I Am Not Your Negro

Un film di Raoul Peck. Con Samuel L. Jackson Titolo originale I Am Not Your Negro. Documentario, Ratings: Kids+13, durata 95 min. - USA, Francia 2016. - Wanted uscita martedý 21 marzo 2017. MYMONETRO I Am Not Your Negro * * * - - valutazione media: 3,44 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Remember (Nigger) This (Is Not Your) House!

di gianleo67


Feedback: 61267 | altri commenti e recensioni di gianleo67
mercoledý 2 giugno 2021

Ideale comple(ta)mento filmico dell'incompiuto saggio autobiografico Remember This House di James Arthur Baldwin in memoria dei tre amici e attivisti per i diritti civili afroamericani uccisi negli anni '60 (Evers, Malcom X e M.LKing Jr); ma anche Ŕ soprattutto una lucida e profonda riflessione sulla natura della questione razziale americana e sulle sue inevitabili conseguenze sul futuro del Paese.
Nel segno di una vocazione registica che ha sempre avuto al centro dei suoi interessi meccanismi del potere e questione sociale (non solo autoctona), il regista haitiano Raoul Peck concepisce un documentario sulla storia di un saggio mai completato (in realtÓ appena abbozzato) come una sua ideale pubblicazione in altre forme, strutturando i quattro capitoli di una voce narrante (quella dell'attore Samuel L. Jackson) come il flusso di coscienza dell'inttellettuale di Harlem James Arthur Baldwin che ripercorre le vicende che lo hanno coinvolto come attivista e ideologo del movimento per i diritti civili, compreso l'assassinio dei suoi tre maggiori rappresentanti, e intercalandola con inserti provenienti dal suo intervento televisivo al The Dick Cavett Show (1968), dal dibattito all'UniversitÓ di Cambridge (1965), repertori d'archivio e citazioni filmiche. Ne esce una potente riflessione che investe l'ampio spettro delle tematiche care all'autore e che, partendo dalla responsabilitÓ di un intellettuale da tempo esule in Francia che sente non solo il dovere, ma il diritto di intervenire direttamente, si addentra nel cuore nero di un paese bianco che ha lasciato sconsideratamente in sospeso gli annosi strascichi di un vergognoso retaggio coloniale, analizzandone non solo le ragioni storiche e sociali (la fine della schiavit¨ e la mancata epurazione della sua ormai inutile manovalanza di importazione) ma anche quelle pi¨ intime e profonde legate alla particolare natura psicologica e culturale delle sue repressioni puritane.
I tre approcci complementari dei martiri: il pacifista, il belligerante ed il riflessivo sono condensati e riassunti nelle considerazioni di un autore la cui opera non ha mai veduto la luce eccetto che nella forma pienamente compiuta e densa di questo straordinario documentario di sopravvivenza della memoria e di vitalitÓ del messaggio. Nell'excursus storico sul fallimento annunciato dei movimenti degli anni '60, Baldwin si colloca naturalmente nel solco di quello che si pu˛ ossimoricamente definire un pacifismo belligerante, laddove la spietata luciditÓ sulla persistenza e la gravitÓ del problema razziale si accompagna alla responsabile consapevolezza di una indissolubile legame che lo unisce alle sorti future dell'intera nazione americana e quindi destinata un giorno (non ora nÚ fra 40 anni, nÚ con Kennedy nÚ con Obama) a risolversi in una inevitabile e profetica pacificazione sociale.
Se questo Ŕ il punto centrale della ricognizione su una tema che non ha mai smesso di essere attuale (a un secolo esatto dal massacro di Tulsa), Ŕ la molteplicitÓ delle spigolature con cui si articola nel documentario che ne fornisce un quadro illuminante, illustrando con i numerosi esempi dei suoi inserti cinematografici il profondo radicamento delle sue ragioni nel suo immaginario culturale da esportazione e nel potere insinuante delle suo abusato lessico metaforico. Non solo quindi la negazione antropologica del diritto alla difesa della popolazione nera ma anche e soprattutto la negazione del principio di una appropriazione di quella parte dei modelli sociali di realizzazione borghese propria dei bianchi, fino a costituire paradossalmente il nuovo target economico di un sogno americano cui non ha mai avuto accesso e che di fatto ne alimenta le pulsioni distruttive, peraltro pienamente congrue alla vocazione violenta della fondazione del Paese, con grande allarme delle istituzioni di controllo (FBI) e delle sue programmatiche repressioni di piazza (toccante Ŕ la sequela di giovani vittime del poliziesco repulisti fascista e la brutale teoria di sedazione delle rivolte). Sul piano etico emerge inevitabile la mostruosa disumanitÓ ed amoralitÓ di una popolazione occidentale (e americana in special modo) che ha fatto degli ideali di bellezza (bianca!) e di umanitÓ il paravento di una coscienza colpevole difficile da accettare e soprattutto con cui fare consapevolmente i conti; laddove il rimosso consiste nel vivere sul benessere costruito sulle spalle di un popolo di cui si arriva a negare l'umanitÓ fino a concepire un progetto di marginalizzazione urbana quale anticamera di una soluzione finale a lungo agognata. Una cultura sessuofoba e repressiva che sopprime nelle manifestazioni pubbliche i propri sentimenti, evitando il contatto epidermico con l'altro da sÚ e relegandolo nella cattivitÓ sociale alimentata da fantasie di odio e annientamento, ma anche la negazione dell'ibridazione razziale che ha fatto dei figli naturali di padroni bianchi dagli ancillari amori dalla pelle d'ebano, i bastardi reietti di un disonore domestico da segregare negli oscuri scantinati di un immenso paese che non ha in serbo per loro un posto o un futuro migliori. (Lo specchio della vita, Us). Nella famosa intervista che apre e chiude il documentario emerge infine quella strategia culturale di distrazioni e infingimenti che Baldwin scardina abilmente, con la sua brava funzione di controllo e di sedazione a base di rassicuranti format televisivi che insinuano la raggiunta paritÓ sociale, ma prima ancora di un retaggio ideologico che semplicemente nega o minimizza la questione razziale come un fattore secondario nella vita culturale del Paese, arrivando ad ignorare la realtÓ quotidiana del pericolo costante che corre l'intellettuale nero che, impegnato alla sua macchina da scrivere, da' le spalle alla incombente minaccia bianca e occhialuta appostata dietro di lui.
Un vero futuro per l'America non pare possibile finchÚ non si raggiunge una vera pacificazione sociale e non si demolisce la mostruosa metafora del nero come colore da eliminare e del bianco quale negata rappresentazione di un potere che continua a perpetuare se stesso ed il vuoto pneumatico di una civiltÓ di bugie.

[+] lascia un commento a gianleo67 »

Ultimi commenti e recensioni di gianleo67:

Vedi tutti i commenti di gianleo67 »
I Am Not Your Negro | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | gianleo67
Premio Oscar (1)
Spirit Awards (1)
BAFTA (2)


Articoli & News
Link esterni
Uscita nelle sale
martedý 21 marzo 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità