Starfish

   
   
   

Affrontare un lutto e la fine del mondo. Valutazione 3 stelle su cinque

di Ashtray_Bliss


Feedback: 29209 | altri commenti e recensioni di Ashtray_Bliss
domenica 22 dicembre 2019

Lungometraggio peculiare, ipnotico, avvolgente, a suo modo incisivo seppur difficile da seguire e da capire. Dopotutto, Starfish non è un film che chiede di essere capito o interpretato ma di essere vissuto, attraverso le sensazioni che risveglia negli spettatori, a partire da quella immensa e devastante sensazione di vuoto interiore successivo alla perdita di una persona cara. Se al dolore del lutto aggiungiamo il fardello lacerante del senso di colpa otteniamo un'idea del elaborato affresco psicologico che si delinea con Starfish. Opera ondivaga ma affascinante che fa ricadere quasi interamente il peso della sua missione su una giovane e talentuosa Virginia Gardner, Starfish non è soltanto un connubio di generi ma uno sconfinamento progressivo all'interno di un'opera prettamente sperimentale che unisce il dramma, interiore e personale come quello di un lutto che non riesce a essere elaborato, al survival movie, al mystery, all'horror e allo sci-fi condito da passaggi d'animazione che confondono ma al contempo ammaliano lo spettatore che viene travolto da questo atipico film di sopravvivenza dinanzi alla fine del mondo come lo conosciamo. Gli indizi, abbondanti e suggestivi, certamente non mancano; dalla canzone che ossessionava Grace, alle audiocassette, alle onde sonore che aprono o chiudono misteriosi e incomprensibili portali, al vero rapporto che lega Grace a Aubrey. Tanti tasselli di un puzzle mentale che non sempre riesce a dare risposte concrete e rischia di deludere o irritare i meno pazienti e rigorosi. Starfish non intende dare risposte e non intende dare un senso compiuto al caos che si materializza sullo schermo. Un caos volto alla rappresentazione del lutto, del dolore e del senso di colpa attraverso uno stato d'animo di progressiva dissociazione della personalità (come afferma la protagonista stessa durante una visita immaginaria della sua amica defunta), uno stato di confusione e depressione tale da isolarsi dal mondo e da portarlo, figuratamente, sull'orlo della distruzione totale. Aubrey è infatti sola durante tutto il film, una scelta e un desiderio personale che viene rimarcato durante il film anche nella scelta di vestire Aubrey con la pelle di un lupo, ma forse anche l'unico modo per tentare di affrontare i fantasmi ed espiare gli errori del passato. Che fosse un tradimento? O l'abbandono di una amica malata? A nessuno è dato saperlo. Ma la componente metaforica del film è talmente potente ed evocativa che non serve realmente saperlo, non serve trovare per forza delle risposte logiche laddove non esistono o degli schemi precisi. L'invasione aliena, la fine del mondo, i salti temporali. Tutto è reale e niente lo è. 
Supportato da musiche bellissime e suggestive, Starfish ci trascina nel suo universo onirico e inquietante, un viaggio all'interno di una psiche fragile e tormentata che oltre che alla propria sopravvivenza deve provvedere -forse- a salvare il mondo oppure a condannarlo per sempre. Prodotto particolarissimo che mi ha ricordato vivamente "Melancholia" di Lars Von Trier, un urlo disperato d'inquietudine e dolore che trova la sua massima espressione artistica nella commistione di generi e stili generando un film ondivago e talvolta incoerente ma talmente affascinante da restate impresso. Positivamente colpisce anche l'interpretazione di Virginia Gardner che sorregge esclusivamente da sola il prodotto e la colonna sonora atmosferica, mistica, onirica e sfuggente che avvolge questa fine del mondo tanto personale da sembrare quasi una catarsi, un'espiazione dei propri peccati ed errori compiuti. Uno sgretolamento interiore che combacia pari passo con lo sgretolarsi del mondo o di quel che ne rimane. 
In definitiva Starfish è quel tipo di prodotto sperimentale all'ennesima potenza che richiede pazienza, che può innervosire, confondere, stordire, piacere o essere odiato dallo spettatore. Ma non cerca di essere compreso o decifrato, esattamente come non viene decifrato il messaggio lasciato da Grace a Aubrey.
Cinema d'autore interessante e particolare, non pienamente riuscito ma certamente in grado di catturare e mantenere la nostra attenzione. A. T. White sarà un nome da tener d'occhio nel panorama indie. Voto: 3/5. 

[+] lascia un commento a ashtray_bliss »
Sei d'accordo con la recensione di Ashtray_Bliss?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Ashtray_Bliss:

Vedi tutti i commenti di Ashtray_Bliss »
Starfish | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | ashtray_bliss
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità