Dogtooth

Acquista su Ibs.it   Dvd Dogtooth   Blu-Ray Dogtooth  
Un film di Yorgos Lanthimos. Con Angeliki Papoulia, Mary Tsoni, Hristos Passalis, Anna Kalaitzidou, Alexander Voulgaris, Christos Stergioglou.
continua»
Titolo originale Kynodontas. Drammatico, durata 94 min. - Grecia 2009. - Lucky Red uscita giovedì 27 agosto 2020. - VM 18 - MYMONETRO Dogtooth * * * - - valutazione media: 3,42 su 23 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La casa del colonnello? Valutazione 3 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 34038 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
venerdì 28 agosto 2020

Esce solo adesso dopo undici anni, il terzo film del regista greco Yorgos Lanthimos - dal titolo “Kynodontas” in originale - che è stato vittorioso nella sezione Un Certain Regard di Cannes 62 e candidato agli Oscar 2010 nella categoria del miglior film straniero.

L’inquietante trama - come del resto lo sono tutte quelle dei suoi film - mostra una famiglia che vive isolata in una villa con giardino e piscina, senza avere nessun rapporto con l’esterno. Solo il padre-padrone (Christos Stergioglou) ha un lavoro dirigenziale in fabbrica, dove si reca quotidianamente in automobile, mentre a nessuno dei membri della famiglia è consentito uscire dalla casa. Un’alta recinsione di legno oscura perfino la vista del “fuori”.

La moglie (Michele Valley), ha un telefono staccato nascosto nel comodino che usa raramente solo per comunicare con il marito quando è in ufficio, senza farsi notare dai figli. Le due figlie femmine (Angeliki Papoulia e Mary Tsoni) e un figlio maschio (Hristos Passalis), vivono in un mondo demiurgicamente sorvegliato, pieno di regole assurde, istigati alla competitività attraverso il gioco: «facciamo che vince chi resiste per ultimo a …».

Solo al pater familias è successo che uno dei due denti canini sia caduto e poi ricresciuto: questo è il segnale palese della capacità ad affrontare il mondo esterno. Così gestisce totalmente le vite dei membri della sua famiglia. Introduce perfino, a giorni fissi, una sorta di partner prezzolata per il figlio - una sua impiegata alla sicurezza - in una delle scene di sesso più goffe della storia del cinema.

Ma il mondo “interno”, cioè quello familiare, sotto una parvenza di buone maniere, di ubbidienza e di rapporti ludici, è un mondo altrettanto spietato, autarchico, super controllato dove solo la maggiore delle due figlie (Angeliki Papoulia) riuscirà poco a poco a ribellarsi.

I gatti sono considerati gli animali più pericolosi del mondo, al contrario i cani sono ben accetti ma vanno addestrati a diventare così come li vogliamo. In effetti il rigido addestramento che lui mette in atto nei confronti dei figli assomiglia molto all’addestramento dei cani. Li esercita a difendersi, li allena alla sopravvivenza e a resistere sott’acqua senza respirare, li abitua a non mostrare emozioni e ad essere competitivi. Si inventa gare assurde i cui premi sono degli adesivi da collezione. Lo sguardo del padre è quello di un dio, o meglio, quello di uno scienziato megalomane onnisciente, distaccato e freddo al limite del patologico.

La famiglia, in tal modo, vive una sorta di esistenza illusoria, specialmente i ragazzi che sviluppano attitudini da animali domestici, e hanno un linguaggio distorto. Anche questo, infatti, viene stravolto e alcune parole acquistano un diverso significato: il mare è il divano su cui ci si siede, gli zombi sono dei fiorellini gialli, la fica è una lampada.

La scena più divertente di tutto il film, a mio avviso, è quando il padre mette il disco LP con inciso la voce del nonno che canta, e altro non è che Fly me to the moon, la famosa canzone cantata da Frank Sinatra, che il padre traduce liberamente dall’inglese travisandone del tutto il senso e creando una poesiola infantile e gratificante.

Il ricordo della “dittatura dei colonnelli” terminata nel 1974, sembra aver ispirato il regista. Ne è rimasto vivo l’orrore dell’esercizio del potere che è uno spauracchio per Lanthimos così da disegnarne, in questo film, una metafora.

Il gusto del paradosso e del grottesco sono elementi nel linguaggio di Lanthimos già presenti nei suoi primi film. Così sarà per “The Lobster” del 2015, per “Il sacrificio del cervo sacro” del 2017 e anche per “La favorita” del 2018. ”Dogtoothè quindi un film strano, una pellicola con dettagli talvolta raccapriccianti di gusto decisamente surrealista, in linea con il cinema “stralunato” del regista greco che, secondo molti critici, si ispira ad  Haneke per raggiungere le vette di estraniazione, concedendosi qua e là composizioni e atmosfere kubrickiane.

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
Dogtooth | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 27 agosto 2020
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità