Sing Street

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Sing Street   Dvd Sing Street   Blu-Ray Sing Street  
Un film di John Carney. Con Lucy Boynton, Maria Doyle Kennedy, Aidan Gillen, Jack Reynor, Kelly Thornton.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 106 min. - Irlanda 2016. - Bim Distribuzione uscita mercoledì 9 novembre 2016. MYMONETRO Sing Street * * * 1/2 - valutazione media: 3,61 su 19 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Quel ragazzo in noi con mare e musica in faccia Valutazione 4 stelle su cinque

di Riccardo Tavani


Feedback: 33555 | altri commenti e recensioni di Riccardo Tavani
venerdì 25 novembre 2016

Che ci fa un adolescente dublinese di metà anni ’80 sugli schermi cinematografici di un nuovo millennio, il quale si presenta con paesaggi e scenari completamente diversi da quelli dell’epoca narrata? Per quanto assurdo possa sembrare ci sta parlando proprio del nostro presente, se non addirittura del nostro futuro. E ne sta parlando a tutti: ragazzini, adolescenti, giovani, adulti e anziani. Ossia a quel ragazzino che crescendo continuiamo a portarci dentro e addosso.
 
Si chiama Conor ma il fratello maggiore Brendan lo chiama Cosmo. Il Cosmo è illimitato, infinito. È uno spazio-tempo sempre incommensurabilmente aperto davanti a noi. Noi siamo sempre inesorabilmente fuori misura per difetto rispetto a esso. Più noi procediamo nel mondo, nel cosmo, più esso ci si apre davanti, ponendoci nuove situazioni, problemi, drammi, angosce, dilemmi. L’incertezza, l’instabilità domina così la nostra esistenza.
 
È quello che accade a Conor. Una mattina si sveglia e tutto cambia per lui. La madre e il padre, convocano attorno al tavolo della cucina lui, sua sorella Ann e il fratello Brendan. Non solo sono in procinto di separarsi, ma il padre è disoccupato e senza ormai più reddito e risparmi. La casa deve essere messa in vendita, i figli spartiti tra i genitori e Conor lasciare il suo liceo, perché troppo costoso. Per lui è già stata decisa l’iscrizione a quello dei Fratelli Cristiani, in Singe Street, nel quale più che i libri dominano i cazzotti: di studenti e prof. Cosmo come Caos, nel quale Conor capitombola all’improvviso.
 
Esiste in biologia un termine – poi adottato anche da antropologia e filosofia – che indica questa congenita condizione umana. Il termine è neotenia, ossia il permanere in alcune specie animali di organi che non arrivano mai a una piena, completa evoluzione, maturazione. Rimangono per tutta la vita abbastanza simili alla condizione neonatale. L’uomo è una di queste specie neoteniche. Conserva organi, tratti e aspetti più vicini alla sua condizione di nascita rispetto ad altri animali. A differenza degli animali, che vivono in una loro nicchia ecologica chiusa e alla quale reagiscono sulla scorta di una precisa dotazione d’istinti, l’uomo si trova in una situazione di permanente infanzia, ossia di imperizia, inadeguatezza di fronte alla continua, imprevedibile apertura del mondo.
 
Conor può contare però su due discrete risorse le quali, se non gli risolvono tutti i problemi, certamente lo aiutano a non smarrirsi completamente nel magmatico Cosmo-Caos. Sono l’amara, disincantata saggezza di suo fratello Brendan e un drive tutto interiore che è il dare forma di parole, testi di canzoni, accordi di chitarra all’informe magma della giungla sociale, familiare, scolastica ed emotiva. Le cose poi si complicano con l’apparire di Raphina, una ragazza più grande, apparentemente più scafata di lui, in realtà solo più illusa nel suo sogno di prendere il largo verso Londra. Dublino, infatti, è il Cosmo-Caos nella versione Fossa delle Marianne della depressione. 
 
La musica costituisce per Conor non solo una guida nel mare aperto, incerto del mondo ma un elemento di vera metamorfosi interiore ed esteriore. Una chitarra dietro la quale rifugiarsi. Una passione per non cedere e, anzi, per andare verso il mondo spalancato a viso altrettanto aperto, con vento, mare e musica in faccia. Una passione – potrebbe essere qualunque altra – per dare una propria forma, un proprio senso all’insensatezza, alla follia umana che ci circonda.

[+] lascia un commento a riccardo tavani »
Sei d'accordo con la recensione di Riccardo Tavani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Riccardo Tavani:

Vedi tutti i commenti di Riccardo Tavani »
Sing Street | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | flyanto
  2° | ladyviolet97
  3° | maumauroma
  4° | lbavassano
  5° | riccardo tavani
  6° | catcarlo
  7° | wolvie
  8° | yarince
  9° | alex62
10° | domenico astuti
11° | zarar
London Critics (1)
Golden Globes (1)
David di Donatello (1)
Critics Choice Award (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità