Capitalism: A Love Story

Acquista su Ibs.it   Dvd Capitalism: A Love Story   Blu-Ray Capitalism: A Love Story  
Un film di Michael Moore. Con Michael Moore, Thora Birch, William Black (II), Jimmy Carter, Elijah Cummings.
continua»
Documentario, Ratings: Kids+16, durata 127 min. - USA 2009. - Mikado uscita venerdì 30 ottobre 2009. MYMONETRO Capitalism: A Love Story * * * - - valutazione media: 3,38 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
goldy giovedì 12 novembre 2009
americani, suonate la carica per favore Valutazione 5 stelle su cinque
86%
No
14%

Basta fare un viaggio negli States per capire quanto l'Europa abbia sbagliato nell'assoggettarsi in tutto e per tutto all'egemonia americama. Ci hanno aiutato a liberarci dal nazismo, per carità ma perchè imitarli in tutto e per tutto quando la nostra democrazia (Europea) ha avuto a disposizione secoli per affermarsi. Abbiamo imitato il loro sistema televisivo devastante, hanno ancora la pena di morte, pagano tasse ben inferiori alle nostre ma poi che ritorno ne hanno visto che le scuole e le Università buone vanno pagate profumatamente e non hanno nessuna copertura sanitaria. Il potere ha usato tonnellate di denaro pubblico sostanxialmente per finanziare guerre devastanti. E finalmente la presunta superiorità del loro sistema finanziaro si è mostrato in tutta la sua brutalità e avidità. [+]

[+] lascia un commento a goldy »
d'accordo?
g. romagna lunedì 24 maggio 2010
capitalism: a love story Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Il racconto dell'attuale tracollo capitalistico muove i suoi primi passi dalla deregolamentazione reaganiana. Sono i tempi della finanziarizzazione e dell'ascesa dei manager di Wall Street. Il sistema va avanti arricchendosi sulla pelle del cittadino, compiendo così un’escalation che si rivela, in breve tempo, sì letale, ma solo per chi non ne è colpevole. Largo così ad agghiaccianti esempi di società private di gestione di carceri minorili che arrivano a corrompere giudici pur di far arrestare il maggior numero possibile di bambini per intascare poi i rimborsi federali, o di aziende che stipulano polizze assicurative sulla morte dei propri dipendenti (a loro insaputa, ovviamente) per poi incassarne introiti milionari una volta che queste avvengono. [+]

[+] lascia un commento a g. romagna »
d'accordo?
luca scialò mercoledì 18 maggio 2011
moore racconta un colpo di stato finanziario Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Docu-film di Michael Moore sul recente crollo finanziario partito da Wall Street e che nel giro di pochi mesi ha investito tutto il Mondo per effetto del sistema economico globalizzato di cui facciamo parte. Come sempre fatto, anche in questa occasione Moore alterna le spiegazioni tecniche degli addetti ai lavori con i drammi degli ultimi. Nella fattispecie, quanti sono stati cacciati da casa per insolvenza verso le banche o quanti avevano sulla propria testa assicurazioni sulla vita senza nemmeno saperlo e incassare niente. Due ore di cronistoria del capitalismo, dalle origini con Reagan fino al suddetto crollo. Non mancano momenti di ironia, il più delle volte però aventi sempre un retrogusto amaro. [+]

[+] lascia un commento a luca scialò »
d'accordo?
olgadik giovedì 5 novembre 2009
moore colpisce ancora Valutazione 3 stelle su cinque
71%
No
29%

I suoi documentari puntigliosi, sarcastici, costellati di interviste, hanno reinventato il genere, trasformandolo in giornalismo di inchiesta militante, toccante e demagogico (anche) ma indubbiamente coraggioso. Se il marchio personale non tralascia una costante ironia che fa pensare su altri versanti a Woody Allen, la sostanza amara del suo impegno non viene meno neanche in questa sua ultima opera. Si avverte però in qualche modo che la vis polemica è diminuita insieme alla capacità di sconvolgere o commuovere (vedi Bowling a Colombine o Sicko) ed è lo stesso Moore a dichiarare la sua stanchezza di “combattente” verso la fine del film. Detto questo, non si può negare che la domanda “Perché pagano sempre i più poveri?”, alla base di tutta la sua riflessione cinematografica, riceva ancora una volta spiegazioni condotte con un vivace ritmo di montaggio, variamente argomentate, e con un commento musicale sui generis. [+]

[+] molto brava (di francesco2)
[+] lascia un commento a olgadik »
d'accordo?
filippo catani sabato 14 settembre 2013
i tanti e troppi difetti del capitalismo Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Micheal Moore in questo documentario riflette sul rapporto, impossibile a suo dire, tra capitalismo e democrazia.
C'è poco da fare: quando la grande finanza costruisce i suoi ricavi da favola non li divide con nessuno mentre invece crea sconquassi mondiali tutta la popolazione è chiamata a pagare dazio. Basterebbe questo per capire da dove nasce la protesta di Moore e dei tanti movimenti che negli ultimi anni a partire da Occupy Wall Street stanno lottando contro l'1% della popolazione che ha tutto. Fa davvero male vedere le persone cacciate con la forza dalle loro case pignorate e vedere che chi si occupa di dare i soldi di salvataggio alle banche nemmeno sa dove siano finiti. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
Capitalism: A Love Story | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 30 ottobre 2009
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità