Lascia perdere, Johnny!

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Lascia perdere, Johnny!   Dvd Lascia perdere, Johnny!   Blu-Ray Lascia perdere, Johnny!  
Un film di Fabrizio Bentivoglio. Con Antimo Merolillo, Ernesto Mahieux, Lina Sastri, Roberto De Francesco, Luigi Montini.
continua»
Commedia, durata 104 min. - Italia 2007. - Medusa uscita venerdì 30 novembre 2007. MYMONETRO Lascia perdere, Johnny! * * * - - valutazione media: 3,10 su 61 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

Non fermarti Fabrizio! Valutazione 4 stelle su cinque

di molinari marco


Feedback: 2225 | altri commenti e recensioni di molinari marco
giovedì 11 agosto 2011

Film di una delicatezza artistica straordinaria. Faustino è un ragazzino di Caserta che ha come migliore amica una chitarra. Questo strumento rappresenta la sua unica chance di colorare la grigia quotidianità che lo circonda ed attraverso la quale spera di strappare un contratto a Niro (una specie di polipo, molto raro in realtà, che pare avare le mani ovunque) che gli consenta di evitare il servizio di leva. Ma più che altro, essendo anche orfano di padre, si affida a lei nella speranza di ottenere la sicurezza necessaria per poter crescere nel migliore dei modi. Di ambizioni neanche a parlarne, considerati anche i musicisti che lo accompagnano all’inizio della sua avventura. Ma tutto cambia nel momento in cui giunge in città il grande Augusto, musicista non privo di un certo talento, ma noto al grande pubblico più per una relazione finita male con Ornella Vanoni che non per la sua musica. Man mano che le serate si succedono, il sogno di poter campare di musica diventa sempre più concreto, tanto che lo si arriva a toccare quasi con mano. Giunti sul più bello, tuttavia, l’artefice di tutto, nonostante il suo motto sia The show must come on, se la dà a gambe per motivi che non ci vengono spiegati chiaramente, ma che si possono presumere con estrema facilità. Questa prima opera personale di Bentivoglio è uno sguardo disincantato sul mondo dello spettacolo. Ed in particolare sulla musica che viene intesa come arte a portata di tutti per poter evadere dallo squallore della quotidianità. Il tutto in un’epoca in cui suonare uno strumento non era ancora ad appannaggio della stragrande maggioranza e quindi bastava anche possederne uno per potersi definire un musicista ed esibirsi su un palco. Una sorta di età dell’oro, ma dove il fatidico motto dalle stelle alle stalle era già in agguato. La dice lunga la scena in cui il personaggio interpretato da Bentivoglio arriva all’aeroporto e si trova dinanzi Niro: gli basta una sola occhiata, da vero professionista, per intuire che è alle prese con l’ennesimo smacco. O anche la fine che fa il maestro del protagonista (un Toni Servillo ancor più gradevole nella sua naturale napoletanità) il quale restando all’interno del mondo provinciale finisce con l’impazzire del tutto. Ma quello che colpisce, più di ogni altra cosa, è lo stile adottato da Bentivoglio per narrarci questa tenera storia. Al centro della storia troviamo un ragazzo i cui tratti ricordano molto quelli di un pellerossa, a tal punto da infondere la suggestione di essere alla prese con un selvaggio che si aggira in luoghi che stanno progressivamente smarrendo la loro innocenza. Un protagonista che parla poco con i vari personaggi del film, e che ciononostante è in continuo dialogo con noi spettatori. Poche parole, molti pensieri. Il tutto grazie ad una voce over che una volta tanto non ha l’apparenza di un espediente messo lì per facilitare la narrazione, ma che viene adoperata per il suo potenziale artistico. Il finale del film appare leggermente frettoloso e forse anche un po’ sconclusionato. Ma forse sarà stato utile a far comprendere a Faustino, e a tutti coloro che in lui si sono immedesimati, che il mondo della musica è più disponibile a distribuire fregature che non a concedere le comodità e gli agi legati al successo. Vale a dire, un mondo (quello della musica?) in cui forse è meglio non fidarsi di nessuno. In buona sostanza, se sei un tipo che non sa contare sulle proprie forze, finché sei in tempo.. lascia perdere Johnny!

[+] lascia un commento a molinari marco »
Sei d'accordo con la recensione di molinari marco?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di molinari marco:

Lascia perdere, Johnny! | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
David di Donatello (7)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità