluto dare la sua testimonianza di vita attraverso i diversi ambienti e le diverse luci, i diversi comportamenti degli uomini, il senso dell’umorismo come della tragedia, a volte anche la tenerezza. Ha fotografato spesso la follia della umanità. La follia della vita e la incongruenza delle azioni umane. La stanza dove ha vissuto gli ultimi anni è stata trovata piena di giornali. Anche questa circostanza dimostra lo sfrenato interesse di Vivian per le cose del mondo, che non ha svelato a nessuno, per la sua estrema riservatezza, forse timidezza ,che l’ha portata all’isolamento sociale.
Eppure probabilmente ha avuto rimpianto per una vita così consumata in isolamento, se è vero che incontrando nel 2000 una amica avrebbe chiesto quasi implorando: “Parlami, Resta”.
Vivian Maier è morta povera. Alcuni degli uomini che erano stati suoi bambini le procurarono un appartamento e sostennero le spese. Avrebbe avuto piacere del successo delle fotografie dopo la sua morte? Ancora di più una domanda che non può ricevere risposta.
E’ certo invece che l’abile John Maloof dopo un’asta di 380 dollari, con una efficace azione investigativa, una intensa campagna pubblicitaria, e la realizzazione di un film documentario,ora Candidato all’Oscar, è divenuto milionario

[+] lascia un commento a mericol »
Sei d'accordo con la recensione di mericol?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
camiglia martedì 3 febbraio 2015
maier artista?necessaria una mostra
0%
No
0%

La visione del documentario focalizza prevalentemente l'attenzione dello spettatore,com'é ovvio d'altra parte, sulla originale,straordinaria, quasi incredibile vicenda umana di Vivian Maier. Le foto presentate, evidentemente in numero limitato, suscitano interesse nel mostrare una umanità tanto varia,dolente, a volte con risvolti anche ironici. Ma è troppo poco certamente per giudicare sulla validità dell'artista Maier. Sarebbe interessante quindi osservare tutte le foto in una mostra. Non mi pare sia stata ancora realizzata in Italia

[+] lascia un commento a camiglia »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di mericol:

Vedi tutti i commenti di mericol »
Alla ricerca di Vivian Maier | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | mericol
  2° | minnie
Premio Oscar (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Link esterni
Sito ufficiale
Uscita nelle sale
giovedì 17 aprile 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità