Triplo gioco

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Triplo gioco   Dvd Triplo gioco   Blu-Ray Triplo gioco  
Un film di Neil Jordan. Con Nick Nolte, GÚrard Darmon, Emir Kusturica, TchÚky Karyo, Sa´d Taghmaoui Titolo originale The Good Thief. Commedia, durata 108 min. - Canada, Francia, Gran Bretagna, Irlanda 2003. - 01 Distribution uscita venerdý 23 maggio 2003.
   
   
   

Un malvivente fa il colpo della vita Valutazione 4 stelle su cinque

di andyflash77


Feedback: 14447 | altri commenti e recensioni di andyflash77
domenica 19 agosto 2012

Nizza: mentre sta bruciando gli ultimi risparmi in una bisca clandestina, Bob Montagnet - giocatore d'azzardo e ladro, abbandonato dalla fortuna e squattrinato - conosce Anne, una ragazza dell'Est che fa la vita, e rimane folgorato dalla sua bellezza. Dopo aver strappato Anne alle grinfie del suo protettore, Bob si vede chiedere da un vecchio amico di unirsi a lui per realizzare una spettacolare rapina a Montecarlo. Per Bob è l'occasione di ricostituire la vecchia banda e di rimettersi al lavoro, ma a modo suo...  
Nel rifare _Bob il giocatore_ (1955) del grande Jean-Pierre Melville, Jordan ha il coraggio di modificare spirito e visione delle cose quando meno ce lo aspettiamo: sembra che la disperazione e la solitudine abbiano la meglio, ma poi i budelli si squarciano, la levità si impone e l'amore per la vita prende il sopravvento. Nessuna conciliazione, solo una fiducia preziosa nei desideri dell'uomo. Non è poco, oggigiorno. Quei rapidi e bellissimi "freeze frame" su volti e corpi, che a volte interrompono un gesto sul nascere, stanno lì apposta per dirci che non c'è tempo per perdere tempo, e che la vita va troppo in fretta per occuparsi anche della morte. Con collaboratori prestigiosi (magnifica la fotografia iperrealista di Chris Menges, grande la musica di Elliot Goldenthal), un centro focale - Nick Nolte - da urlo e facce da incorniciare, Jordan trasforma la malinconia, il disincanto e il senso di sconfitta di Melville in piacere di ritrovare il riscatto. Vivendo.
Sembrava operazione che gridava vendetta: mettere le mani della contemporaneità su un autore come Jean-Pierre Melville. Ma Neil Jordan, cineasta di cui si sono sottovalutati spesso troppi film (due per tutti: The Butcher Boy e In Dreams), agisce con una modestia intelligente che è rarissimo trovare nelle tonnellate di remake che infestano i nostri schermi. Jordan sa benissimo di non poter recuperare e rifare toni, mondi, perfino idee di Bob il giocatore, il noir del 1955 su cui The Good Thief (ma non c’era un altro titolo italiano, perlomeno diverso da quello nostrano di Romeo is Bleeding di Medak?
) si basa. Preferisce dunque scriversi da solo la sceneggiatura. E se di modestia si tratta, non significa rinunciare al rischio. The Good Thief si apre all’eterogeneità sociale e culturale con una generosità che non ha nulla della correttezza politica. L’universo in cui il ladro Bob e ogni personaggio vivono è un melting pot di razze, linguaggi e corpi che testimonia di uno scacco del caos nei confronti di chi vuole pianificare ed etichettare tutto. Si tratta di un caos splendidamente vivo, tonificante, per niente turistico. Jordan ha il coraggio di modificare spirito e visione delle cose quando meno ce lo aspettiamo: sembra che la disperazione e la solitudine abbiano la meglio, nella Nizza di Bob, ma poi i budelli si squarciano, la levità si impone e l’amore per la vita prende il sopravvento. Nessuna conciliazione, nessuna pacca sulla spalla, solo una fiducia preziosa nei desideri dell’uomo, anche attraverso il sangue, alla faccia di legalità, morale, pessimismo, tragicità e quant’altro. Non è poco, oggigiorno. Quei rapidi e bellissimi freeze frame su volti e corpi, o che a volte interrompono un gesto sul nascere, stanno lì apposta a dirci che non c’è tempo per perdere tempo, e che la vita va troppo in fretta per occuparsi anche della morte. Con collaboratori prestigiosi (magnifica la fotografia iperrealista di Chris Menges, grande la musica di Elliot Goldenthal), un centro focale, Nick Nolte, da urlo, e facce da incorniciare, Jordan trasforma la malinconia, il disincanto e il senso di sconfitta di Melville in piacere nel ritrovare il riscatto. Vivendo.

[+] lascia un commento a andyflash77 »
Sei d'accordo con la recensione di andyflash77?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di andyflash77:

Vedi tutti i commenti di andyflash77 »
Triplo gioco | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | ilpredicatore
  2░ | andyflash77
Rassegna stampa
Dario Zonta
Roberto Nepoti
Rassegna stampa
Pier Maria Bocchi
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità