Tulpa

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Tulpa   Dvd Tulpa   Blu-Ray Tulpa  
Un film di Federico Zampaglione. Con Claudia Gerini, Michela Cescon, Michele Placido, Ennio Tozzi, Ivan Franek.
continua»
Horror, durata 82 min. - Italia 2012. - Bolero Film uscita giovedý 20 giugno 2013. MYMONETRO Tulpa * * * - - valutazione media: 3,09 su 36 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

SPRAZZI DI BUONE COSE IN UN MARE DI MEDIOCRITA' Valutazione 2 stelle su cinque

di no_data


Feedback: 100
martedý 5 novembre 2013

 Ho deciso di visionare questo film dopo insistenti sollecitazioni da parte di una amico.
Da dove partire? Cerchiamo di procedere organicamente.
Inizio azzeccato, la pellicola si presenta bene, l’impatto è decisamente buono per lo spettatore; così come la cura nelle scene iniziali - particolarmente nel primo omicidio – lascia presagire una serata al di sopra delle aspettative.
Lo stato d’animo dello spettatore, tuttavia, non può che cambiare repentinamente.
Verrebbe da dire, peccato che il film continua.
Le buone idee non mancano, ma sfortunatamente sono visibili sempre più a sprazzi, e perlopiù nelle scene clou degli omicidi. Anche queste, tuttavia, vedono difetti non trascurabili, palesemente girate con eccessiva frettolosità e poca attenzione ai dettagli. Non basta zoomare su un bulbo sul pavimento per spaventare lo spettatore, poche volte si riesce a trascinare costui in quello stato d’animo che si confà ad un horror fatto bene. In sostanza, soltanto in quei rari momenti (due, forse tre) il film può dirsi riuscito. Non spetta a me ricordare che in un genere come questo l’interpretazione degli attori è fondamentale, la paura è il sentimento più difficile da trasmettere attraverso uno schermo.  A questo proposito, l’interpretazione della Gerini si avverte, l’empatia dello spettatore scatta, ma quasi mai supera un certo limite. Le altre prove attoriali si alternano tra quelle buone della già citata Gerini, di Placido e di Franek, a quelle pessime di altri cani e cagne di cui, per fortuna, non sentiremo parlare (Michela Cescon e altri\e).
La trama si sviluppa secondo uno schema semplice da comprendere per lo spettatore, anche troppo, ma la cosa più deludente è il finale: forse non ho mai visto prima d'oggi un epilogo di horror patetico come questo. Dopo le poche buone scene del film (tutte in versione dark) arrivate proprio nei momenti topici di quest’ultimo, l’unica cosa che il tanto atteso momento del disvelamento (e relativo scontato caos post-sorpresa) riesce a strapparti è una grassa risata.
Il degno punto di approdo per una nave che salpa benissimo, ma finisce peggio della Costa Concordia.
Che dire poi sulla regia ? Ridicolo il tentativo del regista di depistare lo spettatore in maniera così manifesta, prima nella scena (piccolo SPOILER) in cui si indugia sulle mani arse dell'autista, poi sulla seconda (errare humanum est,perseverare autem diabolicum) in cui si reca in libreria per il manuale sul Tulpa.
La cosa che più manca, però, è un'identità ben precisa da parte del regista. Alcune buone idee, certo - certi omicidi, discretamente confezionati, sono certamente uno dei pochi aspetti positivi del film - ma viene fuori in tutta la sua forza l'inesperienza di Zampaglione, coperta e malcelata da banali tentativi di fare collage di tecniche vecchie e altrui [uso spregiudicato e ovvio delle musiche (peraltro molto interessanti alcuni pezzi iniziali, non eccellenti ma quantomeno calzanti col film) che raggiunge il suo culmine con la scontatezza nell’uso degli effetti sonori; ombre nere che improvvisamente - oh mio Dio, che paura! - passano davanti alla camera...].

Se Zampaglione fosse ad un ipotetico X Factor del cinema ed io avessi l’ingrato compito di giudicarlo, lo manderei via con un secco NO motivandolo non con evidenti stonature (che pure sussistono, come il già citato finale), ma con l’assenza di originalità. Così come nella musica non abbiamo bisogno di voci che siano brutte copie di altre già esistenti, nel cinema non sentiamo l’urgenza di vedere tentativi di rifacimenti con scarsissime chances di successo.
Mi ascolti, signor Zampaglione, studi e torni la prossima volta, quando si sarà schiarito le idee e sarà in grado di offrirci un prodotto all’altezza. Le potenzialità si intravedono, la volontà pure, ma oggi, con questo Tulpa, non va oltre il 5.

[+] lascia un commento a no_data »
Sei d'accordo con la recensione di no_data?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
78%
No
22%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Tulpa | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Dario Zonta
Pubblico (per gradimento)
  1░ | no_data
  2░ | ultimoboyscout
  3░ | enzo70
  4░ | gianleo67
  5░ | il cascio
  6░ | miguel
  7░ | mauri67
  8░ | onufrio
  9░ | purplerain
10░ | no_data
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità