Agente 007 - La spia che mi amava

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Agente 007 - La spia che mi amava   Dvd Agente 007 - La spia che mi amava   Blu-Ray Agente 007 - La spia che mi amava  
Un film di Lewis Gilbert. Con Roger Moore, Barbara Bach, Curd Jürgens, Richard Kiel, Bernard Lee.
continua»
Titolo originale The Spy Who Loved Me. Spionaggio, durata 123 min. - Gran Bretagna 1977. MYMONETRO Agente 007 - La spia che mi amava * * * 1/2 - valutazione media: 3,57 su 25 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Grande divertimento per tutti e per ciascuno Valutazione 4 stelle su cinque

di pacittipaolo


Feedback: 1203 | altri commenti e recensioni di pacittipaolo
mercoledì 1 gennaio 2020

Al decimo film la serie che era stata per finita mostra una ottima tenuta spettacolare. Il ritorno alla regia di Lewis Gilbert dieci anni dopo Si vive solo due volte porta il film sul registro della parodia e dell'autoparodia (si citano tutti i precedenti 007 e non solo) rispetto al pedale della farsa dei due film precedenti. Il segreto di 007 è nella ricetta, ma a differenza del precedente il film non mostra la corda e non lesina sullo spettacolo, grandioso per tutti (la serie ormai si avvicina alle produzioni per bambini, cui piacque tanto “Squalo” che infatti tornerà in Moonraker e diventerà buono). Suggestive le scene ambientate nell'Egitto della grande archeologia, ottimo il commento musicale di Marvin Hamlish (che non fa rimpiangere John Barry), bella Barbara Bach che interpreta una Bond girl moderna per l'epoca, lontana dalle donne dei primi film, che sembra esistano soltanto perché Bond possa sedurle. Ottimo il lavoro agli effetti speciali di Derek Meddings, mentre John Glen, che dirigerà tutti i Bond degli anni '80, si occupa del montaggio, sempre un elemento fondamentale per rendere più avvincente il film. Egli considererà La spia che mi amava il migliore di tutti i film di 007. La raffinata fotografia é di Claude Renoir, nipote di Jean. Ken Adam per la penultima volta al lavoro in un film di 007, ha potuto avvalersi dei consigli di Stanley Kubrick per l'illuminazione di un gigantesco set. Quanto c'è di allarmante e terribile dietro la superficie dei film di 007- come aveva fatto rilevare Fellini -, la stessa ambiguità della figura femminile (non dimentichiamo che tutto 007 deve molto a Intrigo internazionale di Hitchcock) qui è accuratamente, marmoreamente nascosto e balena solo in alcuni momenti, subito corretti dallo scherzo (il regista Gilbert è maestro nel mostrare il lato buffo, divertente, anche comico delle situazioni serie e quindi a suo modo costruisce uno 007 più difficile, forse più intelligente degli altri, che se viene sondato bene rivela una profondità nascosta ma come nelle scene finali è il rilassato divertimento a farla da padrone, comunque un variazione sul tema di 007, che è stato sempre evasione, disimpegno - nonostante i toni manicheistici da guerra fredda dei primi film -). Anche se visto oggi il film sembra più vecchio e ha un minore senso di “presenza” dei primi della serie è, come tutti riconoscono, il migliore interpretato da Roger Moore, che ha - e ne è consapevole- una recitazione più limitata rispetto a quella di Connery ma a suo modo efficace, da gattone rilassato(Connery era più energico e certe scene - ben scritte - su misura per Moore, non avrebbero potuto andare bene per lui) E' una cosa degna di nota per la serie di 007 il riconoscere l'abilità degli sceneggiatori che di volta in volta venivano affiancati al veterano Richard Maibaum, questa volta Cristopher Wood. La leggerezza è una dote e la mano di Gilbert non è pesante come già si era rilevato in Si vive solo due volte, non esagera nel sesso e nella violenza, il suo 007 fa ironia prima di tutto con con se stesso (e infatti questo sarà uno dei film giudicati meglio da chi mantiene una opinione critica ideologico-politica sui film che sembrano prendersi più sul serio della serie, anche se è un dato di fatto che il loro politicamente scorretto ha incontrato e continua a incontrare un grosso favore del pubblico - materia per gli psicologi -). Se desiderate un film di puro divertimento, senza catechizzazioni e sottolineature moralistiche (non dimentichiamo che i film degli anni '60 erano anche razzisti - del resto secondo un avviso diffuso all'epoca, i moralisti erano razzisti, sul sesso e sul resto, basti pensare all'America -), questo film non vi deluderà; del resto, quale che sia la mano che imprime la sua personalità al film (ogni film, anche quelli seriali come 007, ha molto del carattere del regista) sono tanti e tanto di qualità di apporti del cast tecnico e artistico che non poteva essere altrimenti. Questo o quello, un film di 007 è sempre divertimento garantito.


[+] lascia un commento a pacittipaolo »
Sei d'accordo con la recensione di pacittipaolo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pacittipaolo:

Agente 007 - La spia che mi amava | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | renato corriero
  2° | f.vassia 81
  3° | spalla
  4° | gipinna
  5° | paolo 67
  6° | pacittipaolo
  7° | fedeleto
  8° | paolopace
  9° | paolocorsi1967
10° | angelino67
11° | elgatoloco
12° | jekyll
13° | jackpug
Premio Oscar (6)
Golden Globes (3)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità