The Hurt Locker

Acquista su Ibs.it   Soundtrack The Hurt Locker   Dvd The Hurt Locker  
Un film di Kathryn Bigelow. Con Jeremy Renner, Anthony Mackie, Guy Pearce, Ralph Fiennes, Brian Geraghty.
continua»
Drammatico, durata 131 min. - USA 2008. - Videa - CDE uscita venerdì 10 ottobre 2008. MYMONETRO The Hurt Locker * * * 1/2 - valutazione media: 3,54 su 91 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
claudio salvati giovedì 9 ottobre 2008
strange kathryn b. Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

- di CLAUDIO SALVATI - Il giornalista di cronaca Mark Boal affida nuovamente le sue memorie dal fronte alla fluidità narrativa del grande cinema. Se l’anno scorso La Valle di Elah fu un toccante, eppur retorico, manifesto sul disadattamento dei giovani militari di stanza in Iraq congedati dal fronte, ispirato a Paul Haggis da un articolo dell’inviato, quest’anno è Kathryn Bigelow a dispiegare la sua forza d’urto visionaria al servizio di un racconto che è anche una causa: l’idea che la guerra è come una droga che procura assuefazione, attraverso una spirale di rischio e pericolo che non vengono più percepiti come tali, tanto è forte il senso di adesione e di incoscienza da parte dei militari. [+]

[+] lascia un commento a claudio salvati »
d'accordo?
gropius mercoledì 17 marzo 2010
la vita appesa ad un filo. Valutazione 4 stelle su cinque
87%
No
13%

Diretto magistralmente dal premio oscar Kathrin Bigelow,e basatosi su una sceneggiatura ottenuta attraverso un'attenta analisi degli appunti acquisiti effettivamente in guerra dal giornalista Mark Boal,the Hurt locker narra giorno per giorno le vicende quotidiane  di un'unità specializzata per la dismissione di esplosivi statunitense(EOD) nel loro periodo di missione,quaranta giorni,  in Iraq.Il film notevolmente adrenalinico,non si concede ad una scontata e retorica critica bellica ma  ha la capacità,attraverso accurate tecniche di ripresa,un sonoro favoloso ed una voluta quasi totale assenza di colonna sonora,di creare scene ricche di suspance in stile quasi documentaristico,in cui  vita e morte sono divisi da sempliciti dettagli o da fatti fortuiti. [+]

[+] lascia un commento a gropius »
d'accordo?
joe nca giovedì 18 marzo 2010
l'inferno secondo bigelow Valutazione 4 stelle su cinque
93%
No
7%

Muri decrepiti, polvere, strade sconnesse. Il robot antimine degli artificieri USA avanza rapido tra macerie logore, i suoi cingoli calpestano ciò che resta di una Bagdad martoriata da anni di guerra. Uomini curiosi e bambini sorridenti si affacciano sulla via farfugliando parole incomprensibili. Fili rossi sbucano dal terreno: sotto ammassi di calcinacci sbiaditi si cela l’ennesimo ordigno di un nemico invisibile. Non è l’inferno, ma la sua rappresentazione più fedele, l’Irak odierno. 40 giorni all’alba, il sergente maggiore William James (Jeremy Renner, candidato all’Oscar per questo ruolo), 800 sminamenti alle spalle, viene spedito sul campo di battaglia ad affiancare il sergente JT Sanborn (Anthony Mackie) e lo specialista Owen Eldridge (Brian Geraghty). [+]

[+] lascia un commento a joe nca »
d'accordo?
the lady on the hot tin roof domenica 7 marzo 2010
arena e sangue. Valutazione 4 stelle su cinque
78%
No
22%

"The Hurt Locker" non è propriamente un "film di guerra": le pellicole riconducibili a tale genere prendono posizione sul tema da loro trattato, direttamente o indirettamente. Questo film è "a-politico", in quanto, pur rappresentando un aspetto settoriale della guerra in Iraq, ossia quello della disattivazione di congegni esplosivi, non contiene alcun riferimento a presidenti, patrie, bandiere et cetera. Ciò che viene portato sullo schermo con uno stile schietto ed asciutto è il dramma di chi vive la guerra come realtà quotidiana, costantemente sospeso tra l'adrenalina e la depressione, costretto a rivolgere l'attenzione alla meccanica della guerra per schermarne l'orrore. Il sergente James, interpretato da uno straordinario Jeremy Renner (un'interpretazione così aspra, sofferente e carismatica mancava dai tempi di "Il Gladiatore"), è, agli occhi dei suoi commilitoni, un burlone irresponsabile: non rispetta le procedure di sicurezza e disinnesca le bombe come se fosse in un'officina di provincia. [+]

[+] voto reale (di the lady on the hot tin roof)
[+] lascia un commento a the lady on the hot tin roof »
d'accordo?
davidblasi domenica 22 agosto 2010
il cinema torna a parlare Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

A prima vista sembrerebbe spacconata americana di ottima fattura, ma nasconde chiavi di lettura interessanti come una caccia al tesoro. Di singolare poesia e riverbero l'ottica dell'artificiere nel suo scafandro, dal suo casco le geometrie dello spazio circostante sono le stesse ritagliate dalle inferriate del terrazzo, campo visivo dell'attentatore iracheno. E la scelta folle del protagonista di addentrarsi in casa del presunto padre del bimbo Beckamp..che si ritrova un estraneo in casa, pistola in mano, è l'impulsività di un attacco che l'America sta faticando a digerire. E nella doccia, fatta indossando la divisa, soprattutto sangue..Il Cinema torna a parlare.

[+] lascia un commento a davidblasi »
d'accordo?
prayant sabato 10 settembre 2011
film potente, dal ritmo serrato e realistico Valutazione 5 stelle su cinque
71%
No
29%

Non è facile descrivere tutte le sensazioni che ti fa provare questo film: prime fra tutte l'ansia e la tensione, che accompagnano l'artificiere in quanto tale. Quando William indossa la tuta, si entra in una strana dimensione, tra la vita e la morte che può coglierti in un attimo. Come in una passeggiata lunare, si percorrono i 50 metri, poi i 10, poi i 5, e il tutto mentre si viene osservati da una incuriosita (ma anche potenzialmente minacciosa) popolazione del luogo. Vi è poi il senso, come dire, del "nulla", che si prova tornati a casa, dove non c'è più l'adrenalina, e le solite cose (andare al supermarket, stare in casa) non ti fanno sentire più vivo. Questo perchè, non tanto da soldato, non tanto da ufficiale, ma da artificiere, da sminatore, i reparti con la più alta mortalità, c'è una specie di sinistra ebbrezza, quasi una dipendenza, nel camminare ogni giorno sul filo del rasoio.

[+] lascia un commento a prayant »
d'accordo?
ilconterik martedì 28 giugno 2011
non il solito film di guerra Valutazione 0 stelle su cinque
80%
No
20%

The hurt locker non è il solito film di guerra.

In primo luogo perchè è diretto da una donna, Kathryn Bigelow. In secondo luogo perchè non è diretto nel modo in cui ci si aspetterebbe da una donna. La regista americana non ci racconta le atrocità della guerra in maniera nuda e cruda, non ci mostra immagini strazianti di civili mutilati e di madri in lacrime, non ci porta nemmeno sul campo di battaglia vero e proprio: tutto è raccontato in maniera molto più sottile.

Siamo in Iraq, dove la squadra di artificeri americani di turno rischia la vita per salvare quella di qualcun altro. [+]

[+] lascia un commento a ilconterik »
d'accordo?
mary22 sabato 28 marzo 2009
un finale da antologia Valutazione 4 stelle su cinque
52%
No
48%

Una storia molto concentrata e concreta ma con un punto di astrazione che rende simboliche le immagini (l'iracheno che chiede di essere "disinnescato"..lo stesso "rito" di dirigersi verso le bombe)Il Finale Superbo(si chiarisce la dicitura iniziale della guerra come droga)introduce il differenziale su cui riflettere.. con la carrellata su un supermercato vuoto e silenzioso, dove il protagonista (artificiere top) non riesce a focalizzare cosa comprare in uno scomparto strapieno dello stesso tipo di prodotto; lo stupendo discorso al suo bambino:10 minuti meravigliosi di cinema che PARLA.

[+] sono d'accordo !!! (di ciacky)
[+] un finale scontato (di snafuz)
[+] lascia un commento a mary22 »
d'accordo?
danilodac domenica 11 aprile 2010
the hurt locker- tensione e adrenalina Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

E’ la storia di un’unità di disinnescatori di bombe in Afghanistan e in Iraq, la EOD, corpo speciale dell’esercito americano. Tra tensioni, conflitti, momenti di panico, la vita va avanti in un luogo dominato dalla paura e dal dolore. Con un efficace, secco e fluido stile documentaristico, K. Bigelow ci porta così tra gli anfratti della guerra più “silenziosa” degli ultimi anni. Ha lo scopo di descrivere, con puntigliosa meticolosità, ma anche con un’energia narrativa da manuale, il terrificante e amaro microcosmo dei soldati USA in un territorio da salvare e da “evitare”. Ruvido, amaro, serrato, teso come una corda, è un film che fa aspettare e coinvolge sia dal punto di vista emotivo che da quello visivo. [+]

[+] disinnescatori di bombe? (di ultimoboyscout)
[+] lascia un commento a danilodac »
d'accordo?
filippo catani mercoledì 13 marzo 2013
la guerra sul campo Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Iraq. Una squadra di artificeri dell'esercito americano lotta ogni giorno contro gli ordigni che vengono lasciati in ogni posto possibile sia esso il ciglio di una strada, una macchina o un essere umano. I soldati sottoposti a questo stress reagiscono in modi diversi in attesa della rotazione che avviene dopo 40 giorni in prima linea.
Come si suol dire l'artificere può commettere solo due errori nella vita e il primo è quello di diventare artificere. Un lavoro che già è logorante in se e pensare di farlo tutti i giorni in uno scenario com'era quello dell'Iraq dà senza dubbio un'idea di quello che è una guerra. Infatti è facile parlarne a tavolino come "giusta" o "preventiva" stando comodamente seduti dietro una scrivania mandando gli altri al fronte. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
The Hurt Locker | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (14)
Golden Globes (3)
BAFTA (12)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità