Le bianche tracce della vita

Acquista su Ibs.it   Dvd Le bianche tracce della vita   Blu-Ray Le bianche tracce della vita  
Un film di Michael Winterbottom. Con Nastassja Kinski, Milla Jovovich, Peter Mullan, Wes Bentley, Shirley Henderson Titolo originale The claim. Drammatico, durata 120 min. - Gran Bretagna, Canada 2000.
   
   
   

La fine di un mondo fra tragedia e speranza Valutazione 4 stelle su cinque

di Stefano Pariani


Feedback: 3443 | altri commenti e recensioni di Stefano Pariani
sabato 27 agosto 2011

Sierra Nevada, 1867. All'indomani della grande corsa all'oro nella California del Nord, Dillon (Peter Mullan), sindaco di una piccola comunità rurale sperduta tra le montagne innevate, Kingdome Come, si comporta come un vero e proprio re: dopo aver fatto fortuna con l'oro come pioniere, ha in mano l'intera cittadina e, in qualche modo, il destino dei suoi abitanti. Ora però deve fare i conti con il proprio passato e con il presente. Giungono infatti in paese la moglie malata (Nastassja Kinski) e la figlia (Sarah Polley), che molti anni prima, quando la bimba era ancora in fasce, aveva venduto in cambio di una miniera d'oro, e un giovane ed onesto ingegnere delle ferrovie (Wes Bentley), intenzionato a far spostare il paese a valle per consentire il passaggio del treno che collegherà la costa del Pacifico a quella dell'Atlantico. Dillon è così diviso tra i rimorsi di un passato tornato improvvisamente a galla e il tentativo di preservare a tutti i costi l'integrità del suo paese, cercando di corrompere il giovane e di comprare la linea ferroviaria. Tra interni illuminati debolmente da fioche luci ed esterni dominati dall'accecante bianco di imponenti e silenziose montagne, le vite di questi personaggi s'intrecciano tra rammarico, perdono e speranza. Il perdono è quello che va ad un uomo che il denaro ha reso freddo e dispotico e che ora è tormentato dai sensi di colpa e dall'ansia per l'imminente perdita del proprio regno. A lui non rimarrà altro che una fine tragica. La speranza è quella di un mondo visto con occhi puri e innocenti, come quelli della figlia di Dillon (non a caso di nome Hope, speranza), vittima del passato, ma anche estranea a tutte le vicende presenti. E' virtù di pochi, però, perchè l'insaziabile avidità dell'uomo è dura a morire: nell'ultima scena gli abitanti di Kingdome Come sono pronti a saltarsi addosso come bestie impazzite per impossessarsi delle ricchezze dell'ormai defunto sindaco. Rielaborato da un romanzo di Thomas Hardy (Il sindaco di Casterbridge), il film di Winterbottom è girato con stile realistico, guarda i suoi personaggi con umana compassione e dipinge con vena nostalgica un mondo destinato a scomparire. La narrazione è fluida ed equilibrata e ha un ampio respiro, cosa non comune per Winterbottom, regista che tocca molti generi e che talvolta si perde in film troppo freddi e sottotono.

[+] lascia un commento a stefano pariani »
Sei d'accordo con la recensione di Stefano Pariani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Stefano Pariani:

Vedi tutti i commenti di Stefano Pariani »
Le bianche tracce della vita | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | stefano pariani
Rassegna stampa
Luigi Paini
Roberto Escobar
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità