L'aria salata

Acquista su Ibs.it   Dvd L'aria salata   Blu-Ray L'aria salata  
Un film di Alessandro Angelini. Con Giorgio Pasotti, Giorgio Colangeli, Michela Cescon, Katy Louise Saunders, Sergio Solli.
continua»
Drammatico, durata 85 min. - Italia 2006. - 01 Distribution uscita venerdì 5 gennaio 2007. MYMONETRO L'aria salata * * * 1/2 - valutazione media: 3,81 su 52 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

la rappresntazione dell'epilessia nei film Valutazione 4 stelle su cinque

di oriano mecarelli


Feedback: 0
domenica 4 febbraio 2007

Questo commento è diretto ad Alessandro Angelini, con cui vorrei davvero avere un contatto. Premetto: il film mi è piaciuto moltissimo soprattutto per l’intensità delle emozioni che ha suscitato in me. Credo che si sia trattato di un esordio veramente notevole ed indimenticabile. Non ho potuto però fare a meno di guardarlo anche da un punto di vista professionale: sono un neurologo universitario e mi occupo di epilessia. L’Epilessia è una malattia molto diffusa (colpisce una persona su cento) e purtroppo è tuttora fonte di gravi discrimazioni sociali, per una disinformazione globale e per gravi retaggi del passato. Invece è una malattia come le altre, che origina dal cervello ma non dalla mente (è una malattia neurologica, non psichiatrica!), che si cura e da cui si guarisce nella maggior parte dei casi. Il cinema si è sempre interessato dell’epilessia , basti pensare a “I Pugni in tasca”, “Novecento”, “Il grande cocomero”, etc, ma per lo più lo ha fatto male, contribuendo a generare paura e mistero nei confronti della malattia, spingendo sempre di più chi la vive sulla propria pelle a vergognarsene… Nel caso specifico le ambiguità e le scorrettezze sono numerose, dal “ tu non sei epilettico, sei pazzo” (che rafforza la credenza che gli epilettici possano essere in qualche modo vicini alla malattia mentale) all’intervento scorretto di fronte alla crisi (mettere un fazzoletto in bocca durante un attacco è l’unica cosa che non si deve mai fare!) alla disquisizione un po’ assurda sull’ematoma subdurale (che dal punto di vista medico non sta ne in cielo ne in terra). Credo insomma che un soggetto con epilessia che ha assistito a questo film bellissimo, ripeto, sia uscito dalla sala piuttosto sconvolto, e così pure i suoi familiari e gli amici. Chi invece l’epilessia non la conosce avrà rafforzato i propri pregiudizi e disinformazioni. E allora mi chiedo: - perché lo sceneggiatore ha scelto come malattia proprio l’epilessia (e non il parkinson, la sclerosi multipla, l’emicrania, il diabete, etc)? – perché l’autore ed il regista non ha chiesto consigli a specialisti veri su come affrontare le tematiche specifiche? Il cinema è diretto alla gente , anche a chi di certe malattie rappresentate soffre davvero! E’ talmente importante per noi medici che quotidianamente ci occupiamo di epilessia far passare messaggi corretti riguardo questa patologia attraverso i mass-media che insieme alla Scuola Nazionale di Cinematografia stiamo proprio organizzando un Concorso destinato alla produzione di spot e cortometraggi “corretti” sull’Epilessia , che poi saranno diffusi attraverso TV, cinema, internet, etc. Spero che il regista non consideri questo mio messaggio un rimprovero noioso ma solo un tentativo di aprire un dialogo costruttivo. Ancora complimenti per il film ed in bocca al lupo per il futuro!

[+] lascia un commento a oriano mecarelli »
Sei d'accordo con la recensione di oriano mecarelli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
88%
No
12%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
elisatbd mercoledì 21 settembre 2011
discriminazione o disinformazione? Valutazione 0 stelle su cinque
43%
No
57%

Non mi sembra che il film possa creare pregiudizi sull'epilessia. C'e' disinformazione come ce ne e' per tutte le malattie con cui non si ha un contatto diretto.Detto cio', non mi sono piaciute alcune sue parole. Lei dice "Invece è una malattia come le altre, che origina dal cervello ma non dalla mente (è una malattia neurologica, non psichiatrica!)": non pensa che anche le malattie psichiatriche siano malattie come tutte le altre? O forse invece chi e' malato "mentale" (come dice lei) debba essere discriminato?E' possibile che ci sia disinformazione sull'epilessia, ma a me sembra che il suo messaggio sia discriminatorio nei confronti di chi soffre di malattie psichiche. E per queste si, c'e' discriminazione in giro, si fa fatica a capire che sono vere e proprie malattie, normali, come dice lei. [+]

[+] lascia un commento a elisatbd »
d'accordo?
L'aria salata | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Roma Film Festival (1)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 5 gennaio 2007
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità