Sul lago Tahoe

Acquista su Ibs.it   Dvd Sul lago Tahoe   Blu-Ray Sul lago Tahoe  
Un film di Fernando Eimbcke. Con Diego Cataño, Héctor Herrera, Daniela Valentine, Juan Carlos Lara II, Yemil Sefani, Olda López, Mariana Elizondo, Joshua Habid, Raquel Araujo, Enrique Albor, Juan Carlos Lara Titolo originale Lake Tahoe. Drammatico, durata 85 min. - Messico, Giappone, USA 2008. - Archibald Enterprise Film uscita venerdì 28 agosto 2009. MYMONETRO Sul lago Tahoe * * 1/2 - - valutazione media: 2,67 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
osteriacinematografo domenica 22 gennaio 2012
il lago dei ricordi Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Lungometraggio d’esordio del regista messicano Fernando Eimbke. Paesino scarno e sperduto dello Yucatan: un ragazzino finisce con l’auto contro un palo, e deve prodigarsi per cercare qualcuno che ripari il guasto. Sembra un paesino fantasma, in cui le persone appaiono e scompaiono, e sarà un’impresa trovare il pezzo giusto per ricomporre l’insieme. In realtà il sedicenne Juan sta elaborando la morte del padre, e i suoi approcci tentennanti, i suoi disagi, sono dettati dal lutto recente che ne ha minato la stabilità. La sua ricerca è il pretesto per un percorso di crescita e distacco. Eimbke indugia a lungo su paesaggi e persone, si prende tutto il tempo di mostrarne la piega ben definita, di sottolinearne la flemma e l’indolente e apatico approccio al contingente, mantenendosi fedele a tale impostazione fino alla fine. [+]

[+] lascia un commento a osteriacinematografo »
d'accordo?
alearmando domenica 5 dicembre 2010
perché il tempo non esiste, ma le cose accadono Valutazione 4 stelle su cinque
40%
No
60%

A partire dalle versioni del titolo (Sul lago Tahoe/Lake Tahoe/Te acuerdas de Lake Tahoe?) siamo davanti a un film che ci disloca in modo imprevedibile nello spazio. Dove siamo? Dov'è il lago? Che popolo è mai questo? Una sequenza di cartoline in scena fissa, quasi delle diapositive, dividono lo spazio del film. Perché di uno spazio si tratta, non di un divenire temporale: non c'è tempo, dentro le cesure nere che dividono la pellicola. Pochi esseri umani, molto giovani o molto vecchi, stanno, compresenti su queste scene fisse. Non c'è distacco o compiacimento, ma piuttosto una pietà reciproca. Tutti si ascoltano nella loro indolenza, tutti si abbracciano. E gli incontri, circolarmente, riaccadono, dandoci la cadenza degli eventi come in un movimento labirintico, che ci fa ritrovare al punto di partenza. [+]

[+] lascia un commento a alearmando »
d'accordo?
vittorio lunedì 15 febbraio 2010
che rottura!! Valutazione 1 stelle su cinque
50%
No
50%

Film lentissimo, con dei dialoghi assurdi e delle scene prive di ogni significato!! Un film alla ricerca di un pezzo per una macchina in un paese al di fuori del mondo....... Ma vi prego!! Una noia mortale.... Adatto per chi soffre di insonnia...

[+] lascia un commento a vittorio »
d'accordo?
méliès lunedì 7 settembre 2009
la fuga del giovane juan Valutazione 4 stelle su cinque
38%
No
63%

Inquadrature fisse su luoghi desolati, polverosi e assolati a cui si alterna ritmicamente il buio di un ipnotico schermo nero, introducono e accompagnano lo spettatore in un villaggio messicano dello Yucatan, teatro della vicenda che vede protagonista un ragazzo, di nome Juan, di sedici anni. Dopo avere sbattuto contro un palo con la macchina del padre, Juan è costretto a risolvere da solo il problema, non avendo avuto esito la telefonata fatta a casa, e a cercare un’officina per la riparazione del danno al motore. Un anziano meccanico che vive in compagnia di un cane, una giovane madre appassionata di musica che vende ricambi per macchine, un coetaneo patito di arti marziali concorrono alla soluzione del problema; questi incontri sono, al contempo, l’appiglio a cui aggrapparsi per superare lo stato d’animo che tormentano il giovane, offrono un aiuto inconsapevole ad una condizione che lo opprime: suo padre è morto. [+]

[+] lascia un commento a méliès »
d'accordo?
paolorol mercoledì 2 settembre 2009
così scorre il tempo in messico Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Il fascino di questo film è costituito dalla lentezza, che bene rispecchia lo scorrere del tempo nelle sonnolente cittadine della provincia messicana, poco più di aggregati di case fatiscenti e apparentemente deserte. Il regista spezza continuamente l'azione con istanti,neppure troppo brevi, di schermo nero, nel quale l'audio evoca e suggerisce più delle immagini. Il limite del film è però allo stesso tempo proprio l'eccesso di lentezza, e quel minimalismo che, all'inizio affascinante, finisce per diventare un pò troppo fine a sè stesso e soporifero. Molti bei ritratti, forse più che ritratti schizzi, compreso quello del ragazzino protagonista, "volutamente" piuttosto inespressivo.

[+] lascia un commento a paolorol »
d'accordo?
Sul lago Tahoe | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | alearmando
  2° | méliès
Approfondimenti
il film
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 28 agosto 2009
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità