Un anno da ricordare

Acquista su Ibs.it   Dvd Un anno da ricordare   Blu-Ray Un anno da ricordare  
   
   
   

Disney nella tradizione dei buoni sentimenti Valutazione 0 stelle su cinque

di dario carta


Feedback: 4414 | altri commenti e recensioni di dario carta
lunedý 9 maggio 2011

Sarebbe interessante conoscere l'opinione di Konrad Lorenz sull'affermazione del Nobel tedesco W. G. Sebald,secondo il quale l'uomo e l'animale si squadrano l'un l'altro su un fronte di reciproca incomprensione.
Se questo fosse vero,molte realtà inserite e cresciute nella storia e nell'età di ogni singolo individuo,andrebbero riviste con occhi diversi.
Tra queste,un'infinità di pagine del libro del cinema sarebbero da rileggere alla luce di considerazioni che nulla hanno a che vedere con quanto viene insegnato e si apprende ad ogni occasione dalla natura del mondo animale.
Bastino a questo,le produzioni Disney,fecondissimo universo relazionale tra i due generi,realtà dilatata alle frontiere della proiezione antropomorfa dell'animale.
Liberamente ispirato al libro di William Nack "Secretariat - The Making of a Champion",l'ultimo lavoro di Randall Wallace ("Brave Heart","Pearl Harbour","We Were Soldiers") è il tipico cofanetto indirizzato alle dimensioni domestiche del cinema buono,quello delle famiglie e dei sacrosanti buoni sentimenti.
Assolutamente privo di novità ("Seabisquit"),ma lodevole nelle intenzioni e negli obiettivi,il film narra la vera storia di Secretariat,o Big Red,purosangue le cui prestazioni in pista hanno stregato il sogno americano e il mondo degli scommettitori a cavallo fra i '60 e l'alba dei '70.
Figlia di un proprietario di scuderie (Scott Glenn) anziano e malato,Penny Chenery (Diane Lane),casalinga moglie e madre di tre ragazzini,si trasferisce nella proprietà del padre per continuarne l'attività,sull'orlo del fallimento,nonostante la totale mancanza di ogni nozione sul mondo delle corse.
Rilevate le scuderie,aiutata del bizzarro Lucien Laurin (John Malkovich),veterano allenatore da poco in pensione,Penny si mette in gioco con caparbia ostinazione,inventandosi una nuova professione pur completamente a digiuno di ogni suo aspetto.
Perso un confronto con il milionario Ogden Phipps (James Cromwell),la donna conserva una giumenta ed assiste di lì a breve alla nascita di un puledro straordinariamente forte fin dai primi minuti di vita.
Affiancata dall'assistente Eddie Sweat (Nelsan Ellis),Penny crescerà il puledro,rifiutando di vendere la fattoria gravata da un pesante debito fiscale e,contro ogni pressione da parte del fratello (Dylan Baker) e del marito (Dylan Walsh),riuscirà a tenere con sè Big Red,nonostante un'offerta di otto milioni di dollari, che avrebbe risolto ogni problema economico.
Lasciata temporaneamente la famiglia in Colorado per trasferirsi in Virginia nella proprietà,Penny,Eddie e Lucien alimentano la genuina speranza che ripongono nel puledro.
L'auspicio diverrà certezza quando Big Red sarà il primo cavallo a vincere dopo vinticinque anni la Triple Crown Race del Kentucky,la più lunga,importante e pericolosa corsa d'America.
Secretariat resterà campione imbattuto nella realtà e nei cinema si riveste oggi del decoro di un lavoro generoso,forse non del tutto sincero,ma trasparente e autentico veicolo di informazioni per quella fascia di pubblico cui il film è diretto e che si rende disponibile ad una lettura senza il pregiudizio di allegorie o retoriche d'autore.
A volte venato di inoffensivo opportunismo (le citazioni bibliche in apertura) e i piccoli peccati di omissione (la famiglia soffrì della decisione del trasferimento di Penny,ma la sceneggiatura sorvola),il film riscatta le proprie valenze nella fotografia di grande respiro,nelle inquadrature d'effetto - i primi piani sull'animale - nelle ambientazioni di una natura amica e nella corposità potente delle riprese dove gli animali sono i campioni della scena e di un impegno che condividono con l'amore di chi li addestra.
Tutto è mescolato in angolazioni studiate,a sonorità profonde,respiri forti,suoni,colori,musica e sfumature come cromatismi di un quadro che vive.
Diane Lane incarna la donna che sfida il pregiudizio e vince la corsa.
Malkovich porta sullo schermo la follìa generosa e sincera degli animali che ama e allena.
Lo staffiere Nelsan Ellis è un inno al pathos dell'eterna amicizia tra l'uomo e il suo cavallo.
L'impianto del film è semplice e strutturato sulle linee convergenti di tre protagonisti (Penny,Lucien,Eddie) che tessono i contorni della vera prima figura,Big Red e delle circostanze che raccolgono nella classica impostazione disneyana gli elementi tradizionali delle fiabe per ogni età.

[+] lascia un commento a dario carta »
Sei d'accordo con la recensione di dario carta?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di dario carta:

Vedi tutti i commenti di dario carta »
Un anno da ricordare | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | cekko
  2░ | martalari
Rassegna stampa
Kenneth Turan
Maurizio Acerbi
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità