Robot and Frank

   
   
   

La robotica umana di Robot&Frank Valutazione 4 stelle su cinque

di Myriam Doronzo


Feedback: 200 | altri commenti e recensioni di Myriam Doronzo
lunedý 20 aprile 2015

Solitamente sono i racconti a seguire gli avvenimenti, ma prima che la tecnologia rimpiazzi la sensibilità umana possiamo udirne i racconti, vederne le immagini e gustarne il sapore metallico. Robot and Frank è la messinscena del contatto. Un contatto che è contagio in un continuo gioco di riflessi e rimandi. Una rappresentazione intimistica del rapporto tra l’uomo e la macchina, che diviene l’estensione del suo rapporto al mondo. Frank vive un rapporto dissociante, in un limbo temporale, costretto da una memoria fallace; alienato in una realtà che non lo riflette. L’ostilità esacerbata sconfina nell’ accettazione ostentata di una nuova entità. Non c’è più cura all’errare umano, a meno che un computer errante non diventi il cursore delle scelte da compiere dietro il sipario-desktop della vita.
Il confine tra il distopico e il reale fluttua sulle dinamiche di un gioco in cui lievitano segni e sensi, rendendo sempre più labile il confine tra umano e disumano. Le possibilità umane e meccaniche si fondono in un gioco di reciproca costruzione, in una complicità tale da divenire indissolubile. Perchè non è il robot, ma la sua rappresentazione a divenire proiezione, estensione. Un’essenza simbolica prima ancora che tecnica. Messi faccia a faccia con i propri limiti, l’uomo e la macchina costruiscono un rapporto complice e complesso, in un ambiente amnesico. Robot si configura in un’intelligenza sempre più umana, ma mai eccedente. Non ha un nome: si identifica con la sua funzione. I valori fondano la morale e la tecnologia abbraccia la natura. Un discorso ben collocato nello scenario lyotardiano del post-moderno, con un’integrazione estranea a qualsiasi dicotomia.
L’unica via di fuga è la dimenticanza. Mancanza del passato, futuro ineluttabile. Con la formattazione di Robot, viene distrutta anche la vita di Frank, internata nel sistema disumano dell’ospizio. L’inizio manicomiale, la fine di ogni relazione cardiaca. La tecnologia riscuote successo sul palco del fallimento dell’uomo: è la stella che scende sul terreno dove l’uomo è caduto, perde la sua luminosità per sottrarre luce a quella umana. Non rimangono che una moltiplicazione ridotta dei dispositivi e una divisione aumentata degli esseri umani in tanti megalopsycos.

[+] lascia un commento a myriam doronzo »
Sei d'accordo con la recensione di Myriam Doronzo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Myriam Doronzo:

Robot and Frank | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | donni romani
  2░ | myriam doronzo
Scheda | Cast | News | Trailer | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 25 novembre
High Life
Galveston
martedý 17 novembre
La Gomera - L'isola dei fischi
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledý 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedý 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledý 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledý 28 ottobre
La partita
mercoledý 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledý 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrÓ
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità