Corpo e Anima

Acquista su Ibs.it   Dvd Corpo e Anima   Blu-Ray Corpo e Anima  
Un film di Ildikň Enyedi. Con Alexandra Borbély, Morcsányi Géza, Ervin Nagy, Pál Mácsai, Júlia Nyakó.
continua»
Titolo originale A teströl és a lélekröl. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 116 min. - Ungheria 2017. - Movies Inspired uscita giovedě 4 gennaio 2018. MYMONETRO Corpo e Anima * * * 1/2 - valutazione media: 3,99 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

PERCHE' L'AMORE DIVENTI REALTA' Valutazione 5 stelle su cinque

di ValterChiappa


Feedback: 5031 | altri commenti e recensioni di ValterChiappa
domenica 7 gennaio 2018

L’anima ha il colore blu e risiede in un bosco innevato. Il corpo è rosso di sangue che sgorga in stanze oscure. Colori che non riescono a fondersi. Due spiriti predestinati, quelli di Endre (Morcsányi Géza) e Maria (Alexandra Borbély), incapaci di incontrarsi: occhi che si osservano a distanza, corpi fra cui si interpongono distanze orizzontali o che giacciono su piani diversi.
Un uomo e una donna paralizzati. Maria, con un’infanzia presumibilmente difficile da cui non sa staccarsi, è un’anima bambina. Il suo mondo, governato da una memoria autistica, si racchiude in un’algida perfezione dove i millimetri hanno valore e la polvere va rimossa. Vive al buio, si rifugia nell’ombra, il rosso che gira altrove non entra nella sua stanza blu. L’amore che ha dentro non diventa contatto, non si traduce in parola.
Endre, offeso nel corpo, chiuso nella stanza da cui non esce mai, ha relegato le pulsioni alla prospettiva distante e angolata della sua finestra e allo sguardo che inevitabilmente si posa sugli elementi dell’attrazione femminile.
Si incontrano in un luogo simbolico, un macello, dove vita e morte, gelo e sangue convivono. A quei cuori che non sanno parlarsi la regista Ildikò Enyedi costruisce un mondo fatto solo per loro, un bosco incantato che magicamente ricorre nei sogni di entrambi. Li trasforma in cervi, l’animale, che si contrappone alla cieca forza generatrice del toro. Fra la neve, nel freddo il maschio, maestoso, carezza col muso la giovane cerbiatta, cerca cibo per lei.
Finalmente uniti in un mondo onirico, i cuori oscurati che hanno cercato la luce in un raggio di sole ora la trovano negli occhi dell’altro. L’ostacolo da superare sarà riportare quel sogno nel mondo reale, farlo diventare vita. Il viaggio di Maria, forte della testarda determinazione che solo i cuori innamorati sanno avere, è la conquista della corporeità, del contatto, del calore.
Difficile raccontare l’amore e la sua difficoltà in maniera più poetica. Un cinema fatto di dettagli infinitesimi: punte dei piedi che si ritraggono nell’ombra, visi che vanno a bagnarsi nel sole, minuscoli oggetti che dialogano fra loro, rapidi gesti delle mani, briciole rapidamente spazzate via. Un cinema fatto di inquadrature eloquenti più delle parole, dalle distanze perfettamente misurate, in cui ostacoli, opachi o traslucidi, sono collocati a frapporsi tra le figure. Un cinema fatto di cromatismi contrastanti, ma mai esasperati, nel segno di una delicatezza di tocco impareggiabile. Parte di tanta tenerezza è anche il sorriso che la svelata ingenuità di Maria sa destare, utile contrappunto nel filo drammaturgico all’iniziale freddezza. Sacrosanto l’Orso d’oro all’ultimo Festival internazionale del cinema di Berlino.
La mano felicissima di Ildikò Enyedi viene assecondata dalla straordinaria recitazione di Alexandra Borbély e Morcsányi Géza, i due protagonisti. Poche parole a disposizione. La luce che la regista richiede si accende gradatamente sui loro volti, sui sorrisi timidamente accennati, negli sguardi che si illuminano fino a sfavillare.
Perché l’amore diventi carne, sarà necessario spingersi fino alle estreme destinazioni del viaggio: sposare il sangue. Questo il destino dei grandi amori. Ma, giunti alla meta, allora il sonno sarà placido: non c’è più bisogno di sognare.

[+] lascia un commento a valterchiappa »
Sei d'accordo con la recensione di ValterChiappa?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
83%
No
17%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
jackbeauregard venerdě 2 febbraio 2018
l'importanza dei dettagli
100%
No
0%

Bravo, hai fatto bene a mettere in evidenza l'importanza dei dettagli. Tantissime inquadrature che non sono buttate lě a caso, ma raccontano e completano in maniera efficace la storia. Ripensando al film, il giorno dopo la visione, cercavo nella memoria quale fosse la scena che mi aveva colpito di piů, ma non ne ho trovata nessuna superiore alle altre, perchč il film č girato con un tocco felicissimo dall'inizio alla fine. Cosě mi sono tornati in mente i particolari, gli stessi poi che hai citato anche tu (i piedi che tolgono le ciabatte, i piccoli oggetti dialoganti, la mano inerte, le briciole, ecc.) e lě mi sono definitivamente reso conto della grandezza di questa pellicola.
Ultraconsigliata la visione.

[+] lascia un commento a jackbeauregard »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di ValterChiappa:

Vedi tutti i commenti di ValterChiappa »
Corpo e Anima | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | evak.
  2° | valterchiappa
  3° | zarar
  4° | mauridal
  5° | angeloumana
  6° | eugenio
  7° | kimkiduk
  8° |
  9° | erostrato
10° | carlosantoni
11° | gianniquilici
12° | francesca
13° | freerider
Premio Oscar (1)
European Film Awards (5)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedě 4 gennaio 2018
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità