Cosa sarà

Acquista su Ibs.it   Dvd Cosa sarà   Blu-Ray Cosa sarà  
Un film di Francesco Bruni. Con Kim Rossi Stuart, Lorenza Indovina, Barbara Ronchi, Giuseppe Pambieri, Raffaella Lebboroni.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 101 min. - Italia 2020. - Vision Distribution uscita sabato 24 ottobre 2020. MYMONETRO Cosa sarà * * * - - valutazione media: 3,37 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La rinascita dopo la malattia Valutazione 4 stelle su cinque

di Eugenio


Feedback: 27727 | altri commenti e recensioni di Eugenio
venerdì 1 gennaio 2021

E’ un film che parla di umanità, famiglia, vita e soprattutto malattia, Cosa sarà di Francesco Bruni.
E lo fa scavando nelle pieghe traboccanti di una drammatica e biografica notizia, la scoperta di una mielodisplasia del protagonista, Bruno Salvati, (un irriconoscibile, scavato e sofferente Kim Rossi Stuart) e le cure per prevenire lo sviluppo tumorale mediante trapianto di midollo.
Eppure, Cosa sarà non è solo un semplice diario medico che occhieggia a pellicole o serie televisive passate (vedasi La linea verticale dell’indimenticato Mattia Torre cui il film è dedicato con onore), ma costituisce un affresco, a tratti apodittico e ineluttabile, di un naufragio familiare, di un’iconografia che si muove dagli anni ’70 dell’infanzia di Bruno con un bambino che affida speranzoso le sue macchinine ad un coetaneo, per spostarsi poi al rapporto con i genitori -un padre traditore e una madre passiva succube- sino a una famiglia, due figli dai caratteri opposti, forse il maschio, Tito, più simile, nei suoi attacchi d’ansia, al padre.
Finchè un apparentemente trascurabile esame, palesa ciò di cui la vita a volte, ci pone davanti: un muro, insormontabile, che va affrontato, scalato, per andare dall’altra parte, per conseguire la gioia.
Non conta sapere tante cose…. Se non si possiede la gioia non si conosce niente. Nella gioia è possibile ricaricare ogni cosa, è la perfezione a cui noi cediamo quando usciamo dall’infanzia, non ha fissa dimora, è un fiocco invisibile che unisce, che ci unisce. Che lega anche Bruno Salvati- Francesco Bruni, la persona che si fa personaggio, nella cronaca di una dolorosa ricerca, di un donatore compatibile per un trapianto midollare, andando a scavare appunto in un passato, forse a tratti, assai più sconvolgente della stessa malattia, di una Livorno sferzata dalle onde del Tirreno.
Bruno affronterà a testa alta quell’impervia scalata, chiaramente, evolvendo dalla sua “condizione di misconosciuto regista in crisi”, di quarantaseienne egocentrico e infantile che ha fatto dell'autoironia e di un sano cinismo le sue chiavi di accesso a un mondo che non si preoccupa di comprendere fino in fondo e che imparerà a guardare, forse da una luce diversa.
Nell’analisi sociologica di una cronaca di una malattia, delineata con precisione chirurgica (è il caso di dirlo) grazie a scene pregnanti, permeate da un’assoluta mimesis di fondo dell’attore nel reparto di ematologia, nel rapporto col sorridente infermiere Nicola (il figlio più piccolo, Avati permettendo, Nicola Nocella), Francesco Bruni delinea un quadro commovente, a tratti visionario (frequenti sono le visioni della madre scomparsa durante il delirio farmacologico), capace di rendere vivo il dolore del protagonista ma anche, in tralice, riflettere sul significato di una famiglia dove sono le donne, loro, gli spiriti guida. Donne volitive, generose come la figlia di Bruno ma anche fragili, incapaci di sopportare a lungo un dolore così profondo senza crollare; donne che sembrano tenere sotto controllo tutto, algidamente avvinte agli schemi clinici del decorso di una malattia (la dottoressa che ha in cura Bruno) ma profondamente romantiche tanto da organizzare persino una crociera con “i trapiantati” per festeggiarne il decorso positivo.
Donne, poesia e amore. Perché sembra strano ma Cosa sarà è un film che parla d’amore. Un amore primigenio, avvinto al tempo dell’infanzia, smarrito e profondamente nostalgico con cui ogni personaggio convive. E che tramite esso, trova la forza, per risorgere a nuova vita anche nei momenti più bui.
Con una strizzata d’occhio a Fellini e qualche scena leggermente forzata, Cosa sarà scorre via come un battito di ciglia, senza autocitarsi, ma lasciando noi spettatori sospesi in alcuni rari momenti di poetica saudade, in cui è possibile con la semplice forza di un’immagine, emozionarsi. Che è ciò che il cinema oggigiorno, di questi tempi, dovrebbe imparare a recuperare.

[+] lascia un commento a eugenio »
Sei d'accordo con la recensione di Eugenio ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Eugenio :

Vedi tutti i commenti di Eugenio »
Cosa sarà | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (5)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
sabato 24 ottobre 2020
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità