Lei mi parla ancora

Acquista su Ibs.it   Dvd Lei mi parla ancora   Blu-Ray Lei mi parla ancora  
Un film di Pupi Avati. Con Stefania Sandrelli, Isabella Ragonese, Renato Pozzetto, Lino Musella, Fabrizio Gifuni.
continua»
Drammatico, - Italia 2021. - Vision Distribution uscita lunedì 26 aprile 2021. MYMONETRO Lei mi parla ancora * * * - - valutazione media: 3,22 su 21 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Lei mi parla ancora. Il potere del ricordo Valutazione 4 stelle su cinque

di Eugenio


Feedback: 27727 | altri commenti e recensioni di Eugenio
venerdì 19 marzo 2021

Il nuovo film di Pupi Avati emoziona e tanto anche. In primo luogo, vedere un personaggio “storico” di film comici anni ’90, come Renato Pozzetto, in un ruolo intensamente drammatico è già motivo di interesse. Tuttavia, è la storia, ampia, intima e “verista” intinta dal sapore di dolce amarezza a imperniare il soggetto di Lei mi parla ancora.
Il film racconta una storia anacronistica di questi tempi che assomiglia per molti versi alla vicenda personale di Pupi Avati. Una storia d'amore durata sessantacinque anni, liberamente ispirata alla biografia di Giuseppe Sgarbi che restituisce il significato di una locuzione avverbiale, sempre, oggigiorno quasi tabu.
Sono tutti giovani che della parola “sempre“ non conoscono il significato, i protagonisti di Lei mi parla ancora, giovani vecchi, incapaci di vedere il presente, un pò come lo stesso regista che lo spiega associandolo al passato. Un archetipo ancestrale, vestito di una malinconia e permeato da una nobile saudade che non guarda solo alle nostalgiche emozioni ma, dotato di un’accezione positivista al futuro, rimanda all’immortalità, parlandoci in una narrazione aperta al mondo circostante. Come quello che circonda il protagonista Nino (il bravissimo Renato Pozzetto) e la costruzione tendente all’idillio di un amore totalizzante con Rina (Stefania Sandrelli) che nasce, cresce e supera ogni ostacolo.
Trait-uniontra presente e passato è un ghost-writer, Amicangelo, (il sempre teatrale Fabrizio Gifuni), uno scrittore “fantasma” (immagine putativamente non casuale), che si trova, su “commissione” della figlia di Nino (editrice) –pena una mancata pubblicazione del romanzo di una vita-  a delineare la vicenda di una coppia. Una coppia che ha superato ogni difficoltà economica, capace di superare le pieghe del tempo, dagli anni amari dell’alluvione del Polesine all’incertezza di un futuro da costruire insieme. Nino e Rina (Stefania Sandrelli) sono due personaggi simbolo di un’umanità che non esiste più e che continua a parlare anche dopo la morte.
È quell’amarezza che fa parte della vita, del ricordo e di tanto cinema di Avati, mai dolciastro, ma vivo proprio perché portatore di una nostalgia potente, fugace, impercettibile sullo sfondo di un paesaggio che si fa dell’anima, fatto di canzoni, amicizia e oggetti dimenticati nei bar, in cui un tiro a pallone sembra assurgere a metafora di una vita che sale e che scende, nella ciclicità circadiana che ritorna parabola discendente, bambina.
Sì, bambina perché la storia di Sgarbi, lo stile di un regista come Avati che rende la vicenda personalissima, la trovata e la capacità di giocare su un interprete come Pozzetto, sono elementi preziosi di sogno, ai poli opposti dell’anima fredda e pronta a registrare (oggi si scrive così) su un elemento digitale.
Frammenti di passato, i magnifici anni ’50 del riscatto, le storie che si fanno presente negli sguardi quasi metafisici di Nino e Amicangelo; la scelta di miscelare sapientemente i due piani, facendo interloquire personaggi in fasi diverse della loro vita (Nina giovane ha il volto candido di Isabella Ragonese) e preservando tuttavia il sentimento dell’oggi, grazie al sommo potere del ricordo.
Ricordo che si fa letteratura e, con Avati, cinema.
E che cinema! Affaticato da uno sviluppo ondivago, dall’incedere ingenuo, Lei mi parla ancora sbaglia, stona ma alla fine ha in sé la forza di preservare quel piglio di compostezza, creatività e soprattutto genuinità che molte pellicole odierne sembrano avere dimenticato. Del resto: L’uomo mortale, non ha che questo d’immortale. Il ricordo che porta e il ricordo che lascia. Una sentenza d’amore, sì, d’amore per il cinema in senso lato.

[+] lascia un commento a eugenio »
Sei d'accordo con la recensione di Eugenio ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Eugenio :

Vedi tutti i commenti di Eugenio »
Lei mi parla ancora | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (4)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
lunedì 26 aprile 2021
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 1 sala cinematografica:
Showtime
  1 | Sicilia
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità