Come in uno specchio

Acquista su Ibs.it   Dvd Come in uno specchio   Blu-Ray Come in uno specchio  
Un film di Ingmar Bergman. Con Harriet Andersson, Max von Sydow, Gunnar Björnstrand, Lars Passgård Titolo originale Säsom i en spegel. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 89 min. - Svezia 1961. MYMONETRO Come in uno specchio * * * * - valutazione media: 4,38 su 14 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
onufrio martedì 9 giugno 2020
alla ricerca di dio Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Analisi psicologica di quattro personaggi tormentati in cui spicca la malattia di Karen, schizofrenica da poco uscita da una clinica e costantemente inghiottita dal mostro interiore. Insieme a lei, il marito premuroso ma al tempo stesso rassegnato, il giovane fratello ed il padre. Ambientato nell'isola di Faro, in Svezia, è il primo film della trilogia di Bergman sul Silenzio di Dio. Oscar come miglior film straniero.

[+] lascia un commento a onufrio »
d'accordo?
il befe domenica 22 febbraio 2015
capolavoro Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

uno dei migliori di bergman

[+] lascia un commento a il befe »
d'accordo?
luigi chierico mercoledì 18 giugno 2014
per riflettere Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

In ogni Arte ci sono artisti che hanno lasciato capolavori,in eredità all’umanità, rimanendo vivi nella Storia. A volo di rondine: Michelangelo della Pietà, Leonardo da Vinci della Gioconda,Omero dell’Odissea,Verdi dell’Aida,Dante della Divina Commedia, Shakespeare dell’Amleto.Il Cinema è stato definito la “Settima Musa” e in questa Arte eccelle,tra pochi altri,Ingmar Bergman. I suoi film devono intendersi vere e proprie opere d’arte, da “Il posto delle fragole” al “Settimo sigillo”, senza voler far torto a nessuno dei tanti altri film, oltre 40. Come ogni opera d’arte non conosce tempo, epoca e spazio,è destinata all’umanità per sempre. Sono queste considerazioni a farmi dire due parole su questo capolavoro. [+]

[+] lascia un commento a luigi chierico »
d'accordo?
luca scial� mercoledì 4 settembre 2013
una vacanza che tocca tutti i nervi scoperti Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Un padre vedovo con i suoi due figli e il genero passano un weekend nella loro casa su un'isola. Una vacanza che presto porta alla luce tutti i loro problemi. Un capofamiglia freddo e distaccato sempre fuori per lavoro; una figlia malata terminale che ha delle allucinazioni; il figlio omosessuale che non riesce ad avere un dialogo col padre. Quell'isoletta inizialmente paradisiaca si trasforma in un inferno.
Bergman propone tanti temi cari a lui: il rapporto difficile con Dio, le inquietudini del vivere, il pensiero della morte, ambientazioni cupe o raggianti a seconda dell'umore dei suoi protagonisti. Vinse l'Oscar come film straniero nel 1962.

[+] lascia un commento a luca scial� »
d'accordo?
salvo sabato 3 marzo 2012
un tranquillo week-end di ...angoscia. Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Un tranquillo week-end di umana paura, potremmo definirlo. Poco più di ventiquattro ore di una breve ...vacanza da incubo dei quattro membri di una benestante famiglia svedese, su un'isoletta ventosa del Mar Baltico. Potrebbe essere Faro. Ritmato dalla Suite n. 2 in re minore per violoncello (E.B. Bengtsson) di J.S. Bach, è un quartetto di figure che inaugura “il cinema da camera” di I. Bergman. In pratica ricollegando questo singolare esempio, insieme gli altri due successivi, del cinema di Bergman al movimento della cd. Kammerspielfilm, sorto nel 1921 come reazione al primo espressionismo per iniziativa del scenarista Karl Mayer e del regista Lupu-Pick. Ed apre anche la cd. “trilogia di Dio” o dell'”assenza di Dio” o “religiosa”. [+]

[+] lascia un commento a salvo »
d'accordo?
blackredblues venerdì 16 settembre 2011
c'erano il bianco e il nero. e poi venne il grigio Valutazione 5 stelle su cinque
86%
No
14%

Troviamo (in nuce) molti temi cari a Bergman. Donna/bambina, affetta da schizofrenia, dissolve i suoi contorni in un incubo che si fà realtà ed una realtà che si fà incubo. Partecipi del suo delirio, anche se meno consapevoli di ciò (so che potrebbe sembrare paradossale ma credo sia così): il fratello, il marito ed il padre. L'ambientazione è quella di un'isola, la spiaggia, il mare, finestre e tende che celano l'inesprimibile (così ben espresso!) prorpio come in un altro grande film del regista quale è Persona (quest'ultimo però è più sintetico ed audace nello sperimentare, scevro di manierismo). [+]

[+] lascia un commento a blackredblues »
d'accordo?
eugenio domenica 27 giugno 2010
inferni Valutazione 5 stelle su cinque
41%
No
59%

Primo film della trilogia sulla ricerca di Dio, cui seguiranno "Luci d'inverno" e "Il Silenzio", "Come in uno specchio" costituisce la summa del pensiero di Bergman sui grandi nodi della vita: la malattia, l'unità familiare, il fine dell'arte, il raggiungimento dell'infinito e della trascendenza, il senso del dolore. Non solo tematiche archetipe; il film, rivela una forte matrice autobiografica che emerge sin dal titolo: lo specchio,infatti, rappresenta per antonomasia la maschera, l'apparenza, quel senso di doppiezza, caro alle tradizioni espressioniste, che ha sempre riscontrato in se' il regista. Il suo alter ego,che ha le parvenze di Gunnar Bjornstrand, rappresenta un padre intellettuale, poeta che ha sacrificato l'aspetto personale della sua esistenza, l'amore per la poesia e l'arte, ai suoi due figli, Minus e Karin. [+]

[+] lascia un commento a eugenio »
d'accordo?
lucy venerdì 17 novembre 2006
grande film Valutazione 5 stelle su cinque
80%
No
20%

visto di notte fà ancora più effetto

[+] lascia un commento a lucy »
d'accordo?
francesco spaghetti sabato 15 aprile 2006
non ho capito Valutazione 0 stelle su cinque
17%
No
83%

Non ho capito niente ma stava un film bellissimo pero un po bruto. Non voglio dire che la storia stava difficile da capire ma lo stava. E una buona idea di andare a verderlo ma non ci andate ! bacione.

[+] lascia un commento a francesco spaghetti »
d'accordo?
biagio lunedì 25 luglio 2005
da non perdere o da rivedere Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Questo film di Bergman uscito nel 1962 è uno dei più autobiografici del regista svedese. La pellicola rappresenta soprattutto un’originale chiave di lettura del senso religioso legato alla follia. L’opera ha uno svolgimento delle parti visive e verbali ben equilibrato. Inoltre le idee letterarie nell’insieme sono efficaci e ricche di sottigliezze. Il film si avvale anche della musica di Bach che svolge una parte di rinforzo del significante filmico con notevoli risultati di rilievo estetico. Bergman riesce a mettere in luce con dovizia di particolari alcuni importanti nodi psicologici dei personaggi evidenziandone con bravura i relativi approdi di trasformazione esistenziale e comportamentale. [+]

[+] lascia un commento a biagio »
d'accordo?
Come in uno specchio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marco Chiani

Pubblico (per gradimento)
  1° | salvo
  2° | blackredblues
  3° | biagio
  4° | luigi chierico
  5° | eugenio
Premio Oscar (1)
Premio Oscar (2)


Articoli & News
Shop
DVD
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità