L'estate di Martino

Un film di Massimo Natale. Con Treat Williams, Luigi Ciardo, Matilde Maggio, Pietro Masotti, Matteo Pianezzi.
continua»
Drammatico, durata 90 min. - Italia 2010. - Movimento Film uscita venerdý 19 novembre 2010. MYMONETRO L'estate di Martino * * * - - valutazione media: 3,03 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L'arte del sogno (e della memoria) Valutazione 4 stelle su cinque

di Amaior


Feedback: 51842
martedý 16 novembre 2010

La sezione “Alice nella città” del recente Festival di Roma ha disvelato la meraviglia inattesa de “L’estate di Martino”, debutto dietro la macchina da presa del 48enne palermitano Massimo Natale.
Mentre mezza Hollywood si fa sedurre dai miraggi dell’effettistica ad ogni costo, il debuttante – ma maturo – regista siculo preferisce lavorare con la pazienza e la meticolosità di un artigiano o di un tessitore, piuttosto che con lo scandalismo facile di un prestigiatore. Ne vien fuori un racconto intenso e scorrevole, dai risvolti favolistici, come intriso della malinconia di una stagione che muore.
 
Estate del 1980, stagione insanguinata dalla strage di Ustica e dall’attentato di Bologna. Le deflagrazioni della Storia restano sullo sfondo, attutite dai frangenti del mare sulla spiaggia di Torre Guaceto, in Puglia. Si bighellona e si fanno falò. Ogni tanto si curiosa dietro la cortina di ferro della base Nato, dove i soldati americani fanno il surf. L’occhio più vispo, ma anche più enigmatico, è quello di Martino, introverso adolescente che soffre per la morte prematura della madre, né lo sollevano la stridente differenza di sensibilità col fratello maggiore ed il rapporto di sostanziale incomprensione col padre, proletario severo e autoritario. Tra un’incursione e l’altra nel presidio americano, ora per spiare, ora solo per un bagno di gruppo, Martino stringe un rapporto d’amicizia col capitano Jeff Clark. L’adolescente imparerà il surf, la disciplina, la gestione delle prime cotte (è invaghito della fiamma del fratello, Silvia); il militare a ripensare il suo ruolo da soldato ed il rapporto – fallito – col figlio transfugo. Martino scopre l’amicizia, forse per l’amore è un po’ acerbo e sognatore.
 
In un gioco di scatole cinesi dalle pareti fragili, la favola di Martino si confonde con quella che amava ascoltare dalla madre, con protagonista il pirata Dragut – inventata e scritta a sei mani, anche se il nome appartiene effettivamente ad un corsaro pugliese dell’800. Il tema di fondo è quello della capacità di sognare, che Martino preserva intatta nonostante il trauma della perdita della madre, i rapporti non idilliaci col fratello e col padre, un’Italia turbata da episodi tragici. Ogni facile deriva da apologia ingenua è accortamente evitata perché l’adolescenza, oltre al sogno, vive anche di delusioni; perché la Storia preme con urgenza drammatica sulle vite degli individui; perché i flashback con le interpolazioni favolistiche su Dragut condiscono il sogno con l’amarezza della nostalgia della genitrice. Il mare, protagonista più che sfondo di tanti campi lunghi, sembra assurgere ad elemento simbolico di sintesi, luogo dell’avventura (il primo bacio con Silvia) e del sogno (Dragut), ma anche della tragedia e della memoria (Ustica; la lontananza del figlio surfista del capitano Clark). Passato e presente intrecciano suggestioni, come sogno e memoria: “sognare non significa dimenticare”.
 
Bene i giovani protagonisti Luigi Ciardo e Matilde Maggio, a confronto con l’umanissimo veterano Treat Williams (Hair, C’era una volta in America, Il Principe della città), ma è tutto a funzionare: dal montaggio di Paola Freddi, che mescola con ritmo fluido passato e presente; alla fotografia di Vladan Radovic, che col sapiente uso dello sfocato isola alcune percezioni di Martino; dalla sceneggiatura di Giorgio Fabbri, abile a sfruttare anche i silenzi; alla regia complessiva di Massimo Natale, in grado di confezionare un prodotto cinematografico intelligente, genuino e d’atmosfera.

[+] lascia un commento a amaior »
Sei d'accordo con la recensione di Amaior?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
89%
No
11%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
L'estate di Martino | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Luca Volpe

Pubblico (per gradimento)
  1░ | rongiu
  2░ | giacomo j.k.
  3░ | algernon
  4░ | riccardo t.
  5░ | angelo umana
  6░ | cinefila
  7░ | amaior
  8░ | paola di giuseppe
  9░ | nick castle
10░ | kiarasko
11░ | jayan
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdý 19 novembre 2010
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità